3/22/2011
Diplomatici dell'UE hanno discusso delle sanzioni alla Birmania con la leader Aung San Suu Kyi e altri leader politici
(Rangoon) –  Martedì scorso alcuni diplomatici europei ha avuto colloqui con la leader birmana Aung San Suu Kyi e altri attivisti birmani dei partiti di opposizione e delle minoranze etniche. Tema la possibile revoca delle sanzioni occidentali.                                    

Circa 25 diplomatici dell'Unione europea da Bangkok, e nove ambasciatori presenti in Birmania, hanno partecipato alla riunione tenutasi  a Rangoon presso l'Ambasciata Italiana.      

"I diplomatici non hanno dichiarato nulla, ma  hanno solo preso nota della discussione." ha dichiarato uno dei partecipanti e rappresentante dell'NDF, il partito che si è scisso dall'NLD.           

Il rilascio di Suu Kyi dagli arresti domiciliari a novembre dopo le elezioni ampiamente criticate, ha riacceso il dibattito sulle sanzioni, applicate in particolare dall'Unione europea e dagli Stati Uniti in risposta alle violazioni dei diritti umani.      

L'NLD aveva recentemente pubblicato una lunga ed articolata dichiarazione sulla necessità di mantenere le sanzioni, illustrando anche che lo stato di grave povertà in cui si trova il paese non è dovuto alle sanzioni, ma alle scelta inique della giunta militare che preferisce intascare i proventi derivanti dagli investimenti internazionali piutttoscto che promuovere lo sviluppo sociale, l'istruzione e la sanità.      

L'NLD ha hanche chiesto ai governi che hanno posto le sanzioni di aprire un dialogo con l'NLD per valutare insieme i benchmarks e gli obiettivi che la giunta deve raggiungere perchè le sanzioni possano essere modificate, indicando tra i primi il rilascio di tutti i prigionieri politici.    

Un portavoce della Nld, Ohn Kyaing, ha detto che il gruppo non aveva nulla da riportare circa l'incontro, ma un diplomatico europeo a Rangoon ha dichiarato che i colloqui sono volti a "creare interazioni" tra i partiti di opposizione del Myanmar.     

"Tutti hanno mantenuto le loro posizioni", ha detto un diplomatico, rifiutando di essere nominato. " non sono abituati a discutere e negoziare tra di loro cos’ il dialogo non è stato facile.  Questo non è nella loro cultura. "  

Khin Maung Swe ha detto ha dichiarato ai diplomatici che la gente ha sofferto a causa delle sanzioni.   

I sostenitori delle sanzioni commerciali e finanziarie hanno affermato che  queste sono l'unico modo per fare pressione sulla giunta militare, dove ci sono circa 2.200 prigionieri politici.  Il partito di Suu Kyi, ha lanciato un appello nel mese di febbraio per i colloqui con l'Occidente sulle sanzioni, ed ha dichiarato che queste i danni all’economia derivano dalla cattiva politica e che  le eventuali modifiche devono essere collegati a un miglioramento dei diritti umani.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato  il mese scorso che gli appelli per alleggerire le sanzioni nei confronti della Birmania sono prematuri.



(15 Marzo 2011)


Quadro complessivo per la politica della UE e per il sostegno alla Birmania/Myanmar

un importante passo in avanti della Unione Europea a sostegno del processo di cambiamento nel paese

05/07/2015 EU Multiannual Indicative Programme 2014-2020 Myanmar

EU Development Cooperation Instrument

13/07/2015 Conclusioni del Consiglio UE sulle prossime elezioni politiche in Birmania

la UE auspica elezioni democratiche, inclusive, credibili, trasparenti ed eque

08/04/2016 Il Ministro Gentiloni incontra il nuovo Presidente birmano e la Leader Aung San Suu Kyi

Forte sostegno dell'Italia al processo di democratizzazione

19/02/2016 L'Italia riconferma il pieno sostegno alle istituzioni democratiche birmane

L'Ambasciatore Aliberti incontra i neo Presidenti delle due Camere

09/02/2016 L'Italia sostiene il processo di evoluzione delle forze amate birmane e verso il progressivo abbandono della politica

L'Ambasciatore Italiano Aliberti incontra il Capo delle Forze Armate Birmane