09/11/2010
Irrawaddy: Mae Sot riceve migliaia di rifugiati birmani – Wai Moe

Mae Sot – Il continuo conflitto armato tra il le truppe del governo birmano e la Democratic Karen Buddhist Army (DKBA) Brigade 5 ha forzato migliaia di rifugiati a superare il confine e arrivare a Mae Sot.                  

Gli ufficiali thailandesi a Mes Sot stimano che più di 10.000 rifugiati sono entrati in Thailandia questo lunedì dopo che gli scontri sono scoppiati alle prime ore dell’alba – un giorno dopo che la Birmania ha tenuto le prime elezioni da 20 anni a questa parte. Altre fonti stimano che il numero di rifugiati possa essere ora di almeno 30.000 persone.                 

I rifugiati che provengono dall’area di Myawaddy – la città birmana di confine dall’altra parte del fiume rispetto a Mae Sot – includono neonati e anziani, che sono stati portati a spalla dai familiari.                     

La maggior parte dei rifugiati è scappata con poco in mano, attraversando il fiume Moei gruppo a a gruppo con il sibilo delle pistole e il fragore delle esplosioni appena dietro di loro.                  

“Sia io che i membri della mia famiglia siamo corsi via dalla battaglia nella città, prendendo tutto quello che potevano portare a mano” ha detto una donna di 50 anni di Myawaddy “Non so quando potremo tornare a casa”.           

La donna ha aggiunto anche che le forze di sicurezza Thailandesi e i volontari prima li hanno portati in una costruzione in un monastero vicino al fiume. Dopo sono stati spostati, insieme ad altri rifugiati, con un camion, a un compound militare di fronte all’aeroporto di Mae Sot.  
 


Foto - Rifugiati scappati a Maes Sot - Post Election
Fonte della foto: BBC

(Puoi leggere l'articolo in originale su The Irrawaddy)
(Se clicchi sulla foto puoi leggere l'aggiornamento della BBC)

(8 Novembre 2010)


28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.