10/06/2014
La lotta per la conquista della Birmania
Sfide ed opportunità per gli investitori, la Responsabilità sociale come grande opportunità

Arrivata dal freddo

Dopo anni di isolamento, il Myanmar noto anche come Birmania sta finalmente uscendo dal freddo. Si è registrato un tasso di crescita del 6.5% nel 2013 e secondo la Banca Mondiale,  lo scorso anno gli investimenti diretti esteri sono saliti a 2.7 miliardi dai 1.9 miliardi del 2012. L’aumento delle esportazioni di gas  dai fields di Shwe e Zawtika, l’apertura del gasdotto di 2000 km tra la Birmania e la Cina  e l’annuncio della aperture di 30 blocchi offshore nel 2014 significa che il settore energetico continuerà a giocare un ruolo chiave nella guida della crescita che l’ADB prevede possa raggiungere il 6.8% quest’anno. Il settore del commercio e delle costruzioni si stanno ampliando con la costruzione di hotel, centri commerciali  e edifice per appartamenti in tutta Rangoon, Mandalay e nella capital Nay Pyi Daw. Molto ci si aspetta dall’agricoltura , dalle telecomunicazioni, dalla finanza e dal settore minerario. Le prospettive di crescita economica stanno migliorando con l’aumento del processo di modernizzazione. Anche se si devono risolvere molte questioni connesse con l’impegno del governo sulle riforme e sulla sua volontà di arginare la corruzione, la partecipazione straniera  all’economia è in crescita. A Maggio di quest’anno l’assicurazione canadese Manulife è ritornata in Birmania dopo settanta anni  di assenza e ha aperto un ufficio di rappresentanza  a Rangoon. “le attività economiche nel paese si muovono più felicemente di quanto ci si potesse aspettare” ha dichiarato a  PRWeek  Paulius Kuncinas, Editore regionale di OBG. Blink è l’ultima ad affiancarsi alle agenzie e imprese del settore dei media che hanno recentemente aperto I propri uffici in Birmania. Nel 2013 la TNS è stata la prima azienda di ricerca e consulenza ad aprire i suoi uffici. Secondo la Direzione investimenti e amministrazione d’impresa, più di 5.000 nuove imprese si sono ufficialmente registrate in Birmania dall’inizio del 20111. Ciò comprende anche le 1300 imprese straniere che per la prima volta hanno aperto proprie filiali o uffici di rappresentanza  nel paese.

All’ apice del cambiamento

La Birmania a concesso la licenza a due operatori telefonici stranieri  la Ooredoo del Qatar e la norvegese Telenor. L’apertura del settore delle telecomunicazioni è stato considerato come un test del programma di riforma del governo. E rappresenta una pietra miliare negli sforzi di modernizzazione del paese. Secondo l’OBG il tasso di penetrazione della telefonia mobile del paese dovrebbe raggiungere l’85% in meno di cinque anni. “Il governo birmano voleva fare nel paese in due anni quello che I nostri paesi hanno fatto n 15” ha dichiarato Sigve Brekke, direttore esecutivo della Telenor Asia. “in altre parole vogliono ottenere in una volta I servizi dati 2G, 3G e $G."Una scheda Sim nel 2010 costava 2.000$ , oggi è scesa a 120” ha detto a PRWeek, Rajeev Merchant, direttore esecutivo di Asia Advisory Group told PRWeek. Questo è ancora fuori dalla portata dei birmani ordinari, ma l’arrivo di due fornitori di servizi di telefonia mobile considerati dei fuori classe promette di ottenere una riduzione dei costi e di dare una spina alla penetrazione della telefonia mobile che oggi al 10 % rimane deprimente..

Scommettere sul digitale.

Blink ha scommesso sulla crescita dei media digitali. Secondo l’MPT la società birmana di Poste e Telecomunicazione attualmente vi sono più di 2.6 milioni di persone che usano internet, con oltre 1.8 milioni di loro che usano le reti mobile GSM. Il paese sta cercando di aumentare di 70.000/80.000 utenti di internet al mese. Secondo MPT circa 100.000 utilizzatori usano internet attraverso la rete WCDMA, 350.000 attraverso CDMA800 e 330.000 attraverso CDMA800.

Uno spettatore filma uno spettacolo di danze tradizionali del leone sul suo Smartphone a Rangoon (2013). La Birmania sta entrando nell’era digitale.

"a casa, al lavoro o in giro i birmani stanno iniziando ad adottare stili di vita digitali” osserva Erik Oo Coo dell’Anthem Asia, una azienda indipendente di investimenti e consulenze che sta finanziando Blink. Ma l’adozione di uno stile digitale non è facile in un paese dove la connettività è un problema e dove vi sono frequenti interruzioni di corrente. L’ editore ha scoperto questo sulla sua pelle quando non è riuscito ad avere una telefonata senza interruzioni con I suoi interlocutori di Rangoon via Skype. “Il problema più grosso per ciascuno è di far sic he internet sia stabile e che non vi siano interruzioni di elettricità” ha ammesso Kyaw.

Facebook è la piattaforma sociale più usata nel paese, ma ha solo 1.4 milioni di iscritti. Il tasso di penetrazione di internet è inferiore al 2%. E con una banda larga molto bassa,  piattaforme del tipo YouTube, Twitter e Instagram non sono molto utilizzate. Ma Kyaw è speranzoso sul future. “la Birmania sta per saltare nel mondo digitale da zero tanto più che due reti di telefonia mobile straniere stanno lanciandosi a livello nazionale con un salto immediate.” Con una popolazione di 60 milioni di abitanti la Birmania non rappresenta un mercato di frontiera vergine. E con l’inclusione finanziaria di milioni di nuovi consumatori che stanno aspettando che ciò avvenga, (probabilmente attraverso risorse finanziarie) le opportunità per i media a pagamento o gratuite sono allettanti. “ vediamo le opportunità di affari come Blink che serviranno una domanda interna e dei consumatori che cresce velocemente.,” spiega Peter Witton, direttore di Anthem Asia per illustrare la decisione dell’azienda di fondare Blink. Uno dei primo progetti era di lanciare  per conto del gigante della rete e delle comunicazioni cinese Hwawei, una campagna di outreach digitale durante il Capodanno Birmano (Thingyan)

I dividendi dell’impegno

La Birmania è stata considerate per molto tempo uno stato reietto Insieme a la Corea del Nord e Cuba  è stata inserita nella lista internazionale degli stati isolati per I loro spaventosi record sui diritti umani. I generali che avevano gestito il paese avevano evitato gli investimenti esteri e reso estremamente difficile a tutti fare affari nel paese. Ma dopo la nomina del governo semi civile guidato dal Presidente Thein Sein, un ex generale dell’esercito, nel marzo 2011, il vento del cambiamento ha cominciato a migliorare il clima politico e degli investimenti nel paese. La leader democratica Aung San Suu Kyi e il suo partito l’NLD hanno sbaragliato le elezioni suppletive l’anno successive facendo sic he venissero eliminate le sanzioni occidentali con il conseguente ritorno degli investitori stranieri.

Ma I risultati di questo reinserimento con il resto del mondo sono stati un po di croce e delizia per I nuovi investitori. Mentre lo skyline di Rangoon è segnato dalle gru e dalle impalcature per la costruzione di alberghi, grandi magazzini e edifici per abitazioni, così da mantenere il passo con la crescente domanda, gli affitti degli uffici sono in esponenziale crescita.

"Quando sono appena arrivato a Rangoon circa due anni fa, le stanze d’albergo costavano tra I 60 e 80 $. La stessa stanza oggi costa tra I 250 e I 300 $” afferma Merchant. Secondo Karlo Pobre, direttore di ricerca  presso la Colliers International, Rangoon oggi detiene la media più alta del costo degli affitti al mese. Uno scioccante 21% in più rispetto a Singapore. Gli affitti possono andare tra I 20$ ai 39$ al mq al mese” ha dichiarato a PRWeek. Nel primo quadrimestre la media del costo degli uffici è cresciuta del 2.7$  rispetto allo stesso periodo  dello scorso anno. Questo rende difficile per le agenzie che dipendono dai flussi di cassa di fare programmi a lungo termine. Il capo di una agenzia locale ha dichiarato al PRWeek che il suo proprietario ha aumentato l’affitto del suo ufficio due volte nel corso dello scorso anno.

Media tradizionali

"ogni azienda che vuole lanciarsi in Birmania ha bisogno di una visione di lungo periodo” ha dichiarato Brian Griffin, direttore esecutivo di Vero, che a gennaio 2013 ha aperto un ufficio e ora si è guadagnato una nicchia nel settore delle  consulenze di PR e negli affari pubblici. "Dall’inizio del 2013 la domanda di PR è cresciuta a causa dell’arrivo delle multinazionali “ ha detto Rose Swe direttore del della locale azienda di PR Mangosteen: “l’allentamento delle norme sui media e la concessine di licenze per la pubblicazione di quotidiani ai privati sta sostenendo la domanda di servizi di PR”. Secondo Swe il panorama dei media birmani oggi consiste in 15 giornali, tre  reti televisive di stato nazionali  e tre canali a pagamento. Kyodo News ha aperto I suoi uffici a Rangoon lo scorso anno dopo che il governo ha concesso a uffici stranieri di news di aprire I loro uffici..

Relazioni pubbliche e RSI

Con la aperture di settori come quello minerario, dell’agricoltura e delle telecomunicazioni, le relazioni pubbliche sono diventate un’importante settore per I grandi investitori globali. Con la crescita delle preoccupazioni sull’accaparramento delle terre, la evacuazione delle popolazioni locali e il degrado ambientale gli investitori sono sempre più convinti della necessità di rendere la RSI una componente per l’accesso al mercato. “entrare in Birmania con una forte campagna sulla RSI aiuta le imprese a rispondere agli stakeholders locali nei settori pubblici e privati, nella costruzione di infrastrutture e nella raccolta di informazioni sull’ambiente di affari” dice Griffin. In Birmania la RSI non è obbligatoria come in India, dove le imprese sono tenute a accantonare il 2% dei profitti per investimenti sociali. Ma la RSI in Birmania offre una opportunità unica per avere un impatto notevole. Tom Evrard, direttore esecutivo di FTI Consulting ha dichiarato a PRWeek che il suo cliente Ooredoo ha coordinato una serie di attività di RSI da quando a giugno dello scorso anno è stato annunciato che aveva vinto la gara. Ha siglato una partnership con Cherie Blair Foundation per le donne per la formazione di 30.000 donne  birmane perché diventino agenti per la vendita al dettaglio delle schede. Anche le PMI e le medie aziende si sono salite sul treno della RSI “Il nostro modello di affari si basa sul turismo sostenibile, l’uso di materiali locali,  il sostegno alla agricoltura organica,  il riciclo dei rifiuti, l’utilizzo prevalente delle risorse derivanti dal turismo nella comunità e la creazione di posti di lavoro nella  contemporanea tutela dell’ambiente;” ha dichiarato a PRWeek Josephine Price, cofondatrice e proprietaria di Thahara, una azienda che offre  alloggi ed esperienze uniche in Birmania.”Per la maggior parte delle agenzie la vera azione di PR  da parte delle agenzie comunque riguarda l’ambito degli affari pubblici, dove la costruzione della fiducia, e la promozione di un rapporto di lavoro sano tra investitori e funzionari pubblici rimane ancora oggi il punto più critico da riempire.

La sfida

Gli investitori sostengono che lingua e talento sono gli ostacoli maggiori da superare. Il lungo isolamento dalla comunità internazionale significa che pochi direttori di marketing hanno una reale esperienza di gestione degli affari nel paese. La sua lingua e cultura sono uniche e, come ha scoperto recentemente l’Unilever, le imprese straniere possono spesso trovarsi spiazzate dalle condizioni locali. Il gigante dei prodotti di consumo ha cercato questo mese di rimuovere della pubblicità dai negozi nella provincia dello stato Rakhine dove era stato esposto il simbolo di un movimento buddista estremista, condannato per una ondata di attacchi sanguinari contro la minoranza mussulmana. Anche se i birmani espatriati stanno tornando indietro per riprendere gli affari che avevano lasciato per lungo tempo e la loro assunzione potrebbe essere una proposta molto costosa. I pochi talenti locali sono presi in grande considerazione e vengono accaparrati velocemente dalla concorrenza. I salari anche se ancora convenienti, stanno salendo rapidamente e mentre la crescita giustifica l’aumento degli investimenti nei talenti, assicurare una robusta qualità di servizi,  rimane ancora una sfida per il prossimo futuro.

News