7/29/2009
Giro di vite sulla sicurezza per il verdetto contro Suu Kyi – Articolo di Saw Yan Naing
IRRAWADDY - Da mercoledì mattina sono state rafforzate le misure di sicurezza attorno alla prigione di Insein a Rangoon e ai negozi è stato ordinato di rimanere chiusi questo venerdì, giorno in cui è programmato il verdetto conclusivo del processo contro la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi.             

Due battaglioni di polizia hanno già raggiunto le forze di sicurezza che stazionavano attorno alla prigione in vista del possible scoppio di proteste, secondo quanto riferiscono fonti a Rangoon, che raccontano anche come le autorità siano di fatto preoccupate circa possibili manifestazioni.



Foto - Forze di polizia attorno alla prigione di Insien per il verdetto
Poliziotti in tenuta antisommossa fanno guardia all'ingresso
della Prigione di Insein (Associated Press, da Irrawaddy)



Dozzine di sostenitori di Suu Kyi si sono radunati regolarmente fuori dalla prigione di Insein per ogni giorno del processo.          

Uno dei più importanti leader dell’opposizione, Win Tin, dirigente della National League for Democracy, si è aggiunto a chi è venuto a raccolta.
        
Nella giornata di martedì, Win Tin ha raccontato di essere giunto in prossimità della Prigione di Insein, rimanendo per circa quaranta minuti per manifestare la propria solidarietà alla collega, Suu Kyi.        

Martedì sono stati presentati gli ultimi argomenti del processo mentre il verdetto è atteso per venerdì.               

I diplomatici che erano presenti in aula hanno detto di aver sentito Suu Kyi usare queste parole “Temo che il verdetto sarà dolorosamente ovvio” (n.d.r. “I’m afraid the verdict will be painfully obvious”), secondo quanto riportato dall’Associated Press.            

Dopo la sessione finale di martedì, Suu Kyi ha detto al proprio avvocato, Nyan Win, che il procedimento “mostrerà se nel Paese esiste o meno lo stato di diritto”.            

Suu Kyi potrebbe ricevere fino a cinque anni di carcere se ritenuta colpevole. E’ accusata di aver violato i termini dei propri arresti domiciliari.          

Il suo processo è iniziato il 18 Maggio venendo rallentato dalla decisione della corte di aggiornare le udienze numerose volte.   

Suu Kyi ha passato circa 14 degli ultimi 20 anni agli arresti domiciliari. L'ultimo periodo da reclusa, che di fatto ancora sta vivendo, è iniziato nel Maggio del 2003. 



(Puoi leggere l'articolo in originale su The Irrawaddy)


(29 Luglio 2009)
11/03/2014 Aung San Suu Kyi incontra il Presidente Thein Shwe

Un importante incontro i cui contenuti non sono stati divulgati. Probabilmente si è discusso della modifica della costituzione

06/01/2014 Aung San Suu Kyi presidente potrebbe riconciliare la Birmania

Iintervista a U Win TIn di Sandra Zampa parlamentare PD

20/06/2014 69° Compleanno della Leader birmana Aung San Suu Kyi

15 organizzazioni di donne si sono coalizzazzatea sostegno della campagna di Aung San Suu Kyi in vista delle elezioni del 2015

28/08/2017 VITA AGLI ARRESTI DI AUNG SAN SUU KYI

un film di Marco Martinelli

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

21/09/2016 Aung San Suu Kyi parla all'Assemblea Generale ONU

prima rapprentante di un governo civile birmano

08/02/2016 Aung San Suu Kyi minacciata di morte su Facebook

L'NLD denuncerà il responsabile delle minacce

08/04/2016 Il Ministro Gentiloni incontra il nuovo Presidente birmano e la Leader Aung San Suu Kyi

Forte sostegno dell'Italia al processo di democratizzazione

08/02/2016 Aung San Suu Kyi potrebbe diventare presidente se i militari accetteranno di modificare un articolo della costituzione

i negoziati in atto potrebbero bypassare il divieto costituzionale