28/08/2017
Kofi Annan Rapporto conclusivo della Commissione sullo Stato Rakhine
impegni importanti per costruire la pace in Birmania
allegato il trapporto conclusivo presentato da Kofi Annan
Il rapporto (66 pagine) indica i problemi centrali e da unaserie di importanti raccomandazioi. Alcune sono indicate di seguito.ù

TI CHIAVE DEL RAPPORTO

Il rapporto indica i problemi centrali nello stato e per ciascuna questione definisce alcune azioni strategiche chiave.

 

Il rapporto sottolinea che vi sono tre grandi crisi:
1) - crisi di sviluppo. Lo Stato è caratterizzato da una povertà cronica
Le restrizioni al movimento della popolazione musulmana hanno colpito l'economia. Vi è un'incapacità di migliorare le relazioni interetniche, la segregazione forzata e la minaccia di violenza e di instabilità continuano a scoraggiare gli investimenti del settore privato.
Il tasso di povertà dello Stato è del 78 %, quasi il doppio del tasso nazionale del 37,54 %,


Tutte le comunità del Rakhine soffrono della povertà, degli scarsi servizi sociali e della scarsa disponibilità di mezzi di sussistenza.
Gli agricoltori, i pescatori e le imprese a conduzione familiare ei salari nel settore agricolo sono bassi.
La minaccia di una continua instabilità e di una violenza - insieme a una generale mancanza di opportunità di lavoro - ha incoraggiato una significativa migrazione di sia dei Rakhine che dei musulmani, con conseguente carenza di manodopera in vari settori.
Una maggiore meccanizzazione - combinata con robusti servizi di estensione, sviluppo delle competenze e fornitura di input di qualità migliori agli agricoltori - potrebbe aumentare notevolmente la produttività dell'agricoltura.
Le zone economiche speciali (SEZ) potrebbero diventare potenzialmente un motore economico dinamico, generando posti di lavoro, crescita e rinnovato ottimismo per le comunità

2) - crisi dei diritti umani

Circa il 10 % delle persone senza dimora nel mondo vivono in Myanmar e i musulmani del Rakhine costituiscono la comunità più grande di apolidi nel mondo.

3)- crisi della sicurezza.
120.000 persone rimangono ancora nei campi per sfollati internamente (IDPs).

Mentre i musulmani hanno risentito della continua esclusione, la comunità Rakhine è preoccupata di diventare una minoranza nello Stato. L'ulteriore radicalizzazione all'interno di entrambe le comunità è un rischio reale.
Una risposta altamente militarizzata è improbabile che possa portare la pace nella zona.
Ciò che è necessario è un approccio calibrato, per combinare risposte politiche, di sviluppo, sicurezza e diritti umani, per garantire che la violenza non si esalti e le tensioni interetniche siano tenute sotto controllo.
Sia le comunità Rakhine che le comunità musulmane hanno radici storiche radicalmente radicate, formate dall'esperienza di violenza, ingiustizia e negligenza.
STORIA
Il regno Rakhine venne istituito nel 1430, la sua capitale a Mrauk U segna il confine tra l'Asia buddista e    quella musulmana; divenne sotto il controllo birmano nel 1784-85. L'annessione dello Stato Rakhine fu di breve durata. La prima guerra anglo-birmana (1824-1826) ha portato l'area sotto il controllo britannico e la successiva incorporazione nell’ India britannica.
Mentre nel Rakhine c'era una comunità musulmana dall'invasione birmana, la sua dimensione è aumentata rapidamente durante i periodi coloniali. Le politiche coloniali britanniche puntarono ad espandere la coltivazione del riso nel Rakhine e richiedevano una mole significativa di lavoro, un bisogno che era ampiamente soddisfatto dai lavoratori musulmani del Bengala.
Dal 1880 al 1930, la dimensione della comunità musulmana (come parte della popolazione totale dello Stato) sembra essere raddoppiata, aumentando da circa il 13 al 25 %.  Dalla metà del XIX secolo,
La cooperazione e la convivenza sono stati ripetutamente interrotti da tensioni comunali e sconvolgimenti armati. Nel 1942-43, durante le circostanze caotiche della guerra anglo-giapponese, entrambe le comunità subirono violenze e spostamenti diffusi. Sia i Rakhine che i musulmani hanno cercato di portare avanti i loro programmi politici attraverso la lotta armata contro il governo centrale. Poco dopo l'indipendenza della Birmania nel 1948, una rivolta musulmana "mujahidin" scoppiò nel Rakhine, per chiedere pari diritti e una zona musulmana autonoma nel nord dello Stato

Raccomandazioni

  1. aumentare la partecipazione delle comunità locali Rakhine al processo decisionale che influenza lo sviluppo dello Stato.
    Garantire un'adeguata compensazione per il terreno confiscati
    Effettuare una valutazione globale (o cosiddetta valutazione ambientale strategica) per Kyawkpyuh e dintorni per esplorare come la zona economica speciale (SEZ) possa impattare sulle comunità locali e mappare come altri settori economici dello Stato possano beneficiare (o eventualmente soffrire) dalla SEZ.
    effettuare valutazioni sul mercato del lavoro
    Sensibilizzarsi alle esigenze delle donne la cui partecipazione alla forza lavoro rimane bassa.
    investire pesantemente in infrastrutture, comprese le strade, i corsi d'acqua, i moli, l'elettricità, l'acqua potabile e la fornitura di Internet.

Espandere i servizi agli agricoltori, inclusa la meccanizzazione, la fornitura di sementi di qualità e la formazione nelle moderne tecniche agricole.
affrontare le questioni normative che attualmente limitano le PMI e le imprese familiari.
affrontare questioni di regolamentazione attualmente vincolate alle PMI e alle imprese familiari.
 Espandere l'accesso al credito agricolo per tutte le comunità.
Rimozione del Ministero per gli hotel  e del turismo che vieta pensioni e bed & breakfast con meno di dieci camere
ridurre la burocrazia per promuovere l'attività e ampliare i documenti accettati per ricevere licenze d'affari,
rafforzare i propri sforzi per rafforzare le capacità delle comunità per adottare opzioni climatiche resilienti

Cittadinanza

Poiché la Birmania ospita la più grande comunità di persone apolidi al mondo, bisogna accelerare il processo di verifica della cittadinanza. la Commissione riconosce pienamente che un tale esercizio deve essere svolto nel quadro della legge sulla cittadinanza del 1982. Tuttavia, c'è anche la necessità di rivedere la legge stessa.
Secondo i dati governativi, circa 4.000 musulmani (così come 9.000 Kamans) sono stati riconosciuti cittadini o cittadini naturalizzati – su di una popolazione di circa un milione di musulmani apolidi nello stato. Circa 10.000 musulmani hanno ricevuto anche  i documenti di verifica nazionali (NVC),
Assicurarsi immediatamente che coloro che sono veri fiuti come cittadini godono di tutti i vantaggi, i diritti e le libertà associati alla cittadinanza. Stabilire una strategia chiara e una linea temporale per il processo di verifica della cittadinanza.
chiarire lo status di coloro i cui requisiti di cittadinanza non sono accettati. E status per coloro che risiedono in Myanmar senza essere cittadini. I diritti dei non cittadini che vivono e lavorano in Myanmar devono essere regolati. Per garantire che il processo sia volontario. Il governo dovrebbe creare opportuni incentivi per incoraggiare le persone a partecipare.
Allineare la legge con norme e trattati internazionali di cui la Birmania è uno Stato parte, compresi gli articoli 7 e 8 della Convenzione sui diritti del fanciullo;
Portare la legislazione in linea con le migliori pratiche, compresa l'abolizione delle distinzioni tra diversi tipi di cittadini; Gli individui non perderanno la loro cittadinanza o lo hanno revocato, laddove ciò li lascerà apolide; Abilitare persone che hanno perso la cittadinanza o hanno revocato la loro cittadinanza per riacquisirlo; Trova una disposizione per gli individui residenti in Myanmar per la possibilità di acquisire la cittadinanza mediante la naturalizzazione; Riesaminare l'attuale legame tra cittadinanza e etnia; Il governo dovrebbe presentare un piano per l'avvio del processo di revisione della legge sulla cittadinanza.
Libertà di movimento
 assicurare la libera circolazione di tutte le persone nello Stato Rakhine, indipendentemente dalla loro religione, etnia o stato di cittadinanza.
condurre un esercizio di mappatura per individuare tutte le restrizioni esistenti sul movimento a Rakhine, le restrizioni formali, informali e sociali che interessano tutte le comunità, a livello di villaggio e di borgata.
Introdurre misure per vietare restrizioni informali che includono, pagamenti non ufficiali, blocchi stradali arbitrari e requisiti per la comunità musulmana di pagare le scorte di sicurezza.
Semplice semplificare il sistema di autorizzazione di viaggio per consentire il movimento attraverso comuni e fuori dello stato.
sostenere lo stato di diritto e garantire che chiunque ostacoli i movimenti sia punito.

assicurare la parità davanti alla legge, intraprendere una mappatura e una revisione legale di tutti i regolamenti locali e gli ordini nello Stato Rakhine che limitano i diritti e le libertà

Rifigiati interni (IDPS)
preparare una strategia globale per la chiusura di tutti i campi IDP
cooperare con i partner internazionali per garantire che il ritorno / trasferimento sia effettuato in conformità agli standard internazionali,
Tutti i ritorni o le trasferimenti devono essere volontari, sicuri e svolti in modo dignitoso, per facilitare la restituzione ai luoghi di origine in via prioritaria o rispettare in modo diverso le scelte degli sfollati. Assicurarsi che gli IDP partecipino attivamente alla pianificazione e alla gestione del loro ritorno, del trasferimento o dell'integrazione locale.
il trasferimento / l'integrazione locale non dovrebbe limitare gli IDP a settori non sottostanti senza un adeguato accesso ai servizi di base o ai mezzi di sostentamento - o in settori in cui la sicurezza e la sicurezza degli sfollati non possono essere garantiti. La scelta di trasferirsi non deve essere considerata una rinuncia al diritto di tornare in sicurezza e con dignità al luogo di residenza originale, se tale scelta diventa fattibile più tardi. Gli IDP e le comunità ospitanti devono essere consultati in modo approfondito e significativo.
Garantire condizioni di vita dignitose nei campi, tra cui: un riparo migliore, l'acqua e la sanità, l'istruzione, aumentare il numero di TLS e sostenere e investire nella formazione degli insegnanti, nei salari e nell'insegnamento del materiale didattico. Migliorare i mezzi di sussistenza: Migliorare le opportunità di lavoro per uomini e donne -
ACCESSO UMANITARIO
assicurare l'accesso umanitario completo e senza ostacoli - sia a livello nazionale che internazionale - a tutti i tempi ea tutte le comunità dello Stato Rakhine.
dovrebbe garantire che l'assistenza umanitaria sia fornita in conformità ai principi internazionali di protezione
Semplificare e standardizzare il processo di autorizzazione di viaggio per le organizzazioni di aiuti
Gli attori internazionali umanitari dovrebbero cercare di collaborare strettamente con il governo e consultare e informare tempestivamente il governo sulle attività in corso e pianificate.


News