17/11/2016
Repressione nello Stato Rakhine: centinaia di mussulmani Rohihgya in fuga verso il Bangladesh


DHAKA / Sittwe - Centinaia di musulmani Rohingya fuggono in Bangladesh a causa della repressione militare in atto nella Birmania occidentale, e cercano di sfuggire una recrudescenza di violenza che ha portato il numero totale dei morti confermati da parte dell'esercito a più di 130.
Alcune persone sono stati freddate mentre cercavano di attraversare il fiume Naaf che separa Birmania e Bangladesh, mentre gli altri  che arrivano in barca sono stati spinti via dalle guardie di frontiera del Bangladesh e possono essere bloccati in mare, dicono i residenti.
La recente violenza nella zona è la più grave dal momento che nel 2012 centinaia  di persone sono state uccise in scontri comunali nello stato della Birmania occidentale di Arakan, noto anche come Rakhine,.
I soldati nella zona lungo di frontiera della Birmania con il Bangladesh, hanno risposto il 9 ottobre agli attacchi coordinati su tre posti di frontiera, che ha ucciso nove agenti di polizia.
Hanno bloccato la zona, dove la maggior parte dei residenti sono musulmani Rohingya, chiudendo fuori operatori umanitari e osservatori indipendenti. L'esercito ha intensificato le sue azioni negli ultimi sette giorni utilizzando  elicotteri causando decine riferito uccisi.
Gli operatori umanitari, i residenti del campo e le autorità del Bangladesh hanno stimato che almeno 500 persone sono fuggite dalla Birmania dopo gli attentati di ottobre. I rifugiati sono ora ospitati in quattro campi sul lato del Bangladesh del confine, dicono.
Ma Martedì, guardie di frontiera del Bangladesh  hanno respinto indietro un gran gruppo di persone che cercano di attraversare il confine.
“All'inizio Martedì, 86 Rohingya, tra cui 40 donne e 25 bambini sono stati spinti indietro da parte del BGB (Guardia di frontiera del Bangladesh) dal punto di confine Teknaf", ha dichiarato il tenente colonnello Anwarul Azim, comandante del settore Bazar del Cox in Bangladesh orientale.
"Tutti coloro che hanno cercato di entrare in Bangladesh è arrivato con due barche motore. Ora abbiamo rinforzato il nostro pattugliamento e  altre forze supplementari sono state impegnate per garantire la sicurezza nella zona di confine ", ha detto.
Fonti Reuters hanno riportato che il gruppo non potendo rientrare nei villaggi in Birmania e potrebbe essere bloccato in mare.
Il Col. Htain Lin, ministro degli Affari di confine del governo dello Stato di Arakan, ha rifiutato di commentare la situazione. Il Maggiore Kyaw Win Mya, dalla polizia di Maungdaw, ha dichiarato che le persone stavano cercando di scappare perché hanno cercato di attaccare i militari.
"Gli abitanti del villaggio sono diventati ribelli, comprese le donne nel villaggio", ha detto Kyaw Win Mya.
La recente recrudescenza della violenza, a partire dal 9 ottobre, ha portato il numero dei sospetti militanti uccisi a 102, mentre prezzo pagato dalle forze di sicurezza è pari a 32, secondo un conteggio di Reuters sulla base di comunicati stampa di stato.

Molti Cadaveri
Quattro musulmani residenti locali del nord Arakan contattati da Reuters per telefono Mercoledì  e hanno confermato che centinaia di loro stavano cercando di fuggire e attraversare il fiume in Bangladesh. Hanno detto che alcuni sono stati freddati.
"I residenti mi hanno detto che quasi 72 persone sono state uccise nei pressi della riva del fiume, che i militari hanno sparato tra la folla sulla riva del fiume", ha detto un leader della comunità che non ha voluto essere identificato.
Un altro uomo di Maungdaw ha detto  che donne e bambini provenienti da circa 10 paesi stavano cercando di fuggire in Bangladesh e alcuni sono stati uccisi mentre stavano cercando di salire nelle barche.
"Molti cadaveri galleggiano in mare", ha detto l'uomo. Ha aggiunto che queste persone non erano in viaggio insieme, ma che si erano separati in gruppi di 20 o 50 per arrivare a delle barche.
I residenti e sostenitori dei diritti hanno accusato le forze di sicurezza di esecuzioni sommarie, stupri e incendi incendi delle case nella recente violenza. Il governo e l'esercito respingono le accuse.
I diplomatici hanno anche lanciato un appello per un'indagine indipendente e credibile, ma il governo non ha annunciato piani per realizzarla e ha messo invece in guardia contro una "campagna di disinformazione"  lanciata da un "gruppo di violenti dell’Arakan".
"Stanno usando il nostro paese, la nostra regione come base ... con l'intenzione di distruggere la zona, causando disordini, il caos nella zona, e stanno facendo questo per ottenere l'attenzione internazionale, per fare pressione in Birmania", ha detto Aye Aye Soe, direttore generale del Ministero degli esteri birmano, gestito da Daw Aung San Suu Kyi.
Ha dichiarato che il gruppo stava facendo questo per ottenere il sostegno finanziario con l'intenzione di "attuare la loro agenda politica ". Il "gruppo estremista" non vuole la pace ad Arakan, ha detto.
I sospetti militanti si sono identificati con Al-Yakin Mujahidin fino ad ora sconosciuto, e ripreso in video pubblicati on-line. In un clip recente, un uomo che era apparso in video precedentemente, sta di fronte a diversi uomini prostrati a terra con ferite sulla schiena e le gambe insanguinate.

"Siamo Rohingya e vogliamo ripristinare i nostri diritti usurpati," l'uomo grida alla macchina fotografica. "Meritiamo i nostri diritti e non siamo terroristi".

Le autorità hanno negato  ai giornalisti indipendenti l’accesso all'area, così Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente sia i rapporti dei militari o quelli dei residenti.

 

News