5/26/2009
Urgente - Comunicato Stampa CISL a seguito della Conferenza Stampa congiunta tra Bonanni e il Ministro degli Esteri Frattini
Il Segretario Generale della CISL Raffaele Bonanni ringraziando il Ministro degli Esteri Franco Frattini  per aver indetto una conferenza stampa congiunta così positivamente inusuale, che ha visto la partecipazione anche di Maung Maung, Segretario Generale del Sindacato Birmano FTUB, ha illustrato le richieste della CISL al governo e alla comunità internazionale perché si vada finalmente oltre le dichiarazioni di condanna e si adotti una forte pressione affinché il Rappresentante della UE Piero Fassino, Ban Ki-moon Segr. Gen. ONU e il Segretario dell’Asean Surin possano immediatamente andare in Birmania per negoziare con la giunta  la liberazione immediata di Aung San Suu Kyi e di tutti i prigionieri politici e sindacali (38 sindacalisti condannati ad oltre 20 anni); perché la giunta accetti l’avvio del dialogo con l’opposizione e le rappresentanze etniche per la transizione alla democrazia, e perché attraverso il dialogo che si attui innanzitutto la revisione della costituzione, approvata con la forza dai militari. Tale revisione, secondo Bonanni è la condizione imprescindibile  perché la comunità internazionale accetti le elezioni indette per il 2010, elezioni che dovranno tenersi sulla base di una legge elettorale democratica e con la partecipazione di osservatori internazionali.     

Tra le altre richieste, Bonanni ha chiesto che i governi  Europei rafforzino le sanzioni economiche e ne condizionino la riduzione alla attuazione degli impegni per la transizione vera alla democrazia, introducendo sanzioni che proibiscano alle imprese europee di fornire polizze assicurative in Birmania e  sanzioni sulle transazioni finanziarie attraverso il divieto di utilizzo dell’euro come valuta per le transazioni commerciali con persone o imprese birmane, così come hanno fatto gli USA.      

Raffaele Bonanni, mentre ha espresso apprezzamento per le poche imprese che si sono ritirate dalla Birmania, ha anche annunciato la pubblicazione della lista delle imprese italiane che continuano a lavorare con questo paese ed ha chiesto di interrompere tali rapporti  fino a quando non vi sarà un profondo cambiamento democratico e serie garanzie perché i lavoratori e le lavoratrici possano lavorare con dignità e non essere vittime di lavoro forzato e di sfruttamento violento e disumano e perché possano avere il diritto di organizzazione e contrattazione collettiva, oggi negato con il carcere.
        
La CISL ha presentato un nuovo elenco di imprese che continuano, nonostante le decisioni europee a importare ed esportare prodotti, soprattutto del settore del legno, della meccanica, elettronica e potenzialmente della difesa. La CISL chiede che  gli uffici preposti delle Dogane e delle Finanze, in particolare  gli Uffici Centrali Antifrode predispongano tutte le procedure e gli strumenti necessari affinchè le imprese non esportino o importino in violazione delle decisioni assunte dalla UE, anche attraverso la triangolazione con Cina e Thailandia.           

Alle altre imprese che fanno affari con la Birmania, pur non in violazione delle norme europee, soprattutto in questo delicato momento, la CISL chiede di interrompere tali affari perché comunque alimentano la  permanenza di questa giunta militare che basa il suo potere sulle uccisioni, sugli stupri, sul lavoro forzato, sulla confisca delle terre e sulla incarcerazione arbitraria di migliaia di uomini e donne che non hanno commesso altro crimine che quello di lottare per la democrazia e i diritti.  La CISL, impegnando i propri iscritti chiede di fare un passo indietro e chiede a tutti i consumatori di boicottare le imprese, comprese quelle del turismo, che continuano a chiudere gli occhi di fronte a questa sanguinaria dittatura.

29/10/2016 Nuova legge sugli investimenti

una ulteriore semplificazione dopo l'eliminazione delle sanzioni americane

Crescita record per gli investimenti esteri

L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

16/06/2014 L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

Circa 4.500 persone verranno sfollate dall'area di Thilawa. Il governo giapponese fortemente impegnato a sostegno di iniziative imprenditoriali e di cooperazione in Birmania

28/05/2014 Il Presidente Obama rinnova per un altro anno le sanzioni economiche mirate

La decisione proibisce ad imprese e soggetti americani di fare affari con i militari. Causa le violazioni dei diritti umani e il conflitto in corso in alcuni Stati del paese

20/03/2014 L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato

01/04/2014 In vendita le quote di partecipazione alla Zona Economica Speciale di Thilawa

Un progetto pari a 21 miliardi di Kyats.

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 Il settore delle telecomunicazioni attrarrà la gran parte degli investimenti diretti esteri.

nell'anno fiscale 2014/15 gli investimenti raggiungeranno i 4 miliardi di $

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

08/02/2014 Un nuovo albergo a 5 stelle verrà costruito a Rangoon

Contribirà a sostenere l’industria turistica

05/03/2015 Negoziati UE Birmania per un accordo bilaterale sugli investimenti

lettera aperta sui mancati impegni per il rispetto dei diritti umani e sulle regole

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

26/01/2015 Il governo prevede un forte incremento del turismo da 3.08 a 5 milioni entro l'anno

i dati includono visite della durata di meno di 24 ore dai paesi di confine

10/10/2014 Pubblicato il primo rapporto sulla trasparenza delle aziende petrolifere in Birmania

In vista della riunione del board dell'EITI che si terrà in Birmania. Un passo importante a livello globale

17/09/2016 OBAMA CANCELLERA' LE SANZIONI ECONOMICHE VERSO LA BIRMANIA

l'annuncio in un incontro tra Obama e Aung San Suu Kyi alla Casa Bianca

16/04/2016 ONE BELT ONE ROAD

NEW OFFPORTUNITIES IN CHINA E BEJOND

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

Italian Products Expo 2015, aperta oggia Yangon

100 imprese italiane con il sostengno dell'Ambasciata Italiana a Yangon

01/11/2015 la produzione e trasformazione del pesce

il quadro delle prospettive e dei problemi da superare nel settore

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

17/06/2014 Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati

Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

15/03/2014 Secondo uno studio svedese, la migliore scommessa di Naypyidaw sta nelle dighe idroelettriche

un settore fortemente in crescita, ma si dovrà mantenere la produzione nel paese.

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

21/11/2013 Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano

proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera