01/07/2018
sanzioni UE su rappresentanti dell’esercito e delle forze di sicurezza mentre il governo ignora le richieste dell)CC

L'UE impone sanzioni su alcuni rappresentanti dell’esercito e delle forze di sicurezza birmane.
L'Unione Europea ha annunciato di aver posto sanzioni su sette membri delle forze di sicurezza del Myanmar per il loro presunto coinvolgimento nella repressione dello Stato di Rakhine l'anno scorso. Il 25 giugno, La UE ha annunciato di aver imposto un blocco dei beni e il divieto di viaggio a sette membri delle forze armate (Tatmadaw) e delle Forze di Polizia birmane. Gli individui presi di mira includono il luogotenente Aung Kyaw Zay, comandante del Bureau of Special Operations (BSO) n. 3 dell’esercito. Il BSO sovrintende al comando occidentale dell’esercito. L'UE ha anche preso di mira il generale Maung Maung Soe, che ha guidato il comando occidentale dall’ ottobre del 2016 al novembre del 2017 ed è già colpito da sanzioni da parte degli Stati Uniti e del Canada. Altri individui presi di mira comprendono il generale di brigata Than Oo, comandante della 99ª Divisione di fanteria leggera dell’esercito, nonché il generale di brigata Thura San Lwin, che è stato comandante della polizia di frontiera dall’ ottobre 2016 all’ ottobre 2017. L'UE ha affermato che il Consiglio Europeo dovrà monitorare attentamente la situazione e mantenere la sua decisione sotto costante controllo, compresa la possibilità di ulteriori azioni.
La Birmania ha dichiarato che ignorerà la richiesta della Corte Penale Internazionale.
Secondo quanto riferito, il governo birmano ha dichiarato che non risponderà a una richiesta avanzata dalla Corte Penale Internazionale (ICC), per quanto riguarda la presunta deportazione di circa 700.000 persone in Bangladesh l'anno scorso. Un giornale locale ha citato il portavoce del governo U Zaw Htay che afferma che "la Corte Penale non ha niente a che fare con la Birmania", e quindi non c’è motivo di rispondere. Agli inizi del mese di giugno, l'ICC aveva chiesto alla  Birmania di rispondere entro il 27 luglio alle accuse di deportazione
. Sebbene il Myanmar non sia un membro dell'ICC, il Bangladesh lo è, e gli avvocati stanno cercando di stabilire se un rinvio a giudizio può essere effettuato attraverso Dhaka. Nel frattempo, in una dichiarazione la consigliere di Stato, Daw Aung San Suu Kyi, ha affermato che "l'odio per le persone fuori dal paese" ha alimentato le tensioni tra buddisti e musulmani che vivono nello stato Rakhine. "La Consigliere di Stato ha spiegato che la conquista della fiducia tra le comunità richiede tempo e pazienza e le Nazioni Unite hanno bisogno di sostenere questi sforzi." “ la sfiducia tra le due comunità esiste da decenni".

 

Inizio modulo

Fine modulo

 

 

News