1/31/2010
Uno studio avverte sulle attività nucleari birmane – Articolo di Lalit Jha
Irrawaddy – Uno studio rilasciato il 28 gennaio ha chiesto una maggiore attenzione sulle attività nucleari birmane.                    

Il rapporto dell’Institute for Science and International Security riconosce che sebbene non ci siamo prove concrete che il Paese del Sud-est asiatico sta cercando “reattori nucleari segreti o strumentazioni cosiddette fuel-cycle”, ci sono indicazioni sufficienti e preoccupanti per analizzare più nel dettaglio in quello che sta succedendo in Birmania.
"I legami sospetti del regime militare con la Corea del Nord, e l’apparente volontà di procurarsi in modo illegale della tecnologia sensibile, rendono una priorità convincere il governo militare a garantire maggiore trasparenza”, aggiunge il rapporto.                

I rapporti recenti suggeriscono che la Birmania potrebbe stare cercando di sviluppare armi nucleari. Le prove di questi tentativi – basati principalmente su immagini fotografiche e sulle rivelazioni di ex militari – “non sono confermate in generale”, secondo gli autori dell’ISIS. La nazione ha ratificato il Trattato di Non Proliferazione Nucleare nel 1992.                              

“Le prove sostengono che il regime vuole sviluppare una capacità nucleare di qualche tipo, ma se l’ultimo obiettivo è pacifico o militare rimane un mistero” secondo lo studio.                  

La Birmania negli ultimi dieci anni hanno fatto tentativi di acquistare un reattore nucleare, e sta aspettando tecnologia dalla Russia per costruire un impianto in base all’accordo bilaterale del 2001.                  

Nel frattempo, la Birmania e il Corea del Nord hanno ristabiliti legami militari nel 2007. C’è ragione di credere che i due Stati stiano considerando una cooperazione nucleare, ma non è stato confermato che questo ha portato alla costruzione di tecnologia nucleare, dice il rapporto.                  

“Nonostante ciò, nessuno può ignorare la possibilità di una significativa assistenza nucleare della Corea del Nord al regime militare. Perché la Corea del Nord ha venduto segretamente un reattore alla Siria, nessuno vuole chiudere gli occhi alla possibilità che la Corea del Nord stia vendendo materiale nucleare, strumentazione o strutture”, scrivono gli autori. “Il record di proliferazione della Corea del Nord e il fallimento di tracciare in modo veloce il reattore siriano non può che determinare una maggiore attenzione sul fatto che Pyongyang può vendere un reattore o altra tecnologia sensibile alla Birmania”.                   

Lo studio avverte che la Birmania potrebbe stare sostenendo gli sforzi nordcoreani di acquistare materiale per le proprie operazioni e suggerisce che la stessa Birmania potrebbe servire come punto di snodo per il traffico di materiale per il programma di arroccamento dell’uranio di Pyongyang.     

Nel frattempo ci sono stati anche rapporti – non confermati – che due scienziati nucleari pakistani siano stati in Birmania nel 2001, sebbene la giunta abbia sempre negato.                 

La scorsa estate, i funzionari del regime hanno detto al Senatore Webb che non si trattava di un tentative di acquisire tecnologia o know-how nucleare.               
Gli autori hanno notato che le passate attività nucleari in Siria, Pakistan e Iran “sono state tutte possibili in gran parte per il fallimento da parte della comunità internazionale di fermare la vendita illegale di tecnologia”.                 

Dal momento che la Birmani sta acquistando un’ampia gamma di prodotti dual-use (civile e militare) all’estero “i governi e le società hanno bisogno di essere più vigili nell’esaminare le attività della Birmania, la sua richiesta di cercare equipaggiamento, sia attraverso il governo, o società ad esso collegate, o altre compagnie straniere”, consiglia il rapporto.                  

Il Portavoce del Dipartimento di Stato americano, P.J. Crowley ha detto di non aver letto lo studio “ma siamo seriamente preoccuppati su certe attività e sul rischio potenziale per la agenda di non proliferazione globale”.


(Puoi leggere l'articolo in originale sulla Global Security Newswire)


(31 Gennario 2010)

29/10/2016 Nuova legge sugli investimenti

una ulteriore semplificazione dopo l'eliminazione delle sanzioni americane

Crescita record per gli investimenti esteri

L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

16/06/2014 L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

Circa 4.500 persone verranno sfollate dall'area di Thilawa. Il governo giapponese fortemente impegnato a sostegno di iniziative imprenditoriali e di cooperazione in Birmania

28/05/2014 Il Presidente Obama rinnova per un altro anno le sanzioni economiche mirate

La decisione proibisce ad imprese e soggetti americani di fare affari con i militari. Causa le violazioni dei diritti umani e il conflitto in corso in alcuni Stati del paese

20/03/2014 L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato

01/04/2014 In vendita le quote di partecipazione alla Zona Economica Speciale di Thilawa

Un progetto pari a 21 miliardi di Kyats.

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 Il settore delle telecomunicazioni attrarrà la gran parte degli investimenti diretti esteri.

nell'anno fiscale 2014/15 gli investimenti raggiungeranno i 4 miliardi di $

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

08/02/2014 Un nuovo albergo a 5 stelle verrà costruito a Rangoon

Contribirà a sostenere l’industria turistica

05/03/2015 Negoziati UE Birmania per un accordo bilaterale sugli investimenti

lettera aperta sui mancati impegni per il rispetto dei diritti umani e sulle regole

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

26/01/2015 Il governo prevede un forte incremento del turismo da 3.08 a 5 milioni entro l'anno

i dati includono visite della durata di meno di 24 ore dai paesi di confine

10/10/2014 Pubblicato il primo rapporto sulla trasparenza delle aziende petrolifere in Birmania

In vista della riunione del board dell'EITI che si terrà in Birmania. Un passo importante a livello globale

17/09/2016 OBAMA CANCELLERA' LE SANZIONI ECONOMICHE VERSO LA BIRMANIA

l'annuncio in un incontro tra Obama e Aung San Suu Kyi alla Casa Bianca

16/04/2016 ONE BELT ONE ROAD

NEW OFFPORTUNITIES IN CHINA E BEJOND

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

Italian Products Expo 2015, aperta oggia Yangon

100 imprese italiane con il sostengno dell'Ambasciata Italiana a Yangon

01/11/2015 la produzione e trasformazione del pesce

il quadro delle prospettive e dei problemi da superare nel settore

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

17/06/2014 Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati

Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

15/03/2014 Secondo uno studio svedese, la migliore scommessa di Naypyidaw sta nelle dighe idroelettriche

un settore fortemente in crescita, ma si dovrà mantenere la produzione nel paese.

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

21/11/2013 Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano

proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera