10/5/2012
Maung Maung, leader sindacale birmano può rientrare liberamente dopo 24 anni in Birmania

Il mese di settembre si apre con il rientro in Birmania del  Segretario Generale  dell’FTUB Maung Maung  dopo 24 anni di esilio nel corso dei quali il leader sindacale e centinaia  di altri sindacalisti  sono stati accusati di terrorismo e di attività sovversive contro la dittatura militare. Anni nei quali le loro famiglie sono state sottoposte a ritorsioni, arresti, minacce e pedinamenti quotidiani da parte di agenti dei servizi segreti. Il rientro  in Birmania è stato consentito grazie alla decisione del Presidente della Repubblica birmana di togliere circa 2000 dissidenti in esilio da una lista di persone “non grate” al fine di poter promuovere un dialogo finalizzato alla pacificazione e allo sviluppo democratico del paese. 

“Siamo estremamente felici per la decisione assunta dal governo birmano di  permettere il ritorno in Birmania   di Maung Maung, Segretario Generale del sindacato birmano FTUB. 

 Ha dichiarato il Segretario Generale della CISL Raffaele Bonanni.  “Tale decisione è una vittoria del sindacato mondiale e della CISL che da anni ha impegnato tutta l’ organizzazione a sostegno della democrazia, i diritti umani e del lavoro in questo importantissimo paese asiatico ed è un ulteriore passo , seppur con ancora  numerosi limiti e dopo oltre cinquanta anni,  per la realizzazione della libertà  sindacale e dei diritti del lavoro in Birmania”.

“Oggi è una giornata di grande gioia per il sindacato birmano e per la CISL . Per la realizzazione di questo obiettivo, immense sono  state e sono tutt’ora le rinunce  e i sacrifici che i sindacalisti e le sindacaliste birmane hanno fatto  con anni e anni di carcere o di esilio in condizioni di grandi difficoltà e di privazioni  sul piano delle libertà personali, degli affetti e dei sogni di vita, per la promozione della democrazia e dei diritti del lavoro.

In questa delicatissima fase di transizione e di nuove sfide per un corretto sviluppo democratico, sociale, economico del paese   si dovrà   porre le basi, direttamente in Birmania,  per la costruzione di un forte movimento sindacale, democratico e indipendente. Ora  il governo italiano,  la UE  e l’ILO dovranno  impegnarsi  con il contributo sindacale, per far si che si realizzi  la  piena libertà sindacale, la promozione del lavoro dignitoso,  e la garanzia che  gli investimenti  delle imprese europee ed italiane si sviluppino nel pieno rispetto dei diritti umani, del lavoro e dell’ambiente. Altri sindacalisti  dell’FTUB si preparano a rientrare per poter lavorare alla costruzione del sindacato. Al  suo rientro in Birmania, Maung Maung è stato accolto all’aeroporto da una delegazione di sindacalisti birmani, dal Responsabile ILO e dalla sua famiglia che non vedeva da 24 anni.

19/05/2007 Campagna Birmania

La Confederation of Trade Unions of Myanmar ottiene la registrazione dal governo.

Sindacato birmano i successi di una strategia che viene da lontano e che ha puntato al dialogo

07/07/2015 La Confederzione Sindacale birmana CTUM accetta la proposta di salario minimo e chiede agli imprenditori di lavorare per un aumento della produttività

30 imprese dell'abbigliamento a Rangoon pronte a chiudere e a lasciare a casa 70.000 lavoratori

23/07/2015 Arrestata sindacalista dei contadini Su Su Nway

era impegnata a sostegno dei contadini per la restituzione delle terre confiscate

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.