11/18/2011
ILO: il Consiglio di Amministrazione approva un ulteriore documento contro il lavoro forzato in Birmania
Force Labour-11

312 Sessione del Consiglio di Amministrazione dell’ILO

(Novembre 2011-11 )

 

conclusioni relative alla Birmania


Il Consiglio di Amministrazione ha preso atto della relazione del Liaison Officer, la dichiarazione fatta dal Rappresentante permanente della Repubblica dell'Unione di Birmania e la successiva discussione. Alla luce del dibattito, ha adottato le seguenti conclusioni:


(1) Il Consiglio di Amministrazione saluta gli sviluppi positivi in
​​Birmania dal marzo del 2011, ma resta preoccupato poiché i gravi problemi nel ricorso al lavoro forzato persistono. Il Consiglio di Amministrazione prevede la continuazione di un'azione rafforzata decisa e proattiva per la piena attuazione delle raccomandazioni della Commissione d'inchiesta del 1998.


(2) Il Consiglio di Amministrazione registra  che la legge che vieta l'uso del lavoro forzato in tutte le sue forme e che abroga sia la  Town and Village Acts del 1907, è all'esame del Parlamento. Il Consiglio di Amministrazione deplora la mancanza di consultazione e sollecita la rapida adozione ed entrata in vigore di tale normativa. Si sottolinea che la piena conformità della nuova legge con la Convenzione n. 29 è necessaria per soddisfare le principali raccomandazioni della Commissione d'inchiesta.


(3) Il Consiglio di Amministrazione chiede che la pratica del lavoro forzato per i detenuti, in particolare i portatori  nelle zone di conflitto,  debba cessare immediatamente ed invita  nuovamente il governo ad avvalersi dell'assistenza tecnica dell'OIL nella revisione del Manuale delle carceri.


(4) Il Consiglio di Amministrazione accoglie con favore l'avvio della discussione diretta con il Tatmadaw (forze armate) e attende con interesse ulteriori sostanziali cambiamaenati di comportamento  per l'eliminazione del lavoro forzato e la fine dell'impunità.


(5) Il Consiglio di Amministrazione accoglie inoltre con favore l'inizio di, ed incoraggia la prosecuzione delle, discussioni dirette con i Ministeri delle Finanze e della Pianificazione e attende la conferma che la pianificazione ed i processi di gestione finanziaria forniscano  il pagamento dei salari nel governo operativo e progetto le attività.


(6) Il Consiglio di Amministrazione accoglie con favore il rilascio di U Htay Zaw, U Nyan Myint, Daw Su Su Nway, U Aung Min, U Myo Aung Thant e di altri attivisti sindacali e sollecita con forza la liberazione anticipata di U Aung Thurein, U Wai Lin, U Nyi Nyi Zaw, U Kyaw Kyaw, U Kyaw Win e U Myo Min, così come  degli altri attivisti sindacali che sono tutt’ora in stato di detenzione.


(7) Il Consiglio di Amministrazione invita nuovamente il governo a facilitare il  libero accesso del funzionario di collegamento ai detenuti e  chiede  il ripristino delle licenze per esercitare la difesa di U Aye Myint e Ko Pho Phyu.


(8) Il Consiglio di Amministrazione sottolinea nuovamente l'importanza fondamentale di un approccio globale proattivo che comprende non solo la continuazione di attività di sensibilizzazione e la gestione del meccanismo di denunce, ma anche l'effettivo perseguimento dei responsabili del lavoro forzato, militari e civili, sotto il codice penale


(9) Il Consiglio di Amministrazione prende atto delle priorità di azione intraprese per la risoluzione di una serie di serie  denunce di lunga data nella regione Magwe e attende di ricevere la conferma che sono finalmente  arrivate ad una soluzione soddisfacente.
(10) Il Consiglio di Amministrazione accoglie con favore l'espansione  delle attività di sensibilizzazione in corso, compresa la produzione e la distribuzione di un opuscolo informativo in lingua Shan, ed incoraggia la prosecuzione di questa attività di partenariato e la sua espansione in altre lingue. Il Consiglio di Amministrazione prende atto altresì della positiva proposta iniziativa di formazione del personale di polizia per garantire la loro comprensione del loro ruolo e responsabilità, in collaborazione con i militari, l'eliminazione del lavoro forzato, anche per quanto riguarda le procedure per affrontare i continui problemi del sottosviluppo, il reclutamento e la loro presunta diserzione.


(11) Il Consiglio di Amministrazione, pur richiamando tutte le sue precedenti conclusioni e raccomandazioni, incoraggia l'ILO e il governo nella loro collaborazione continua positiva, nel quadro del memorandum d'intesa e del suo protocollo d'intesa che dovrebbe essere ulteriormente prorogato nel mese di febbraio 2012. Essa incoraggia inoltre il governo a rispondere positivamente a tutte le raccomandazioni dell'OIL relativi formulate dal Consiglio dei diritti umani durante l'esame periodico universale.


(12) Alla luce di quanto sopra, il Consiglio di Amministrazione ritiene essenziale rafforzare la capacità dell'Ufficio di collegamento e, pertanto, ribadisce con forza le sue ripetute richieste al governo di emettere immediatamente i visti necessari a tal fine.


(13) Il Consiglio di Amministrazione prende atto richiede un riesame della Conferenza internazionale del lavoro del mandato definito dalla risoluzione 1999 e prenderà in esame la questione nella sessione di marzo 2012.

Ginevra, 16 novembre 2011

 

05/03/2014 Nuovo rapporto ILO sulle sue attività in Birmania

Nel documento le priorità del governo

26/03/2011 ILO Decisione sul quinto punto all'ordine del giorno

sviluppi riguardanti la questione del rispetto da parte del governo della Birmania della Convenzione sul lavoro forzato, 1930 (n. 29)