26/09/2017
Terroristi mussulmani dell'ARSA,responsabili della decapitazione e sgozzamento di 45 indù nello Stato Rakhine.

Secondo una dichiarazione rilasciata dal comitato di informazione del governo e più tardi dal resoconto di un del leader della comunità indù, le forze di sicurezza hanno scoperto una fossa comune con 45 corpi di indù, di cui sei bambini, nei pressi del villaggio di Ye Baw Kya nella Township di Maungdaw nel nord, Rakhine,
La dichiarazione del governo - basata sulla testimonianza del leader della comunità indù U Ni Mal afferma che i membri dell'Arakan Rohingya Salvation Army, ARSA,  il 25 agosto avevano  sequestrato circa 100 uomini e donne di diversi villaggi indù nella zona del villaggio di Kha Maung Seik e hanno ucciso la maggioranza prigionieri.
U Ni Mal ha raccontato il fatto a l'Irrawaddy dopo che lui e gli abitanti del villaggio hanno aiutato le forze di sicurezza nella ricerca di ulteriori fosse comuni.
Il leader della comunità ha affermato che le 45  vittime sono state  brutalmente uccise  e alcuni sono stati decapitati o sgozzati. Tra i corpi c’erano 20 donne, 19 uomini e sei bambini. Una fossa di massa con  28 corpi è stata trovata di domenica, e altri17 sono stati scoperti lunedì pomeriggio.

U Ni Mal ha affermato che la comunità indù ha chiesto verbalmente e ufficialmente che le autorità e i parlamentari del partito nazionale Arakan esaminino le morti, ma che ci sono stati dei ritardi dovuti a preoccupazioni in materia di sicurezza.
L'ONU stima che circa 500 indù siano fuggiti in Bangladesh dopo che i militanti musulmani hanno attaccato le postazioni della polizia di frontiera il 25 agosto e dopo le conseguenti operazioni di pulizia dell'esercito di Myanmar. I rifugiati si sono rifugiati in campi improvvisati sul confine con il Bangladesh, accanto a quelli che l’ ONU ha stimato  siano 420.000 auto identificati musulmani Rohingya.
U Ni Mal ha dichiarato che la comunità indù "vuole giustizia" per questi attacchi.
Anche circa 30.000 indù e buddisti a Maungdaw sono sfollati in altre aree dello Stato Rakhine dopo che le operazioni di pulizia militare hanno avuto inizio a seguito degli attacchi dell'Arakan Rohingya Salvation Army contro i posti di polizia di confine.
Durante una visita del giornalista di the Irrawaddy all'inizio di settembre, alcuni indù hanno dichiarato che se il governo intendesse trasferirli, non vivrebbero più  accanto ai musulmani a Maungdaw "Non ci sentiamo più a nostro agio a vivere a fianco a loro", ha detto U Ni Mal.

News