17/10/2017
la UE interrompe le relazioni con le forze armate birmane.

L'Unione europea lunedì 16 ha dato un colpo a ciò che erano stati dei legami sempre più amichevoli tra il blocco dei paesi UE e l'esercito birmano, affermando che avrebbe sospeso qualsiasi invito ai responsabili del Tatmadaw e avrebbe "esaminato tutta la cooperazione pratica sui temi della difesa", mantenendo inoltre l’attuale embargo sulle armi.

La rottura delle relazioni nasce a seguito del conflitto nello Stato Arakan, che il Consiglio dell'Unione ha descritto come uno "sproporzionato di uso delle forze da parte delle forze di sicurezza" contro i musulmani Rohingya. I più alti funzionari delle Nazioni Unite hanno descritto la campagna di contro-insurrezione come un "caso da manuale dipulizia etnica", un'accusa che il consigliere della sicurezza nazionale della Birmania ha negato in una dichiarazione davanti al corpo mondiale il mese scorso.

"La situazione umanitaria e dei diritti umani nello Stato Rakhine [Arakan] è estremamente grave", afferma la risoluzione adottata dal Consiglio dell'UE il lunedì. "Ci sono rapporti profondamente preoccupanti su continui incendi e violenze contro le persone e gravi violazioni dei diritti umani, tra cui l’uso indiscriminato delle armi, la presenza di mine terrestri e le violenze sessuali e di genere. Questo non è accettabile e deve terminare immediatamente ".

La dichiarazione è stata rilevante in quanto in tre sue parti faceva riferimento alla popolazione "Rohingya, un uso di una terminologia controversa che solo l'anno scorso l'ambasciatore dell'UE in Birmania ha detto non sarebbe stato pronunciata, su richiesta del consigliere di Stato Aung San Suu Kyi.

"Quando così tante persone vengono sfollate in modo così rapido, questa indica con forza un'azione deliberata per espellere una minoranza", ha detto la dichiarazione, invitando il governo della Birmania a garantire che i rifugiati Rohingya, di cui oltre 500.000 sono fuggiti in Bangladesh nelle ultime settimane, possano tornare "in sicurezza e dignità".
L'esodo di massa è stato indotto da una pesante risposta della sicurezza contro gli attentati militari dell'Arakan Rohingya Salvation Army (ARSA) su alcuni avamposti della polizia il 25 agosto.

Un paese europeo, non vincolato dagli impegni di adesione all'Unione europea, però, non sembra essere toccato dalla violenza nello Stato Arakan: Secondo i media dello stato birmano, la Svizzera ha ricevuto lunedì una delegazione che comprendeva il generale n. 2 dell’ Tatmadaw, Soe Win.

La risoluzione del Consiglio dell'UE arriva solo poche settimane dopo un tentativo tra il Tatmadaw e la Gran Bretagna, che ha sospeso un programma di formazione per gli ufficiali birmani e gli ex militari mentre i rappresentanti delle forze armate birmane hanno dichiarato di non voler prendere "mai più" in considerazione l’invio di propri uomini nel Regno Unito per qualsiasi tipo di impegno militare bilaterale.

La rottura nei rapporti minaccia di indebolire le prospettive di investimento in Birmania da parte delle imprese dell'UE dopo l'abolizione di una serie di sanzioni economiche nel 2013. La Birmania sembra sempre più doversi rivolgere ai vecchi partner economici come la Cina, vista spirale nella situazione dello Stato Arakan: i media statali hanno riferito domenica di una manifestazione a favore del leader cinese, Xi Jinping, del primo ministro indiano Narendra Modi e del presidente russo Vladimir Putin per il loro approccio alla crisi dello stato Arakan.
Storie correlate

Il Consiglio dell'Unione europea ha invitato altresì la Birmania ad accettare la missione di inchiesta delle Nazioni Unite istituita a marzo per verificare le violazioni dei diritti umani nello Stato Arakan, così come negli stati Kachin e Shan. Il governo ha detto che non permetterà ai membri del team di entrare in Birmania.

Tuttavia, quella della UE non è stata una condanna globale.
"L'UE ei suoi Stati membri riconfermano il loro forte impegno, sottolineato dalla strategia sul Myanmar [giugno 2016] a sostegno della transizione democratica del Paese, la pace, la riconciliazione nazionale e lo sviluppo socioeconomico", ha sottolineato la risoluzione di lunedì

News