Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine
Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

Secondo il Relatore Speciale ONU Quintana, gravi sono le preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati interni Rohingya dopo partenza forzata degli operatori umanitari ONU e delle agenzie internazionali

Il Relatore Speciale Onu sulla situazione dei diritti umani in Birmania Tomás Ojea Quintana,  ha lanciato l’allarme per l’ulteriore deterioramento della situazione dei diritti umani nello Stato Rakine.

 “I recenti sviluppi nello Stato Rakhine sono solo  i più recenti di una lunga storia di discriminazioni e persecuzioni contro la comunità Rohingya, che potrebbero configurarsi come  crimini contro l’umanità”  ed ha sottolineato come l’evacuazione degli operatori umanitari, a seguito dei recenti attacchi contro gli edifici Onu e delle ONG a Sitwe “aumenteranno unicamente la vulnerabilità di questa comunità”.

 “Questi lavoratori si trovavano nello Stato Rakine per fornire un sostegno fondamentale alla salvaguardia della vite, compreso i servizi sanitari, quelli per l’acqua e  quelli alimentari per gli  sfollati interni, villaggi isolati e altre comunità colpite”. “Il ritiro di questi operatori avrà conseguenze serie sulla fruibilità di diritti umani fondamentali a partire dal diritto alla vita”

In alcuni campi di rifugiati, in particolare a Pauktaw, la disponibilità di acqua potrebbe raggiungere livelli critici nel giro di una settimana. L’impatto sulla salute sarà molto pesante per le 140.000 persone ancora in questi campi dello stato Rakine e le 700.000 persone vulnerabili che vivono fuori dai campi. Oiea Quintana ha sottolineato la scorsa settimana l’impegno del governo nell’assicurare la sicurezza e la protezione degli operatori ONU e delle altre agenzie internazionali e ha sottolineato la necessità di un immediato ritorno di tutto lo staff umanitario in modo che possano riprendere il loro lavoro a tutela della vita di tutte le comunità. Prima degli ultimi sviluppi nel suo ultimo rapporto al Comitato per i Diritti Umani, pubblicato a marzo, il relatore Speciale ha riferito che prendendo in considerazione le informazioni e le denunce ricevute nei sei anni del suo mandato possono essere stati commessi crimini contro l’umanità nello Stato Rakine.

Censimento Nazionale. Ulteriori preoccupazioni

Il Relatore Speciale ha espresso la sua preoccupazione sull’andamento del censimento in Birmania. “la decisione del governo contro l’identificazione dei Rohingya nel censimento non rispetta gli standard internazionali sui diritti umani”.

Nello Stato Rakine, l’identificazione dei Rohingya è stata alla base delle proteste, delle violenze e  delle violazioni dei diritti umani e degli  abusi  rispetto ai quali non è stata individuata alcuna responsabilità. “l’attuale censimento rischia il ripetersi di questi eventi” ha dichiarato l’esperto.

 “l’autoidentificazione dovrebbe costituire un pilastro  per la raccolta di dati disaggregati sul piano etnico ed  è collegata al rispetto dei diritti degli individui nella affermazione della loro identità”. Ha dichiarato Quintana. “negare l’autoidentificazione è quindi una violazione dei diritti umani”. Durante l’ultima sua missione nel paese a febbraio scorso, il Relatore Speciale ha potuto ascoltare da una serie di gruppi etnici come le categorie etniche incluse nel censimento non riflettevano le modalità con cui loro stessi si identificano. “non è solo nello Stato Rakine che le persone obiettano sulle categorie etniche incluse nel censimento ed è diventato chiaro durante le mie discussioni con le comunità nello Stato Kachin che il governo ha affrontando il censimento senza aver effettuato una accurata e corretta consultazione con tutte le comunità interessate.”  “il punto di vista di Quintana sul censimento e la richiesta di un immediato ritorno degli operatori umanitari è condivisa dal Relatore Speciale sui diritti umani delle persone sfollate  Chaloka Beyani; dal Relatore Speciale sulle minoranze  Rita Izsák; dal Relatore Speciale sui diritti di ciascun individuo al govdimento degli standard più elevati di salute fisica e mentale, Anand Grover; dal Relatore Speciale sui diritti alla libertà di assemblea pacifica e di associazione Maina Kiai; e dal Relatore Speciale sulle attuali forme di razzismo, discriminazioni raziali, xenofobia e intolleranza collegate Mutuma Ruteere.

28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO | "Il ruolo della Chiesa Cattolica in Birmania nella costruzione della pace interreligiosa

Ospite d'onore il primo cardinale cardinale birmano S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.