1/18/2012
Aung San Suu Kyi si ha sottoscritto la sua candidatura alle prossime elezioni suppletive

La Leader dell'opposizione birmana Aung San Suu Kyi ha lanciato la sua storica sfida per un seggio in parlamento, questo è l'ultimo segnale di cambiamento nel paese dopo la fine di decenni di vera e propria dittatura militare.
Il Nobel per la pace si candida per le elezioni del 1 aprile e questa scelta è vista come un test importante di credibilità dell’impegno di riforma del regime dopo una serie sorprendente di gesti distensivi da parte del nuovo governo nominalmente civile.
L’ icona della democrazia, rilasciata da lunghi anni di arresti domiciliari alla fine del 2010, ha presentato la sua candidatura in una circoscrizione rurale a Kawhmu vicino Rangoon, una zona devastata dal ciclone Nargis nel 2008.
"Aung San Suu Kyi è il primo membro dell’ LND a candidarsi. alla Camera, la Lega nazionale per la democrazia (Nld), ha deciso di rientrare nell'arena politica ufficiale, in un contesto di riforme  in atto tra cui il dialogo tra il regime e l'opposizione.
L’ NLD è stata privata del suo status di partito politico legale nel 2010, dopo che ha scelto di boicottare le controverse elezioni nazionali tenutasi nel novembre dello stesso anno, criticando duramente le leggi elettorali che avrebbero impedito ai partiti candidati di avere tra le fila persone condannate.

Quel voto, in cui gli alleati dei militari hanno rivendicato una vittoria schiacciante, è stata segnato dalle denunce di truffa e criticato da parte delle nazioni occidentali che applicano le sanzioni contro il regime.
Un quarto dei seggi del parlamento sono appaltati a  funzionari militari che vengono nominati, mentre l'Unione Solidarietà e Sviluppo (USDP), che è pieno di ex militari, detiene circa l'80 per cento della parte restante.
Suu Kyi è stata rilasciata pochi giorni dopo le elezioni 2010, dopo aver trascorso gran parte degli ultimi due decenni in stato di detenzione.
Fin dal suo arrivo al potere nel marzo, il nuovo governo sostenuto dal vecchio regime militare dominato da ex generali ha fatto una serie di mosse riformiste in un apparente tentativo di entrare in contatto con gli avversari politici e l'Occidente.
Tra queste, il rilascio di centinaia di prigionieri politici, l’apertura del dialogo con l'opposizione, la sospensione della costruzione di una mega-diga impopolare e la firma di accordi di pace con i ribelli armati delle minoranze etniche.
Nelle elezioni di aprile sono in ballo un totale di 48 seggi - non abbastanza per minacciare la maggioranza clamorosa detenuta dal partito di governo. Ma la partecipazione di Suu Kyi darebbe una spinta alla credibilità del nuovo governo.
Una alto personaggio del regime ha detto alla AFP lunedi che la Birmania "non ha altro modo", che quello di abbracciare la democrazia, e ha promesso che le elezioni di aprile saranno democratiche.
"Vi garantisco le elezioni saranno libere e giuste", ha detto  lo speaker della Camera bassa Shwe Mann.
Suu Kyi ha accennato durante il fine settimana che avrebbe potuto avere un ruolo nel governo, ma ha detto che "dipende dalle circostanze".
le elezioni di aprile servono a sostituire i seggi lasciati liberi da coloro che eletti, nel 2010, sono diventati ministri e viceministri del governo.



11/03/2014 Aung San Suu Kyi incontra il Presidente Thein Shwe

Un importante incontro i cui contenuti non sono stati divulgati. Probabilmente si è discusso della modifica della costituzione

06/01/2014 Aung San Suu Kyi presidente potrebbe riconciliare la Birmania

Iintervista a U Win TIn di Sandra Zampa parlamentare PD

20/06/2014 69° Compleanno della Leader birmana Aung San Suu Kyi

15 organizzazioni di donne si sono coalizzazzatea sostegno della campagna di Aung San Suu Kyi in vista delle elezioni del 2015

28/08/2017 VITA AGLI ARRESTI DI AUNG SAN SUU KYI

un film di Marco Martinelli

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

21/09/2016 Aung San Suu Kyi parla all'Assemblea Generale ONU

prima rapprentante di un governo civile birmano

08/02/2016 Aung San Suu Kyi minacciata di morte su Facebook

L'NLD denuncerà il responsabile delle minacce

08/04/2016 Il Ministro Gentiloni incontra il nuovo Presidente birmano e la Leader Aung San Suu Kyi

Forte sostegno dell'Italia al processo di democratizzazione

08/02/2016 Aung San Suu Kyi potrebbe diventare presidente se i militari accetteranno di modificare un articolo della costituzione

i negoziati in atto potrebbero bypassare il divieto costituzionale