11/21/2013
Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano
proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera

Il terminal petrolifero birmano si trova di fronte a uno stop a causa delle proteste nello   Yunnan


Il porto petrolifero di Kyaukphyu sulla costa birmana dello stato Arakan e l’oleodotto che attraversa il paese per trasportare petrolio nella provincia cinese dello Yunnan senza sbocco al mare, si trova di fronte a enormi problemi che potrebbero ritardare o rallentare la loro operatività. Quasi il 50% dei 22 milioni di petrolio grezzo dal Medio Oriente e Africa secondo i piani dovrebbero iniziare a defluire attraverso Kyaukphyu per arrivare ad una nuova raffineria a Kunming, la capitale dello Yunnan. Ma l’opposizione pubbica cinese e alcuni problemi ambientali hanno portato al rallentamento nella costruzione della raffineria e alcuni rapporti ora sostengono che potrebbe essere cancellata e spostata altrove.

La raffineria a Anning, appena fuori di Kunming avrebbe dovuto essere completata agli inizi del 2014 e avrebbe dovuto assorbire circa 200.000 barili al giorno per produrre gasolio e diesel e per alimentare un impianto petrolchimico vicino. La capacità di trasmissione massima  è di 440.000 barili e il proprietario principale è la China National Petroleum Corporation (CNPC).

A maggio e giugno, migliaia di residenti di Kunming sono scesi in piazza in una protesta molto rara contro la raffineria e i piani della CNPC di produrre 500.000 tonnellate di tparaxylene (PX), una sostanza chimica cancerogena utilizzata per la produzione di bottiglie di poliestere e plastica.

La CNPC ha dichiarato che un rapporto di valutazione ambientale non mostra alcun pericolo di inquinamento nei confronti della popolazione urbana, ma ad agosto il ministero cinese per la protezione ambientale ha annunciato la sospensione della approvazione del progetto di raffineria programmato sia dal CNPC che da un’altra azienda petrolifera cinese di proprietà pubblica: la Sinopec poiché “lo scorso anno non avevano raggiunto gli obiettivi di riduzione delle emissioni inquinanti “ ha dichiarato ad ottobre l’analista di energia internazionale Platts. Sino ad ora non era chiaro cosa sarebbe successo al progetto di raffineria  di Kunming della CNPC, ma la scorsa settimana un diplomatico dell’ambasciata cinese in Birmania sembra aver dichiarato che si stava rilocalizzandola.

“non si sa quando le operazioni (del gasdotto birmano) inizieranno visto che la raffineria  è stata spostata.” Ha dichiarato un diplomatico dell’ambasciata cinese in Birmania  Sino ad oggi non era chiaro cosa sarebbe successo  al progetto della raffineria di Kunming, ma la scorsa settimana un diplomatico dell’ambasciata cinese in Birmania ha dichiarato che sarà spostata. “non si sa quando entreranno in funzione le operazioni del gasdotto birmano perché la costruzione di una raffineria petrolifera è stata rinviata” ha dichiarato il terzo segretario Huo Winiun al Myanmar Times. “ inizialmente la raffineria avrebbe dovuto essere costruita a Kunming ma ora si pensa che verrà costruita altrove nella provincia dello Yunnan. CNPC a Pechino si è rifiutato di parlare all’Irrawaddy sui ritardi e sulle implicazioni per il gasdotto e ha solo affermato “ancora oggi si fanno i preparativi per iniziare a far funzionare l’oleodotto nel 2014. Un rapporto della Reuters riporta quanto affermato da una ONG locale: la Kyaukphyu Social Network, che la CNPC sta costruendo inoltre dei silos  per il contenimento di petrolio nel suo terminal di trasmissione. Ne costruirà 12 per una capacità di 100.000 metri cubi, che complessivamente saranno 7.5 milioni di barili o l’equivalente di 17 giorni di funzionamento dell’oleodotto a piena capacità.

 “In teoria, la CNPC  potrebbe inviare direttamente il petrolio attraverso l’oleodotto verso altre destinazioni nella Cina sudoccidentale” ha dichiarato all’Irrawaddy l’analista regionale di imprese del settore Collin Reynolds: “Il problema è che le infrastrutture nello Yunnan sono ancora molto limitate”. A meno che la CNPC potrà deviare rapidamente il petrolio pompato attraverso l’oleodotto ci potrebbero essere seri colli di bottiglia di tipo logistico nel suo terminal sulla costa” aveva dichiarato. “ la raffineria nel Kunmink era stata pensata per fornire più del 50% del gas da altre province cinesi.

 Mentre la Kyaukphyu Social Network  sta portando avanti una campagna informativa sulla salute e sicurezza per prevenire o limitare  sversamenti di petrolio a Kyaukphyu a e nelle acque costiere circostanti,  come pure la ppossibilità di accedere nuovamente alle zone fiscali che ora sono vietate alla comunità locale. La rete ha richiesto una serie di informazioni all’ufficio del Presidente [Thein Sein]

L’oleodotto della  CNPC  è il primo a pompare in Cina petrolio che non è direttamente collegato ad un field. Il costo maggiore del trasporto del greggio via nave a Kyawkphyu prima dello scarico e trasferimento rende l’operazione non economica ha dichiarato il giornale d’affari di Pechino  a Cajjing in un rapporto speciale.  La CNPC dovrebbe pagare al governo di Naypydaw  13.6 milioni di $ anno per il gasdotto più 1 $ per ogni tonnellata che  attraversa. Cioè 22 milioni di $, ma solo se opererà a pieno ritmo.

 

 

29/10/2016 Nuova legge sugli investimenti

una ulteriore semplificazione dopo l'eliminazione delle sanzioni americane

Crescita record per gli investimenti esteri

L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

16/06/2014 L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

Circa 4.500 persone verranno sfollate dall'area di Thilawa. Il governo giapponese fortemente impegnato a sostegno di iniziative imprenditoriali e di cooperazione in Birmania

28/05/2014 Il Presidente Obama rinnova per un altro anno le sanzioni economiche mirate

La decisione proibisce ad imprese e soggetti americani di fare affari con i militari. Causa le violazioni dei diritti umani e il conflitto in corso in alcuni Stati del paese

20/03/2014 L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato

01/04/2014 In vendita le quote di partecipazione alla Zona Economica Speciale di Thilawa

Un progetto pari a 21 miliardi di Kyats.

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 Il settore delle telecomunicazioni attrarrà la gran parte degli investimenti diretti esteri.

nell'anno fiscale 2014/15 gli investimenti raggiungeranno i 4 miliardi di $

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

08/02/2014 Un nuovo albergo a 5 stelle verrà costruito a Rangoon

Contribirà a sostenere l’industria turistica

05/03/2015 Negoziati UE Birmania per un accordo bilaterale sugli investimenti

lettera aperta sui mancati impegni per il rispetto dei diritti umani e sulle regole

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

26/01/2015 Il governo prevede un forte incremento del turismo da 3.08 a 5 milioni entro l'anno

i dati includono visite della durata di meno di 24 ore dai paesi di confine

10/10/2014 Pubblicato il primo rapporto sulla trasparenza delle aziende petrolifere in Birmania

In vista della riunione del board dell'EITI che si terrà in Birmania. Un passo importante a livello globale

17/09/2016 OBAMA CANCELLERA' LE SANZIONI ECONOMICHE VERSO LA BIRMANIA

l'annuncio in un incontro tra Obama e Aung San Suu Kyi alla Casa Bianca

16/04/2016 ONE BELT ONE ROAD

NEW OFFPORTUNITIES IN CHINA E BEJOND

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

Italian Products Expo 2015, aperta oggia Yangon

100 imprese italiane con il sostengno dell'Ambasciata Italiana a Yangon

01/11/2015 la produzione e trasformazione del pesce

il quadro delle prospettive e dei problemi da superare nel settore

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

17/06/2014 Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati

Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

15/03/2014 Secondo uno studio svedese, la migliore scommessa di Naypyidaw sta nelle dighe idroelettriche

un settore fortemente in crescita, ma si dovrà mantenere la produzione nel paese.

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei