6/17/2014
Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati
Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

RANGOON —Un nuovo rapporto della Banca Mondiale afferma che la Birmania può aumentare enormemente la qualità del riso attraverso investimenti nella lavorazione del riso, mentre dovrebbe ridurre i costi di trasporto e formulare politiche a sostegno delle esportazioni di riso e della produzione agricola. Il governo riformista birmano punta a migliorare la produttività e le esportazioni di riso ed si è posta l’ obiettivo di esportare 4 milioni di tonnellate di riso entro il 2020. Il rapporto dal titolo “Capitalizzare le opportunità di esportazione di riso”  sottolinea come dall’inizio delle riforme nel 2011 le esportazioni di riso sono aumentate notevolmente, ma negli ultimi due anni i volumi della esportazione si sono fermate a circa 1.3 milioni di tonnellate anno. Si è molto parlato della scarsa qualità del riso birmano che non va bene per la esportazione in mercati che chiedono prodotti di qualità come l’Unione Europea, dove i prodotti birmani sono esenti da tariffe per l’importazione grazie al Sistema di Preferenze Generalizzate, che garantisce un accesso al mercato privilegiato per i paesi meno avanzati. “La strategia attuale favorisce la produzione di riso di bassa qualità, venduto prevalentemente in Africa e Cina.  Per questo gli agricoltori ricavano profitti minimi, mentre gli investitori agricoli hanno evitato di fare investimenti” è emerso da un comunicato della Banca Mondiale. “ la situazione sta peggiorando, visto che la domanda globale di prodotti di scasa qualità sta diminuendo.” Il settore agricolo birmano è il maggior imprenditore del paese e il 70% di tutti i birmani vive in aree rurali, ma durante la  precedente giunta militare il settore ha visto scarsi miglioramenti nella produttività mentre le esportazioni di riso erano crollate enormemente rispetto al 1960. I raccolti di riso sono i più bassi rispetto al resto del Sud est asiatico pari a 2.5 tonnellate per ettaro e la maggior parte dei mulini utilizzano macchinari vecchi che causano una alta percentuale di chicchi di riso spezzati, impedendone l’esportazione. “il settore della macinatura opera con macchinari obsoleti che causano il 15-20% di perdite nel corso della lavorazione e il governo dovrebbe adottare misure per attrarre investimenti esteri  nel settore della lavorazione del riso in modo da migliorare i macchinari e produrre una qualità migliore di riso adatto alla esportazione. Il rapporto afferma che il governo dovrebbe adottare misure per facilitare i prestiti commerciali ai mugnai  di riso che hanno bisogno di acquistare scorte di riso per la molatura. “un settore più efficiente darebbe forti incentivi per aumentare la produttività, come illustrato dalla recente esperienza in Cambogia, ma gli investimenti nei beni pubblici sarebbe la chiave per  far si che nel lungo periodo si possa promuovere la crescita” sostiene il rapporto. Nel breve le altre misure includono la definizione di politiche commerciali stabili e la riduzione dei costi portuali e delle procedure per la esportazione. “il Porto di Yangon, la porta principale per la esportazione è piccolo, antiquato e con capacità limitate durante i monsoni. I costi delle procedure per la esportazione sono quasi i più alti della regione”. Sottolinea il rapporto. Per aumentare la produzione di riso nel lungo periodo, la Banca Mondiale sostiene che il governo birmano dovrebbe adottare misure tra cui il miglioramento della gestione delle acque, coinvolgendo i contadini nei processi decisionali, fornendo garanzie sulla terra e investendo nel miglioramento delle strade rurali che collegano le fattorie ai mercati. Soe Tun, segretario generale dell’Associazione degli Esportatori di Riso condivide le conclusioni del rapporto di Banca Mondiale  e ha dichiarato a The Irrawaddy in una recente intervista che il totale delle esportazioni di riso nel 2013-2014  sono precipitate a 1.2 milioni di tonnellate da 1. 7 milioni dell’anno precedente. Secondo l’associazione, circa il 60% del riso esportato va in Cina e un’altra parte consistente viene inviate in Sud Africa, mentre piccole quantità di riso di alta qualità  sono inviate in Unione Europea e Giappone che lo scorso anno ha importato circa 5.000 tonnellate di riso. Sino ad oggi l’agricoltura e la lavorazione del riso non sono riusciti ad attrarre gli investimenti esteri necessari a migliorare la produzione e lavorazione di riso. “ ci sono pochi investimenti esteri in agricoltura e il tasso non aumenta” ha dichiarato Soe Tun, “abbiamo bisogno di sostegno dal governo e dovremmo lavorare insieme settore privato, governo e altre INGO e ONG per migliorare il settore”. 

29/10/2016 Nuova legge sugli investimenti

una ulteriore semplificazione dopo l'eliminazione delle sanzioni americane

Crescita record per gli investimenti esteri

L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

16/06/2014 L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

Circa 4.500 persone verranno sfollate dall'area di Thilawa. Il governo giapponese fortemente impegnato a sostegno di iniziative imprenditoriali e di cooperazione in Birmania

28/05/2014 Il Presidente Obama rinnova per un altro anno le sanzioni economiche mirate

La decisione proibisce ad imprese e soggetti americani di fare affari con i militari. Causa le violazioni dei diritti umani e il conflitto in corso in alcuni Stati del paese

20/03/2014 L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato

01/04/2014 In vendita le quote di partecipazione alla Zona Economica Speciale di Thilawa

Un progetto pari a 21 miliardi di Kyats.

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 Il settore delle telecomunicazioni attrarrà la gran parte degli investimenti diretti esteri.

nell'anno fiscale 2014/15 gli investimenti raggiungeranno i 4 miliardi di $

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

08/02/2014 Un nuovo albergo a 5 stelle verrà costruito a Rangoon

Contribirà a sostenere l’industria turistica

05/03/2015 Negoziati UE Birmania per un accordo bilaterale sugli investimenti

lettera aperta sui mancati impegni per il rispetto dei diritti umani e sulle regole

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

26/01/2015 Il governo prevede un forte incremento del turismo da 3.08 a 5 milioni entro l'anno

i dati includono visite della durata di meno di 24 ore dai paesi di confine

10/10/2014 Pubblicato il primo rapporto sulla trasparenza delle aziende petrolifere in Birmania

In vista della riunione del board dell'EITI che si terrà in Birmania. Un passo importante a livello globale

17/09/2016 OBAMA CANCELLERA' LE SANZIONI ECONOMICHE VERSO LA BIRMANIA

l'annuncio in un incontro tra Obama e Aung San Suu Kyi alla Casa Bianca

16/04/2016 ONE BELT ONE ROAD

NEW OFFPORTUNITIES IN CHINA E BEJOND

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

Italian Products Expo 2015, aperta oggia Yangon

100 imprese italiane con il sostengno dell'Ambasciata Italiana a Yangon

01/11/2015 la produzione e trasformazione del pesce

il quadro delle prospettive e dei problemi da superare nel settore

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

15/03/2014 Secondo uno studio svedese, la migliore scommessa di Naypyidaw sta nelle dighe idroelettriche

un settore fortemente in crescita, ma si dovrà mantenere la produzione nel paese.

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

21/11/2013 Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano

proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera