02/04/2017
Elezioni suppletive: l'NLD conquista 9 seggi su 18

Si sono tenute in Birmania le elezioni suppletive in alcune regioni e Stati, con ‘obiettivo di sostituire i parlamentari nominati al governo azionale o regionale. Il voto nelle elezioni suppletive per coprire i 19 seggi del parlamento nazionale e di quelli  regionali, considerato come un test per la popolarità della leader birmana ha consegnato la metà dei seggi al suo suo partito l’NLD. L’NLD ha vinto 9 seggi,  tra cui il seggio dove era stata eletta Aung San Suu Kyi, La Lega delle Nazionalità Shan  per la Democrazia ne ha ottenuti 6; l’USDP , il partito messo in piedi dai generali solo 2 e nello Stato Rakhine, il leader dell’Arakan National Party ha vinto un seggio  e nello stato Kayah l’All Nationalities Democracy Party ha ottenuto un seggi, anche per il fatto che l’NLD non aveva presentato in tempo  la candidatura. Questo voto rappresenta un’ulteriore indicazione del sostegno alla attuale amministrazione nel mezzo di una ripresa dei conflitti con i gruppi armati degli stati etnici e a fronte di un rallentamento della crescita economica.  Secondo la Commissione Nazionale per le Elezioni, l’NLD ha conquistato 9 seggi su 18. In un  recente discorso televisivo, Suu Kyi ha riconosciuto la frustrazione di una parte importante della popolazione per la lentezza delle riforme de dello sviluppo.

Ma ha anche ribadito la priorità centrale del suo governo ovvero la conclusione dei conflitti che hanno mantenuto la Birmania in uno stato di guerra civile perenne. Mentre le elezioni suppletive non avranno un impatto  sugli equilibri nel parlamento, dove l’NLD ha la stragrande maggioranza, offre la possibilità di avere il polso della popolarità dell’amministrazione nazionale.

Win Htein, uno dei maggiori leader dell’NLD ha dichiarato che “il partito ha dovuto affrontare barriere linguistiche e problemi con i gruppi armati nei distretti dello Stato Shan a causa del conflitto cresciuto nei mesi passati. Stiamo migliorando nello Stato Shan, ma i locali non parlano birmano quindi dobbiamo tradurre le scelte politihe nella lingua Shan” ha detto.  I maggior gruppi armati impegnati negli scontri con i militari hanno rifiutato di parteipare attivamente al processo di pace promosso da Aung San Suu Kyi. Infatti molti conflitti sono aumentati dall’inizio del governo e hanno prodotto un aumento di 160.000 persone sfollate. Oltre due milioni di votanti, meno del 5% della popolazione del paese, hanno potuto votare nelle elezioni suppletive nelle quali erano in ballo i seggi di otto stati e regioni. “Dopo un anno accettiamo ancora il governo dell’NLD. Stanno governando correttamente” ha dichiarato Victor Hla Sein, di 73

I risultati mostrano come  il partito sia ancora forte nelle sue aree centrali del paese, ma rivelano un certo malcontento . tra le minoranze etniche, che hanno a lungo lottato sotto il dominio della maggioranza Bamar a cui Suu Kyi appartiene.

L’ NLD è andato bene nelle sue roccaforti attorno alla capitale commerciale Yangon e nelle regioni centrali più a nord, ma ha subito perdite nelle zone più remote, anche nelle regioni delle minoranze etniche in cui la violenza degli insorti ha continuato nonostante la volontà di Suu Kyi di portare la pace, dopo decenni di lotte.

 

News