3/29/2016
l'Ambasciatore Aliberti e l'impegno italiano per la Birmania
sostegno alla transizione,cultura, pacificazione del paese, investimenti. Verso un rinnovato impegno

Italian Ambassador discusses Italy-Myanmar ties and support for Myanmar’s cultural heritage

By Mizzima

Tuesday, 29 March 2016

Italian Ambassador Mr Pier Giorgio Aliberti. Photo: Hong Sar/Mizzima

Italian Ambassador Mr Pier Giorgio Aliberti recently talked to Mizzima about Italy-Myanmar ties, high-level visits, and the ongoing transition to democracy in Myanmar.

Mizzima Editor-in-Chief Soe Myint interviewed the Ambassador on March 25.

What are the key elements in the bilateral relationship between Italy and Myanmar?

I think Italy and Myanmar have a lot in common. We both have a very long history, we are ancient civilizations. We are beautiful countries. We like similar things. We like families, food, culture, last but not least football, so I think it’s easy to get along well. I think that culture, in particular, is a very important aspect of our bilateral relations. Italy, as Myanmar, is full of very old religious sites: churches there and pagodas here in Myanmar. Both countries are very rich in cultural heritage, which means a huge potential for tourism.

I think Myanmar has to do more in terms of developing and exploiting this potential, so I think we are going to help you with that. I would say the perspective through a cultural prism is very important for us. And then, of course, we have a lot of strong political relations, strong economic relations. But I think the cultural aspect is something very specific to our bilateral relations, also in our development cooperation activities, which are of course another key element of our presence here. Think for instance about the UNESCO World Heritage list. We helped Myanmar have its first site listed (Pyu Cities), now we are working to get a second one (Bagan) in the list.

When it comes to Italy’s engagement with Myanmar how much of this it state to state in comparison to that of the European Union’s engagement with Myanmar?

Italy is one of the six founding members of the European Union, so we have a long history and we are one of the staunchest believers in the project. It is a complex and unique endeavour, it is not an international organisation, but a supranational entity, so basically we give some sovereignty to the European Union in Brussels. When there is a project decided by the European Union, Italy is part of it. This means that we all support the project, so 28 member states support these projects all together. Consider that around 13% of all EU funds come from Italian taxpayers, so, of course, we have a clear say in it. Having said that, of course, Italy and the other member states have their own specialty, their own expertise, and their own preferences. In particular, Italy is very active in development cooperation in three main sectors: rural development, governance and support to small and medium size enterprises, especially in the field of sustainable tourism and cultural heritage. We are coming back to what I was saying before in terms of culture and cultural heritage. We have more expertise in these fields, so we are sharing our experience in these areas. In certain aspects, we act through bilateral means, directly or through UN organisations or Italian NGOs. And of course, in other aspects, we are supporting EU activities. I would say we work in parallel with them. But when you think about the EU, it is not just a separate entity or just another delegation, it is all 28 member states. Actually, the contribution of the EU as such is much bigger than most people think: it’s the 28 Member States plus the EU Delegation.

When it comes to the economy can you tell us about bilateral trade and services between Italy and Myanmar?

I think we are clearly under the potential we could have, I am convinced we can do more. It is one of the priority areas in which I want to work, I think we can do much more. Now we are among the top 15 trade partners, our trade exchange is around US$ 120 million and we have a surplus of around US$ 70 million. I definitely think we have to do more. In terms of goods, we mostly import garments, fish and rice and we sell machinery, agricultural machines, vehicles and some other stuff. Agricultural machinery, in particular, is very strong in this country where there are lots of tractors and lots of machines. You have to consider that Italy is the second most industrialised country in Europe. It the second exporter in EU after Germany, so we are ahead of other important member states because we have a strong industry traditionally.

We were hit by the financial crisis in 2008-9 which lasted a bit long, but we are still very strong, so I think we could do more both in terms of trade and investment.

Last year there was an Italian products expo in Yangon how did that go?

This is a good example of the interest of Italian companies. There were around one hundred Italian companies represented, so it was a very positive starting point. This year we would like to do something more specific as that was a more generic exhibition. I believe we need to go into more specific sectors. At the end of the year, in November-December, there will be two important exhibitions, one on food and the other one in the home construction business. Within these two events, there will be two specific Italian fairs on the same sectors because food and home are very important for us. Everybody knows about Italian food, but we are strong also on home design, architecture, and we would like to do more.

I also have a rather ambitious plan for Italian culture.  We are organising more activities and a new program which is called ‘Italy in Myanmar 2016’, which will be launched in the next few weeks so I am sure you will see much more Italian culture here in the next few months.

How do you see the relationship between our two countries over the next few years?

We would like to have a much more integrated approach and try to present Italy as it is. Many of the people here don’t know Italy because they haven’t had a chance to visit. There might be some people who think Europe is all the same and when they go there they realise how different are the different countries. My idea is to present Italy in a broader way. As I said before, we have good food, a rich culture, beautiful movies, amazing architecture and design, so I want to show more of that. And also, we mentioned football, we would like to do more in terms of sports because sport unites people, it is good for children. So, we are in talks with the Myanmar Football Federation and the Italian Football Federation in order to facilitate some training activities, some exchanges, because this is also part of creating a stronger capacity. This in a way is capacity building, and sport is very important, also from an economic perspective. I think all these efforts should come together, in order to present a more integrated picture of Italy.

We do intend culture in a wider sense, not just in a traditional way, but including also activities such as sports or cuisine. Some people think that food is something that you eat just to survive, but it is also part of a cultural experience. For instance, we plan to bring here a very good chef from Italy, in order to share our experience. That is the idea, to let people in Myanmar know what is the quality of Italian life, what is the Italian lifestyle, apart from all the industrial machinery that we can export here. It is a wider concept of Italian culture.

The Italian government has been giving training for some Myanmar officials especially in the field of industry, can you tell us something about these training programmes?

As I mentioned before, we believe very much in capacity building, not so much because we want to teach something in a patronising way, but because we like to share our experience. Capacity building is a key aspect for us. We have been active on various fronts through UNIDO, a UN organisation, and we are financing projects trying to help young people, women, and small and medium size enterprises, to do more. In this context, we have managed to have some training activities in Italy in different sectors, such as tourism but also lacquers in Bagan, weavers and some other things. Also, some Italian companies, such as ENI, which is a major oil and gas company, are financing some training activities in Italy for government officials. Let me also mention that we are very glad and proud that we are facilitating a sponsorship for a young chef going to Italy to probably the best Italian cooking school.

Finally, a word on students. I am very proud we now have an Italian department at the Yangon University of Foreign Languages. We are planning to do more in the field of tourism which we believe is also very important for the future, but it needs to be sustainable tourism. It needs to be done a proper way, and we have some ideas to develop this.

I would like to ask your opinion about Myanmar politics. You witnessed the recent elections. What do you think about the elections and also the result?

I was really very, very happy to be part of the EU observers’ mission and it was a wonderful day for democracy. I was there early in the morning, before six o’clock, and you had long queues of people who wished to cast their votes. Old people, young people, all ages, all generations. I think it was a really incredible experience. And I think the result was that elections were, generally speaking, free and fair, with some irregularities, yes, but altogether a positive example of democracy. And also, right now what we are seeing is that there are very positive signs in the way of democracy, creating a transition government trying to aim at national reconciliation, which is very important.

We know this country has a lot of problems. You can mention many of them, in terms of ethnic conflicts, injustice, disrespect of the rule of law, but right now all the elements are there for a positive democratic development, so it is a very important step ahead. And I am very confident there will be a positive future.

That does not mean there will not be challenges. It is going to be very tough, very difficult for the new government to overcome all the challenges, particularly because expectations are so high. We tell people in Europe, you have to manage expectations. You can’t think that from day one everything will change. But I think some good signals are important, just to show that things are improving, things are changing. And we need to give some space to the new government. We cannot expect the new government from day one to change everything, we have to help them, and we have to be there, on their side, trying to assist them as much as possible. I would say more importantly to give them some space, some political space to go in the right direction.

The outset of the government is quite impressive, it is something very clear, it is more streamlined, more focused than before, with a very strong leadership. Daw Aung San Suu Kyi will have many responsibilities, she will be the leader as we all know.  It is a strong signal of leadership, it is very clear who is going to be in charge, which I think is very important for donors, for businessmen, in a way we are here to look at what is happening with a very positive spirit, a very supportive spirit.

When it comes to the challenges Myanmar faces, is there any role that Italy can play in the peace process?

I think that peace is a crucial aspect, and since my arrival, I have been active in this field. We are now part of the Peace Support Group, and we are finalizing our participation in the Joint Peace Fund. Why? Because I think peace is crucial for the future of this country. As I said before, ethnic conflicts have been going on for too many decades. It is impossible to have a normal life with these conflicts. So I think peace is crucial for the new government. It is a huge challenge. I believe the new era, the new environment could be positive in this sense. Some of the non-signatories Ethnic Armed Organizations are now more open to the possibility of signing the NCA agreement, and I think there is a big opportunity not to be missed. I think the new government has a good chance, a good opportunity, and when it comes to the table, we are ready to listen. I think the way ahead is absolutely possible. I think we as donors, the major European countries, the US, Japan, all the major international actors, have to go together to help the process.

Of course, it’s a Myanmar process, it cannot be led by anybody else. So the Myanmar people, the Myanmar government will lead the process. We are here to support this process. This is essential, it is crucial for the future because when you talk about the future of this country, about the federalism, I think you need to share power in one way or another. So I think you need to take on board all the other groups, go back to the Panglong agreement spirit, and go deep into it in a very positive way.

When it comes to the transition from the military dictatorship that was there for many years to a democracy, how do you view this transition in Myanmar? What direction is this taking in your opinion?

I think it is taking a positive direction in the sense that compared to what we had before, right now we have a much more democratic government. Of course, when you talk about the 2008 Constitution, by our standards it would not be considered an ideal Constitution because in our view the military should not stay in the role they have right now, because we have a different approach to democracy. But I think you have to consider where we are, every country has its own approach, its own path, its own time. So I think it is up to the Myanmar people to govern and go ahead and find a solution. I think the idea would be to change some aspects in order to get a progressive transition to real democracy where a civilian government has control over everything. So I think there are some more steps to be taken. But I think we are in the right direction. That’s very important. Of course, we have to see what is happening in terms of cooperation from the military side and the civilian side. And there I think it is a bit too early to say where we are. But I think the direction is a good one. Also, the attitude of the outgoing government on the elections was very positive so I think we have to give credit to the outgoing government because they prepared the process.

Italy has been very much supportive of the process, especially since 2011. There were seeds for something very positive to happen. So now it is really happening. I do really think we were right in trying to facilitate this process, in order to allow democracy to flourish. It cannot be done in one day, nothing is made so swiftly, you need some time. As I said, the transition to democracy is a path, so you have to go through it but if you look at Myanmar now and if you look at Myanmar four or five years ago, it is a completely different world. You know better than me.

Looking into the future, what are your hopes for the relationship, especially given that we are going to have a new government in the next few days?

I would say from a political perspective, I am pretty confident that we are going to have a stronger relationship. We are working now on a very high-level visit in early April, we are happy about that. It is a strong signal of political support, I think that is what you need and what we want to give. So I think this is a very important path.

The second aspect is on economy and trade, as I mentioned before. I think we are going to see more businessmen coming from Italy, more investment, more trade, this is what we hear. A lot of people were a bit hesitant before the elections, they wanted to know about the transition, and how it was going. Elections went well, now you have a new government with a lot of competent Ministers, I am pretty confident we will have more people interested in coming over here.

And the third aspect, as I mentioned before, are cultural issues. I think people-to-people exchanges are going up. We had an increase by almost 70 percent of visa requests for Myanmar citizens to go to Italy last year, compared to the year before. So it means there is a lot of interest on the Burmese side to know and to visit Italy. We also have a lot of Italian tourists coming here. So this helps in terms of exchanges, in terms of better reciprocal understanding. And in a wider sense, when you understand the culture, you appreciate all of it. So, if you go to Italy, you understand what are Italian food, Italian culture, so this is a virtuous circle of quality going up. And I think that is why we are here, to help this process, we have to facilitate this exchange. So there is the political aspect, the economic aspect, the cultural aspect.

Of course then, last but not least, we have development cooperation activities, which are an essential instrument for our presence here. We are working on increasing our role. Myanmar is one of the very few Asian countries which is a priority for Italy, and so we are very active. As I mentioned before, we intend to step up our presence also in this field. We will talk with the new government about our plans.

So we have at least four areas of intervention that make me very confident about the future of our bilateral relations.

What about high-level visits?

We had high-level visits in the past. We had a president who went twice to Italy. We had Daw Aung San Suu Kyi who went to Italy as well. We had the then Italian Foreign Minister here in 2012, who was one of the first ones to come. We had deputy ministers coming here, and now we are working on that, as I said before. We are working on a high-level visit in the very near future, the Italian Foreign Minister, Paolo Gentiloni, should be here in early April. His intention is to send a very strong political signal of support to the new democratic government, to show that Italy is fully supporting the process.

On a personal note, you have been here for a while. What are the highlights of your time here?

I have to say I am amazed every day, I really love this country. I think it is a wonderful place. I love the people, I love the environment, I love the culture, and I love the places when I visit around. What I don’t like is the traffic (laughs), to be honest with you, in Yangon. Of course, when I am in Nay Pyi Taw, it is the perfect traffic because there is no traffic. Jokes aside, I think I really appreciate the beauty of the country, and the magic of the country. I am not just saying this because I am in front of you. That’s what I tell my friends, everybody wants to come to Myanmar. It is a magic place. Particularly when you go outside of Yangon you immediately find yourself in another world. But I love Yangon too. I like Yangon, particularly downtown, but also around here, where there are a lot of old houses. Downtown is really a cultural heritage area we have to protect. This is why we would like to do more, so we are working on that. We have a specific project in downtown, just to protect the cultural heritage, you will hear more about that in the future. 

- See more at: http://www.mizzima.com/news-opinion/italian-ambassador-discusses-italy-myanmar-ties-and-support-myanmar%E2%80%99s-cultural-heritage#sthash.EPVRR2D5.dpuf

 

28/08/2017 Kofi Annan Rapporto conclusivo della Commissione sullo Stato Rakhine

impegni importanti per costruire la pace in Birmania

28/08/2017 VITA AGLI ARRESTI DI AUNG SAN SUU KYI

un film di Marco Martinelli

25/05/2017 Missione dell'Ambasciatore Aliberti nello Stato Shan

Importante sostegno italiano al processo di pace e di democratizzazione del Paese.

04/05/2017 Prima Conferenza interreligiosa promossa dal Cardinale Charles Maung Bo

Intervento del Cardinale Bo. Proposta una robusta strategia comune di lavoro a sostegno dellla pacificazione del Paese

27/09/2016 aung San Suu Kyi interrompe gli incontri negl USA a causa di indisposizione

problemi di salute che si risolveranno con il riposo

20/09/2016 Pubblicato il terzo rapporto sulla trasparenza delle imprese birmane

la corruzione rimane tra i problemi prioritari

31/03/2016 Ecco i membri del nuovo governo e le nomine dei ministri degli stati e delle regioni

molti rappresentanti dell'NLD e indipendenti

14/03/2016 Bambini soldato. 46 nuovi rilasci dall'esercito nazionale

salgono a 744 i bambini rilasciati in quattro anni

08/02/2016 Aung San Suu Kyi minacciata di morte su Facebook

L'NLD denuncerà il responsabile delle minacce e ha rafforzato le misure di sicurezza

08/02/2016 Aung San Suu Kyi potrebbe diventare presidente se i militari accetteranno di modificare un articolo della costituzione

i negoziati in atto potrebbero bypassare il divieto costituzionale

Al via il nuovo Parlamento

i rappresentanti dei partiti si sono riuniti per effettuare il giuramento d'ufficio

11/12/2015 Il governo uscente e l'NLD formano due comitati per gestire al meglio il passaggio di potere

entrambi i comitati dovranno facilitare il passaggio delle responsabilità

22/11/2015 Importante passo in avanti per la pace. Nasce il comitato Congiunto per il dialogo politico

16 i rappresentanti tra cui l'NLD, l'USDP e i rappresentanti etnici

22/10/2015 XV settimana della lingua italiana nel mondo

Molte iniziative a Yangon promosse dall'Ambasciata Italiana."L’italiano della musica, la musica dell’italiano"

18/10/2015 ACCORDO DI CESSATE IL FUOCO: ESTRATTO DEI PUNTI PRINCIPALI

I principi di fondo, il dialogo politico e la sua gestione. Primi passi per la pace

Italian Products Expo 2015, aperta oggia Yangon

100 imprese italiane con il sostengno dell'Ambasciata Italiana a Yangon

13/10/2015 Le elezioni potrebbero essere rinviate, ma l'NLD è contraria alla proposta

La proposta è stata avanzata dal Presidente della Commissione elettorale

Circa 100 miliardi di dollari esportati illegalmente tra il 1960 e il 2013

una perdita per il paese. Una priorità per il governo birmano

01/09/2015 Il presidente birmano firma la legge (anti-musulmana) che proibisce la poligamia

la legge inserita nel pacchetto dei provvedimenti a difesa “della razza e della religione”

la Commissione elettorale respinge la candidatura di esponenti musulmani

Bocciata la richiesta di 17 aspiranti deputati (su 18), per problemi sulla cittadinanza la maggioranzai Rakhine,

ASIAN BAROMETER presenta una ricerca sui potenziali risultati elettorali

maggioranza a favore della democrazia della maggiore autonomia delle minoranze

L'NLD e Generazione 88 coopereranno in vista delle elezioni

Su 6.189 candidati registrati, 5.866 sono iscritti a 93 partiti politici

07/08/2015 Riparte il progetto per la costruzione del megaporto e della Zona Economica Speciale di Dawei

Incontro tra Tailandia e Birmania per l'inizio dei lavori

Inviata ONU per i diritti umani è di nuovo in Birmania

obiettivo verificare il rispetto dei diritti umani e controllare il processo elettorale

I negoziati sul cessate il fuoco si chiudono senza una soluzione. Riprenderanno in agosto.

scarsi risultati dell'ultima tornata di negoziati. agli inizi di agosto si riprende

23/07/2015 Arrestata sindacalista dei contadini Su Su Nway

era impegnata a sostegno dei contadini per la restituzione delle terre confiscate

13/07/2015 Conclusioni del Consiglio UE sulle prossime elezioni politiche in Birmania

la UE auspica elezioni democratiche, inclusive, credibili, trasparenti ed eque

03/07/2015 Bambini soldato: continua il reclutamento da parte dell'esercito ufficiale e del KIA

Child Soldiers International, pubblica i dati in una ricerca nello Stato Kachin

07/07/2015 La Confederzione Sindacale birmana CTUM accetta la proposta di salario minimo e chiede agli imprenditori di lavorare per un aumento della produttività

30 imprese dell'abbigliamento a Rangoon pronte a chiudere e a lasciare a casa 70.000 lavoratori

07/07/2015 Risoluzione sulla violazione dei diritti umani dei Rohingya adottata dal Consiglio ONU per i Diritti Umani

la Risoluzione proposta dall'OIC e approvata senza voto è stata respinta dal governo birmano

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

opposizione dei militari al cambiamento della costituzione nel dibattito parlamentare

il partito di maggioranza USDP e i partiti etnici hanno espresso parere positivo alla riduzione del peso dei militari in parlamento

Dialogo bilaterale UE Birmania sui diritti umani. conclusioni positive

riaffermato impegno prioritario sulla tutela dei diritti umani, sui diritti alla terra, sui migranti e sui diritti del lavoro

Pubblicato per consultazione il nuovo disegno di legge sulle imprese

La norma dovrebbe sostituire la legge del 1914 e facilitare la presenza di imprese straniere in Birmania

Ribelli nel Kokang annunciano un cessate il fuoco unilaterale.

dopo quattro mesi di conflitto armato ha lasciato sul campo morti e feriti

Aung Sn Suu Kyi incontra il Presidente cinese Xi Liping

Non si sa se il caso di Liu Xiaobo, Premio Nobel per la Pace cinese condannato a 11 anni di carcere sia stato affrontato.

07/06/2015 Ritorno in Birmania Speciale Birmania in onda su RAI 1 video

interviste e immagini della Birmania che cambia e delle preoccupazioni in vista delle elezioni politiche

01/06/2015 La posizione dell’NLD sui boat people.

affrontare con urgenza i problemi della cittadinanza e dei conflitti nello Stato Rakhine, lottare insieme contro il traffico di esseri umani

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

La crisi dei Rohingya bloccati in mare cresce

Un problema umanitario che deve essere risolto

05/03/2015 Negoziati UE Birmania per un accordo bilaterale sugli investimenti

lettera aperta sui mancati impegni per il rispetto dei diritti umani e sulle regole

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

03/02/2015 Il Parlamento birmano discuterà a breve il ddl con le proposte di modifica della costituzione

Il testo prevede emendamenti delle sezioni 598(f) e 436.che difficilmente verranno approvati.

Dichiarazione della UE e delle ambasciate degli Stati Membri in Birmania

Preoccupazione per i disegni di legge che limitano la libertà religiosa e inficiano il rispetto delle norme internazionali

Cittadini cinesi e birmani intrappolati nello Stato Kachin a causa di scontri tra esercito e insorgenti.

sequestrati funzionari di polizia, persone senza documenti bloccate. i negoziati per la pace sospesi a settembre.

17/01/2015 Gravissimi insulti del monaco nazionalista U Wirathu nei confronti della rappresentante ONU per i diritti umani

alcune centinaia di monaci estremisti a Rangoon contro il riconoscimento dei diritti dei Rohingya e contro la posizione ONU

09/01/2015 Il governo nega di non aver attuato il rapporto di Suu Kyi sulla miniera di Letpadaung

continuano le tensioni sull'ampliamento della miniera

Nomina per la prima volta di un Cardinale birmano: Mons. Charles Maung Bo

Papa Francesco nomina il primo Cardinale birmano in segno di riconoscimento delle lunghe e profonde discriminazioni della Chiesa cattolica nel paese

le organizzazioni delle donne chiedono, inascoltate, cambiamenti alla Costituzione

tutt'oggi forti sono le discriminazioni e le violenze contro le donne in Birmania

24/11/2014 500° giubileo della Chiesa Cattolica in Birmania. A Rangoon decine di migliaia di persone

Domenica si concludono le celebrazioni, con preghiere, danze e eventi musicali

16/11/2014 La Camera bassa non adotta il sistema elettorale proporzionale

il sistama proporzionale non è conforme alla costituzione afferma lo Speaker Thura Swe Mann

10/10/2014 Pubblicato il primo rapporto sulla trasparenza delle aziende petrolifere in Birmania

In vista della riunione del board dell'EITI che si terrà in Birmania. Un passo importante a livello globale

06/10/2014 Firmato un controverso emendamento alla legge elettorale

Con la sua approvazione i residenti temporanei non potranno costituire partiti

22/09/2014 Manifestazioni nel paese in occasione della Giornata internazionale per la Pace

riconciliazione nazionale e affermazione dei diritti delle minoranze etniche e dello Stato federale

16/09/2014 opposizione degli abitanti di un villaggio sulla costa contro il taglio delle foreste di mangrovie

il recupero delle terre per la costruzione di complessi alberghieri potrebbe causare forti effetti negativi in caso di disastri naturali

I partiti discutono le linee di fondo del dialogo politico

54 partiti hanno discusso le linee del dialogo politico in assenza del partito di governo UNDP e di quello dell'opposizione NLD

15/09/2014 La mancanza di lavoro e sicurezza oltre alla istabilità sono all'origine dell’esodo, ha dichiarato Aung San Suu Kyi.

la disoccupazione, i bassi salari e l'insicurezza politica alla base della emigrazione e fuga in altri paesi

02/09/2014 Censimento 2014. Presentati i risultati parziali

valutazioni discordanti sulla rappresentazione delle minoranze etniche e religiose

14/09/2014 Decifrare il Processo di pace nel Myanmar. Una guida di riferimento 2014

Il quadro puntuale dello stato dei negoziati. Tabelle, immagini sui protagonisti, luoghi, conflitti, oppio, tensioni religiose, gruppi etnici armati. esercito

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

dodici milioni di turisti hanno visitato la Birmania dall'inizio dell'anno con un aumento dell'occupazione

A causa degli alti costi e di scarse infrastrutture, il turismo ecologico rimane quasi inaccessibile per i turisti birmani,

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

Crescita record per gli investimenti esteri

L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

25/06/2014 Fondamentale la partecipazione delle donne alle prossime elezioni politiche

Un primo passo attraverso un percorso formativo sul ruolo della dimensione di genere e sulla partecipazione delle donne e un dialogo con i rappresentanti della Commissione Elettorale

20/06/2014 Il legno di palissandro a rischio di estinzione, a causa delle esportazioni illegali verso la Cina

Nel giro di poco tempo la Birmania è diventata la maggiore fornitrice della CIna di questo legname

17/06/2014 Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati

Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

il 49% delle quote della zona industriale di Thilawa possedute da imprese giapponesi

La decisione del comitato parlamentare da un duro colpo alle speranze presidenziali di Aung San Suu Kyi

Il Portavoce della Camera Bassa Shwe Mann si era dichiarato favorevole alle modifiche per poter arrivare a elezioni libere e eque

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

Aumenta la richiesta di benzina, gas e carburanti, con l'apertura economica.

Si prevede l'aumento delle importazioni, la ristrutturazione delle raffinerie esistenti e l'adeguamento dei porti petroliferi

19/05/2014 Enorme manifestazione a Rangoon a sostegno di Aung San Suu Kyi e i leader delle organizzazioni democratiche

La leader birmana si allea con le organizzazioni democratiche per la modifica della Costituzione

15/05/2014 La proibizione dell'esportazione di legname genera il traffico illegale

confiscate inoltre merci importate clandestinamente via mare, per oltre 1 milione di dollari

15/05/2014 L'NLD si oppone alle misure della commissione elettorale che esautorano il ruolo del Parlamento

La commissione elettorale autorizza solo i singoli candidati ad indire manifestazioni elettorali

Obama rinnova le sanzioni mirate sulla Birmania e vieta alle imprese di fare affari con i militari e soggetti ad essi collegati

le norme riconoscono passi in avanti ma anche lo strapotere dei militari sulla vita economica e politica.

L’ONU sotto un fuoco di critiche per il sostegno al censimento in Birmania

anche paesi come Gran Bretagna, Germania e Australia sono stati criticati per aver contribuito al finanziamento del censimento

Birmania, l’UE lavora per valorizzare i legami economico commerciali

Continuano i negoziati per la firma di accordi commerciali e il sostegno agli scambi e allo sviluppo

l'Onu sotto un fuoco di critiche per aver sostenuto il censimento iniziato domenica 31 marzo, che non prevede la registrazione dei dati sulla popolazione Rohingya

soggette a critiche anche Gran Bretagna, Germania e Australia che hanno sostenuto economicamente l'operazione

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

31/03/2014 Tra critiche e tensioni il governo birmano ha dato il via al censimento

Era dal 1983 che non si effettuava il censimento

01/04/2014 In vendita le quote di partecipazione alla Zona Economica Speciale di Thilawa

Un progetto pari a 21 miliardi di Kyats.

04/04/2014 L’ottimismo USA sulle riforme birmane diminuisce

Cammino pieno di ostacoli di fronte al rallentamento delle riforme politiche

28/04/2014 E' necessario introdurre emendamenti alla costituzione del 2008 e non riscrivere la costituzione

lo ha affermato il Portavoce del Parlamento U Shwe Mann 25.4.2014

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

10/03/2014 Le speranze erano elevate, ma la luna di miele è finita?

Dubbi crescenti tra gli osservatori internazionali sulle recenti prese di posizione del governo birmano.

30/04/2014 Il censimento nazionale in Birmania ha riguardato circa 11 milioni di nuclei familiari

Dal censimento sono state escluse le popolazioni Rohingya. 23.4.2014

02/05/2014 1° Maggio in Birmania. celebrazioni nella zona industriale di Rangoon

Ospite d'onore il Ministro della Presidenza della Repubblica U Aung Min

ANNULLAMENTO SEMINARIO. Myanmar Strategie e sfide per la democrazia

A causa di concomitanti appuntamenti parlamentari e della apertura della campagna elettorale per le europee, il seminario è rimandato a data da destinarsi.

Win Tin, eroe della dissidenza birmana muore a Rangoon.

Giornalista e grande oppositore della giunta militare, in carcere per 19 anni, torturato ripetutamente, fondatore insieme ad Aung San Suu Kyi della NLD

14/05/2014 Concluso a Napyidaw il Vertice ASEAN, Il People Forum cancella l'incontro con i governi Asean a causa dell'interferenza di alcuni di loro sulle delegazioni ONG.

Dopo 17 anni dall'ingresso della Birmania nell'ASEN. Preoccupazioni per la situazione nel Mare della Cina

l'NLD critica le misure sulle campagne politiche, adottate dalla commissione elettorale

Duro attacco alla commissione elettorale: le misure ledono il ruolo del Parlamento

30/01/2014 I livelli di vita dei contadini in Birmania sono molto inferiori di quanto non fossero durante il periodo coloniale.

Lo ha dichiarato la Lega Nazionale per la Democrazia e il parlamentare Myint Thein

Papa Francesco invitato al 500° anniversario dell'arrivo della Chiesa cattolica in Birmania

storico invito in Birmania. le celebrazioni si terranno dal 21 al 23 novembre 2014

31/01/2014 Il Comitato Parlamentare per gli emendamenti alla Costituzione, lascia le cose sostanzialmente inalterate

gli emendamenti presentati, non modificano i punti principali della Costituizione contestati dall'opposizione e dalle istituzioni internazionali

Stato Kachin, continuano gli attacchi dell'esercito contro i villaggi

Free Burma Rangers denuncia nel suo rapporto gli attacchi,

21/11/2013 Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano

proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera

Le gerarchie militari sono interessate alle riforme economiche e non a quelle politiche

crescita incontrollata dei progetti nel settore turistico e potenziali impatti sul lavoro minorile

la prossima conferenza sul turismo di Singapore mette al centro la Birmania come nuova meta turistica

crescita incontrollata dei progetti nel settore turistico e potenziali impatti sul lavoro minorile

08/10/2015 L’ITALIA SOSTIENE IL PROCESSO DI SVILUPPO DEL MYANMAR E SI PROPONE DI INTENSIFICARE I RAPPORTI COMMERCIALI BILATERALI

importanti sviluppi dei rapporti bilaterali soprattutto nel settore delle infrastrutture

08/10/2015 L’ITALIA AUSPICA ELEZIONI LIBERE E DEMOCRATICHE IN MYANMAR

importante incontro e presa di posizione italiana per elezioni libere e responsabili

19/09/2015 L’ITALIA CONCEDE UN PRESTITO AGEVOLATO DI 20 MILIONI DI EURO

impegno italiano a sostegno di relazioni commerciali e dello sviluppo rurale

Mortalità materno neonatale:uno dei peggiori tassi di tutto il sudest asiatico

ospedali e ostetriche insufficenti per coprire gli oltre 60.000 villaggi

29/07/2015 Pam, 400 mila persone raggiunte dagli aiuti alimentari in seguito alle inondazioni

Oltre 1.7 milioni di persone colpite dalle devastanti inondazioni

Perché bisogna preoccuparsi dei Monaci Estremisti del gruppo Ma Ba Tha

il gruppo buddhista estremista sta prendendo piede in tutto il paese

03/08/2015 pesantissime alluvioni provocano 46 vittime e 217.000 senza tetto.

pesantissimi danni all'agricoltura e ai villaggi

La Confederation of Trade Unions of Myanmar ottiene la registrazione dal governo.

Sindacato birmano i successi di una strategia che viene da lontano e che ha puntato al dialogo

20/07/2015 Ripresi i negoziati di pace. Una corsa per evitare il rischio di azioni da parte dell'esercito nazionale.

l'accordo dovrebbe essere raggiunto prima delle elezioni di novembre.

Il Parlamento birmano vota contro i cambiamenti alla costituzione

ASSK: è chiaro che i militari sono contro il cambiamento

22/06/2015 Gravissimo incidente sul lavoro nella costruzione di un Hotel a Mandalay

due lavoratori morti e 18 feriti gravi.

Infiniti auguri alla leader birmana Aung San Suu Kyi nel giorno del suo 70° compleanno

ITALIA-BIRMANIA.INSIEME augura alla leader birmana successo nella realizzazine della democrazia,

04/04/2015 Il boicottaggio delle elezioni sono un'opzione, se la costituzione rimarrà invariata

Aung San Suu Kyi non nega la possibilità che l'NLD possa boicottare le elezioni

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

18/02/2015 Convoglio della Croce Rossa nella regione del Kokang colpito negli scontri

il Presidente Thein Sein dichiara lo stato di emergenza e la legge marziale nella regione

05/02/2015 16 FEBBRAIO ORE 11, SENATO SALA ZUCCARI, OSPITE CARDINALE BIRMANO CHARLES MAUNG BO

Il ruolo della Chiesa Cattolica in Birmania nella costruzione della pace interreligiosa

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.

29/01/2015 Il governo Chin ha ordinato la rimozione di una grande croce cristiana installata su una collica

i residenti protestano contro questa pratica. Molte sono le croci rimosse e sostituite con pagode buddhiste.

26/01/2015 Il governo prevede un forte incremento del turismo da 3.08 a 5 milioni entro l'anno

i dati includono visite della durata di meno di 24 ore dai paesi di confine

26/01/2015 Le dighe idroelettriche.Ottimismo e preoccupazioni nel primo seminario pubblico

oltre 1500 tra attivisti, Banche di sviluppo, imprese al primo seminario sul futuro delle grandi dighe

30/12/2014 Storico Congresso di fondazione della Confederazione dei Sindacati Birmani CTUM

dopo anni di duro lavoro finalmente una grande novità per la promozione del lavoro dignitoso in Birmania

20/11/2014 L'NLD ammette di non poter vincere la battaglia per il cambiamento della costituzione

Aung San Suu Kyi non potrà candidarsi alla presidenza della repubblica

14/11/2014 Visita di Obama in Birmania intervistato da the Irrawaddy

La transizione, le elezioni, i passi indietro e l'impegno degli USA

07/10/2014 Il partito di governo USDP a favore del cambiamento di un controverso articolo della costituzione birmania

Decisione che pone le basi per la modifica della parte più controversa della costituzione

01/10/2014 Il Parlamento boccia la richiesta di emendamento della legge sui sergreti nazionali

La legge coloniale, usata a luglio per condannare a 10 anni di carcere duro 5 giornalisti, dopo la pubblicazione di un rapporto sulla fabbricazione di armi chimiche

01/10/2014 Costituzione di un sistema federale e modifica della costituzione sono obiettivi chiave afferma l’NLD

l'NLD rischia di trovarsi in un vicolo cieco per l'indisponibilità di esercito e maggioranza a modificare la costituzione per renderla democratica.

07/09/2014 Che la sfida cominci

la telefonia mobile ad una svolta in Birmania.

30/06/2014 Oltre tre milioni di firme a sostegno della petizione per il cambiamento della costituzione birmana

continua la campagna di Aung San Suu Kyi contro il potere di veto dei militari in parlamento

29/06/2014 Gli USA continuano l'impegno per il cambiamento e a sostegno dei rapporti commerciali

permangono però le preoccupazioni per le tensioni etniche religiose in vista delle elezioni

24/06/2014 il Presidente Thein Sein in visita in Cina. Rafforzamento de legami con questo paese

La Cina vuole utilizzare la Birmania come cuscinetto per i raporti con l'India

20/06/2014 69° Compleanno della Leader birmana Aung San Suu Kyi

15 organizzazioni di donne si sono coalizzazzatea sostegno della campagna di Aung San Suu Kyi in vista delle elezioni del 2015

18/06/2014 DIALOGHI SULLE MINORANZE. di Fabrizio Noli con Federico De Renzi Lunedì 23 ore 18 Libreria Claudiana Roma. Piazza Cavour 32

Viaggio attraverso le minoranze nel mondo, a partire dalle minoranze birmane

16/06/2014 L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

Circa 4.500 persone verranno sfollate dall'area di Thilawa. Il governo giapponese fortemente impegnato a sostegno di iniziative imprenditoriali e di cooperazione in Birmania

10/06/2014 La lotta per la conquista della Birmania

Sfide ed opportunità per gli investitori, la Responsabilità sociale come grande opportunità

28/05/2014 Il Presidente Obama rinnova per un altro anno le sanzioni economiche mirate

La decisione proibisce ad imprese e soggetti americani di fare affari con i militari. Causa le violazioni dei diritti umani e il conflitto in corso in alcuni Stati del paese

30/05/2014 Resa nota la proposta di legge contro i matrimoni interreligiosi e le conversioni

secondo i critici sono discriminatorie e contro i mussulmani

proposte di legge contro i matrimoni interreligiosi e le conversioni

secondo i critici le proposte di legge sono discriminatorie e in violazioe dei diritti fondamentali

23/05/2014 Positiva conclusione del secondo round dei colloqui di pace tra i rappresentanti del Myanmar Peace Center e i rappresentanti dei gruppi etnici armati

Prossimo incontro a giugno con la speranza che si possa sottoscrivere una intesa definitiva.

08/05/2018 Importante incontro tra l'Ambasciatore Aliberti e il Comandante in capo delle Forze Armate Gen. Min Aung Hlaing

L'italia ribadisce la forte preoccupazione per lo stallo del processo di pace e chiede che si indaghi sulle atrocità nel Rakhine

04/08/2017 Ritorno in Myamar

Numero di RISE tutto sulla Birmania

21/06/2017 il Chief Minister di Yangon ospite oggi a Romadi Italia-Birmania.Insieme

Importante seminario su Smart cities e riforma dei musei all'ICCROM

18/05/2017 5 X 1000 a sostegno del processo democratico.

dai il 5 X 1000 a ITALIA-BIRMANIA.INSIEME

Iscriviti a Italia-Birmania.Insieme

Sostieni il processo di cambiamento democratico

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode