27/08/2017
terroristi armati attaccano 30 postazioni militari birmane nello Stato Rakhine.

Più di 100 persone sono state uccise nello Stato Rakhine da venerdì 25 agosto, quando uomini armati, appartenenti ad gruppo armato di Rohingya: Arakan Rohingya Salvation Army  hanno sferrato attacchi mortali nei confronti di 30 postazioni di polizia e di una base militare nei villaggi di Maungdaw, Buthidaung e Rathedaung.
Gli scontri sono continuati mentre l'esercito  birmano conduce ciò che chiama "operazioni di pulizia", alimentando la paura di una nuova ondata di assassini e attacchi armati.

Incorporando un conteggio militare di Myanmar stimato a circa 1.000 insorti, l'ondata coordinata degli attacchi ha segnato un drammatico miglioramento delle capacità tattiche di ARSA rispetto ai primi attacchi avvenuti il 9 ottobre dello scorso anno.

Questa volta, gli assalti sincronizzati dell’ ARSA (Arakan Rohingya Salvation Army) lanciati intorno alle 1:00 del 25 agosto hanno colpito fra 25 e 30 posti di polizia attraverso le due borgate settentrionali di Maungdaw e Buthidaung. Anche una base militare del Taung Bazaar nel Buthidaung settentrionale è stata attaccata da ben 150 insorti, secondo fonti militari citate dalla Reuters.
Oltre agli attacchi, anche le squadre militanti hanno riferito di aver assaltato ponti e strade con dispositivi esplosivi improvvisati (IEDs) utilizzati anche come bombe a mano.
A fronte di recenti rapporti che suggeriscono che una o più spedizioni di fucili d'assalto sono state consegnate all'ARSA dall'inizio di quest'anno, non è chiaro se le armi  di piccola taglia, utilizzate negli ultimi attacchi siano più numerose o più moderne rispetto alla piccola quantità di armi da fuoco usate lo scorso ottobre 2016. Abdullah, uno dei capi dell’ARSA ha negato che nuove armi da fuoco fossero state consegnate al gruppo armato.

Secondo le cifre ufficiali, il numero di morti negli scontri  è salito a 100, di cui almeno 80 insorti uccisi, 10 poliziotti, un militare e un funzionario dell’ immigrazione. Sembra che  anche sei civili siano rimasti uccisi.
"Nei due giorni prima degli attacchi i l’esercito birmano si stava preparando a colpire le basi ARSA in tutta la regione", ha dichiarato Abdullah. "Non abbiamo avuto altra scelta se non quella di adottare misure difensive".

 Secondo lui, le incursioni militari sui villaggi di Maungdaw e Rathedaung, la terza cittadina a maggioranza musulmana nel Rakhine settentrionale, hanno prodotto oltre 25 morti  tra cui adolescenti e adulti. Asia Times non ha potuto confermare in modo indipendente l'affermazione.

 Quel giorno, sono state attaccate tre postazioni della guardia della frontiera  e sono stati uccisi nove rappresentanti della polizia e  si è avviata un'operazione di "pulizia " di una settimana da parte delle forze armate che secondo le organizzazioni internazionali hanno causato diverse centinaia di morti, soprattutto civili, tra i Rohingya, interi villaggi bruciati e circa 75.000 rifugiati che si sono spintoi oltre il confine in Bangladesh.
Abdullah ha dichiarato che una delle principali fonti di allarme di Rohingya che ha portato la decisione dei comandanti ARSA di lanciare una contro-offensiva è stata la il blocco del villaggio di Zay Di Pyin a Rathedaung da parte delle forze di sicurezza e di civili buddisti armati provenienti da borghi circostanti.

A partire da fine luglio, dopo l'uccisione di un buddista locale di cui sono stati  accusati dei musulmani, è stata circondata la zona abitata dai Rohingya del villaggio misto di circa 700 persone e sono state imposte restrizioni al movimento dei musulmani che cercano di lavorare al di fuori del villaggio e per  l’arrivo di forniture alimentari. Parti del villaggio sono stati successivamente bruciate.
L'intervista con l'Asia Times è stata data a condizione che, nell'interesse della sicurezza del militante, la sua posizione non fosse resa pubblica. Tuttavia, Abdullah ha notato che era stato direttamente autorizzato dal "capo comandante" o "emir" dell’ ARSA Ataullah Abu Ammar Jununi ad indicare la posizione attuale e gli obiettivi dei militanti. Asia Times è riuscita a confermare attraverso fonti indipendenti affidabili che il rappresentante dell’ARSA e il comandante ribelle sono davvero in contatto quotidiano.  L'esercito ha risposto agli attacchi da parte degli insorti verso diversi posti di polizia lo scorso ottobre con quello che le Nazioni Unite hanno dichiarato potrebbero essere indicati crimini contro l'umanità, tra cui violenze di massa, uccisioni e incendi di case con bambini bloccati dentro. Secondo gli analisti, gli insorti possono includere combattenti addestrati in Medio Oriente, ed in particolare con il sostegno dell’Arabia Saudita.

News