3/20/2014
L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti
Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato


Con la sospensione delle sanzioni, da parte della UE, grazie ai progressi nella attuazione delle norme internazionali ILO sul lavoro forzato e le libertà fondamentali e al lancio delle riforme politiche,la UE apre un negoziato per un accordo sugli investimenti e commercio. Sarà fondamentale che tale accordo definisca chiaramente impegni e procedure di monitoraggio per lo sviluppo sostenibile e la promozione di una condotta responsabile delle imprese, in linea con i principi e le linee guida riconosciuti a livello internazionale."


L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato Stampa

Dopo la reintroduzione nel luglio 2013, del Sistema di Preferenze commerciali da parte della UE nei confronti della Birmania/Myanmar, il Commissario Europeo Karel De Gucht ha lanciato oggi a Napyitaw i negoziati per la definizione di un accordo sulla protezione degli investimenti tra l’Unione Europea e Myanmar/Birmania con il Ministro della Programmazione Economica e dello Sviluppo  della Birmania Dr. Kan Zaw. Gli stati membri della EU hanno dato semaforo verde al mandato negoziale all’inizio della settimana il 18 ottobre a Bruxelles. L’accordo sugli investimenti migliorerà la protezione ed il trattamento equo degli investitori da entrambe le parti e quindi contribuirà alla attrazione degli investimenti verso Myanmar/Birmania e la UE.

"Questo accordo sugli investimenti potrebbe funzionare da importante acceleratore per il processo di riforma in Myanmar/Birmania” ha dichiarato il Commissario al Commercio De Gucht. “L’esperienza mostra che il miglioramento delle certezze legali e della predittibilità degli investimenti è un elemento chiave per fornire opportunità di investimento e del tanto necessario sviluppo per questa economia in crescita. Io spero che noi potremo concludere velocemente i negoziati per aprire la porta ad un  maggiore flusso di investimenti positivi per entrambi.

 L’ UE appoggia pienamente il processo di riforme ed è pronta ad ulteriori sostegni in questa direzione.

Attualmente, non vi è alcun trattato bilaterale sugli investimenti tra la Birmania/Myanmar e gli stati membri della EU. Un accordo sulla tutela degli investimenti tra l’ UE e la Birmania/Myanmar offrirebbe agli investitori le garanzie chiave nei loro rapporti con la Birmania come:

  • Tutela contro ogni discriminazione;
  • Tutela contro gli espropri senza compensazione;
  • Tutela contro trattamenti scorretti e diseguali;
  • Tutela della possibilità di trasferire capitali.

Questi provvedimenti forniscono garanzie alle imprese che i loro investimenti saranno trattati correttamente e su basi eguali agli altri investitori. La creazione della certezza legale e della predittività per le imprese contribuirà ad attrarre e mantenere gli investimenti diretti esteri (IDE) per sostenere lo sviluppo della Birmania/Myanmar.

L’accordo potrebbe avere un impatto positivo a lungo termine sul processo di riforma in Birmania/Myanmar poiché sarebbe coerente con alcuni cambiamenti legislativi in atto, come le leggi sulle fusioni d’investimenti esteri e interni.

Allo stesso tempo l’accordo sugli investimenti non interferirà con il diritto dello stato di regolare  per il raggiungimento degli obiettivi di politica pubblica e di lavorare per lo sviluppo del paese e della sua gente, poiché assicurerà un equilibrio tra il diritto di regolare e di raggiungere obiettivi legittimi di politica pubblica e il bisogno di tutelare gli investitori.

L’accordo offrirà inoltre una opportunità per la UE e la Birmania/Myanmar di continuare a sostenere i loro forti impegni per lo sviluppo sostenibile e la promozione di una condotta responsabile delle imprese in linea con i principi e le linee guida riconosciuti a livello internazionale.

Relazioni commerciali e di investimento tra UE e EU-Myanmar

In risposta al processo di riforme politiche ed economiche iniziate nel 2011 e dopo la decisione del giugno 2012 da parte della Conferenza internazionale dell’Organizzazione Internazionale del lavoro (ILO) di sospendere la risoluzione restrittiva sulla Birmania/Myanmar la UE ha reintrodotto lo Schema di Preferenze Generalizzate e le preferenze tariffarie il 19 luglio 2013 con una applicazione retroattiva a partire dal 13 giugno 2012. La UE aveva temporaneamente sospeso tali preferenze a partire dal 1997 a causa delle violazioni dei principi della Convenzione ILO sul lavoro forzato.

In seguito a ciò nel 2013 l’interscambio commerciale in merci con la Birmania/Myanmar era pari a €569 milioni un aumento del 41% rispetto al 2012 (€403 milioni).

Le esportazioni della Birmania/Myanmar verso la UE sono aumentate del 35% nel 2013 fino a €223 milioni (rispetto ai  €165 milioni del 2012).

 Mentre in passato, le esportazioni si limitavano all’abbigliamento (66,9%), prodotti della pesca (8%), riso (4,4%) e cereali (4.3%), le esportazioni della Birmania nel 2013 hanno visto la quota dell’abbigliamento ridursi al 58,2% ed un aumento delle esportazioni di pietre preziose (11,7%) e prodotti del legname (7,8%).

Le esportazioni UE verso il paese sono aumentate del 45% nel 2013 ed hanno raggiunto quota €346 milioni (paragonati ai €239 milioni del 2012).  Le esportazioni chiave della UE sono state aerei, prodotti farmaceutici, macchinari elettrici e attrezzature.

Gli investimenti UE in Birmania /Myanmar sono stati limitati,  fino ad oggi, a causa delle precedenti sanzioni Europee. Secondo i dati ufficiali della Birmania/Myanmar gli investimenti esistenti totali della UE ammontavano nel 2013 a circa  3.1 miliardi di USD  (9% dei FDI della Birmania/Myanmar)

Per ulteriori informazioni

Joint communiqué on the launch of EU-Myanmar investment relations

Rapporti commerciali tra UE e Myanmar/Birmania

http://ec.europa.eu/trade/policy/countries-and-regions/countries/myanmar/

Press Release (IP/13/695): EU re-opens its market to Myanmar/Burma, 18 July 2013

Press Release (IP/14/271): EU Trade Commissioner De Gucht travels to South East Asia to boost trade ties with Vietnam, Cambodia and Myanmar, 14 March 2014

Sulle politiche degli investimenti UE /Myanmar

http://ec.europa.eu/trade/policy/accessing-markets/investment/

29/10/2016 Nuova legge sugli investimenti

una ulteriore semplificazione dopo l'eliminazione delle sanzioni americane

Crescita record per gli investimenti esteri

L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

16/06/2014 L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

Circa 4.500 persone verranno sfollate dall'area di Thilawa. Il governo giapponese fortemente impegnato a sostegno di iniziative imprenditoriali e di cooperazione in Birmania

28/05/2014 Il Presidente Obama rinnova per un altro anno le sanzioni economiche mirate

La decisione proibisce ad imprese e soggetti americani di fare affari con i militari. Causa le violazioni dei diritti umani e il conflitto in corso in alcuni Stati del paese

01/04/2014 In vendita le quote di partecipazione alla Zona Economica Speciale di Thilawa

Un progetto pari a 21 miliardi di Kyats.

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 Il settore delle telecomunicazioni attrarrà la gran parte degli investimenti diretti esteri.

nell'anno fiscale 2014/15 gli investimenti raggiungeranno i 4 miliardi di $

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

08/02/2014 Un nuovo albergo a 5 stelle verrà costruito a Rangoon

Contribirà a sostenere l’industria turistica

05/03/2015 Negoziati UE Birmania per un accordo bilaterale sugli investimenti

lettera aperta sui mancati impegni per il rispetto dei diritti umani e sulle regole

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

26/01/2015 Il governo prevede un forte incremento del turismo da 3.08 a 5 milioni entro l'anno

i dati includono visite della durata di meno di 24 ore dai paesi di confine

10/10/2014 Pubblicato il primo rapporto sulla trasparenza delle aziende petrolifere in Birmania

In vista della riunione del board dell'EITI che si terrà in Birmania. Un passo importante a livello globale

17/09/2016 OBAMA CANCELLERA' LE SANZIONI ECONOMICHE VERSO LA BIRMANIA

l'annuncio in un incontro tra Obama e Aung San Suu Kyi alla Casa Bianca

16/04/2016 ONE BELT ONE ROAD

NEW OFFPORTUNITIES IN CHINA E BEJOND

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

Italian Products Expo 2015, aperta oggia Yangon

100 imprese italiane con il sostengno dell'Ambasciata Italiana a Yangon

01/11/2015 la produzione e trasformazione del pesce

il quadro delle prospettive e dei problemi da superare nel settore

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

17/06/2014 Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati

Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

15/03/2014 Secondo uno studio svedese, la migliore scommessa di Naypyidaw sta nelle dighe idroelettriche

un settore fortemente in crescita, ma si dovrà mantenere la produzione nel paese.

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

21/11/2013 Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano

proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera