20/07/2015
Ripresi i negoziati di pace. Una corsa per evitare il rischio di azioni da parte dell'esercito nazionale.
l'accordo dovrebbe essere raggiunto prima delle elezioni di novembre.
Riprendono i negoziati per il cessate il fuoco sotto l'urgenza di arrivare adun accordo prima delle elezioni di novembre. Se non si raggiunge l'intesa c'è il rischio di una ripresa del conflitto da aprte dell'esercito.

Il governo birmano e i rappresentanti dei gruppi delle minoranze etniche hanno ripreso gli importanti colloqui per raggiungere un accordo nazionale di cessate il fuoco che chiuderebbe sessanta anni di conflitti, prima delle elezioni generail che rischiano di interrompere gli importanti progressi verso un accordo.

Oltre una dozzina di rappresentanti delle minoranze etniche e di rappresentanti del governo hanno tenuto incontri per oltre 18 mesi e i negoziatori chiave hanno messo in evidenza che il non raggiungimento di un accordo potrebbe produrre un nuovo giro di confiltti se i militari prendessero l’iniziativa. Le elezioni generali che portenranno anche alla elezione del nuovo presidente, si terranno a novembre.

" se i negoziati fallissero e i militari riterranno che non si potrà firmare un accordo con l’attuale governo, non avranno altra scelta che lanciare le operazioni militari” ha dichiarato Hla Maung Shwe, del Myanmar Peace Centre.

Il centro fondato dall’Unione Europea è stato costituito nel 2012 per sostenere i negoziati di pace e il processo di pace con gli etnici.

La prospettiva di raggiungere un accordo il più presto possibile, comunque, è incerta poiché devono essere ancora definiti importanti aspetti, compreso il punto relativo a quali gruppi etnici parteciperanno. I negoziati hanno subito uno stallo quando le minoranze presenti al tavolo hanno chiesto al governo di consentire che altri gurpi ancora in disaccordo potessero partecipare alla firma del cessate il fuoco. Secondo i dati di una ricerca del Myanmar Peace Center, quando il Presidente Thein Sein è stato eletto nel 2011, i gruppi armati erano operativi in 55 Townships del paese, ma il numero è cresciuto nel 2015 raggiungendo le 110 Townships. Alcuni gruppi etnici armati come il Ta'ang National Liberation Army  hanno accresciuto la loro forza ha dichiarato Hla Maung Shwe  facendo riferimento al contenuto della ricerca. Sia lui che Aung Min, il vice presidente del Comitato governativo per i negoziati di pace prenderanno parte ai colloqui.

La Vice Presidente della  Karen National Union Naw Zipporah Sein  ha guidato i negoziati per conto del gruppo etnico.

Nel suo discorso di apertura Aung Min ha detto ai leader etnici che l’accordo nazionale per il cessate il fuoco dovrebbe essere sottoscritto prima della fine del mandato del governo Thein Sein. I negoziatori di pace hanno suggerito che l’accordo potrebbe essere firmato da 15 gruppi etnici, ma i leader etnici hanno insistito sulla necessità di raggiungere un accordo che includa l’inclusione del Ta'ang National Liberation Army dello Stato Shan, del gruppo Kokang e dell’Arakan Army.

News