15/09/2017
Federica Mogherini interviene al Parlamento Europeo sulla crisi umanitaria dei Rohingya

 

L'Alto Rappresentante dell'Unione Europea Frederica Mogherini, il 14 settembre, ha partecipato ad un dibattito d'urgenza sulla Birmania al Parlamento europeo di Strasburgo, condannando la violenza e sottolineando gli sforzi dell'Unione Europea per porre fine ai conflitti nello Stato Rakhine e fornire un sostegno urgente ai rifugiati.

"I diritti umani devono essere rispettati e gli aiuti umanitari dovrebbero essere urgentemente fatti arrivare a coloro che sono in difficoltà. Nel Rakhine ci sono 350.000 soggetti vulnerabili: devono essere urgentemente raggiunti da operatori dell'aiuto umanitario e per molti di loro è questione di vita e morte ", ha detto Mogherini.

Come risposta immediata alla situazione attuale, l'Unione europea ha deciso di aumentare il proprio sostegno al Bangladesh con altri 3 milioni di euro, oltre agli aiuti di 2 milioni di euro già forniti a Birmania e Bangladesh. Questo finanziamento aggiuntivo contribuirà a fornire ai rifugiati appena arrivati in Bangladesh e in Birmania assistenza per l’alloggio, l'acqua, l'assistenza alimentare e l'assistenza sanitaria non appena l'accesso umanitario al Rakhine verrà ripristinata. Questo nuovo finanziamento sarà trasmesso imparzialmente da ONG internazionali, dalle Nazioni Unite o dalla Croce Rossa alle popolazioni colpite.

Mogherini ha ricordato che l'UE ha già condannato gli attacchi Arakan Rohingya Salvation Army, ma è anche molto consapevole e preoccupata degli eccessi durante le operazioni di sicurezza condotti dalle forze di sicurezza del Myanmar, che hanno portato ad un massiccio flusso di rifugiati in Bangladesh e che potrebbero destabilizzare la regione.  L'UE ha la responsabilità di lavorare sulla scena politica per determinare lo status della minoranza di Rohingya in Birmania e affrontare le questioni strutturali del sottosviluppo del Rakhine. "Continueremo a lavorare con tutti coloro che sono coinvolti per trovare una pace duratura in Myanmar, a beneficio di tutta la popolazione", ha dichiarato Mogherini.

L'Alto rappresentante ha sottolineato che nelle sue recenti consultazioni con la leader birmana Aung San Suu Kyi, l'attuazione delle raccomandazioni della Commissione consultiva sullo stato Rakhine, guidata da Kofi Annan, è stata chiaramente menzionata come un punto di riferimento per stabilizzare la situazione nella regione. Mogherini ha affermato che il governo birmano dovrebbe rafforzare la sua cooperazione con le Nazioni Unite, inclusa l'opzione per dispiegare la missione di indagine indipendente del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite sul terreno.

"Durante la lotta della Birmania per la democrazia, la comunità internazionale e l'Europa non hanno mai lasciato il popolo birmano da solo e non li lasceremo da soli" ha dichiarato l'alto rappresentante, concluso il suo discorso a Strasburgo.

News