11/22/2010
Birmania: Concesso visto d'ingresso a figlio Aung San Suu Kyi

AGI/AFP - Rangoon, 22 nov. - La giunta militare al potere nel Myanmar, l'ex Birmania, ha concesso il visto d'ingresso a Kim Aris, il figlio minore della leader dell'opposizione democratica Aung San Suu Kyi, rilasciata il 13 novembre scorso dagli arresti domiciliari dopo oltre sette anni. L'ha annunciato uno degli avvocati della premio Nobel per la Pace '91, Nyan Win, secondo cui il 33enne Kim si trova a Bangkok, e' gia' materialmente in possesso del visto e "sta cercando di arrivare oggi stesso" nel Paese di origine della madre. Quest'ultima, ha aggiunto il legale, andra' ad accoglierlo di persona all'aeroporto di Yangon, la vecchia capitale gia' chiamata Rangoon.


(22 Novembre 2010)

11/03/2014 Aung San Suu Kyi incontra il Presidente Thein Shwe

Un importante incontro i cui contenuti non sono stati divulgati. Probabilmente si è discusso della modifica della costituzione

06/01/2014 Aung San Suu Kyi presidente potrebbe riconciliare la Birmania

Iintervista a U Win TIn di Sandra Zampa parlamentare PD

20/06/2014 69° Compleanno della Leader birmana Aung San Suu Kyi

15 organizzazioni di donne si sono coalizzazzatea sostegno della campagna di Aung San Suu Kyi in vista delle elezioni del 2015

28/08/2017 VITA AGLI ARRESTI DI AUNG SAN SUU KYI

un film di Marco Martinelli

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode

21/09/2016 Aung San Suu Kyi parla all'Assemblea Generale ONU

prima rapprentante di un governo civile birmano

08/02/2016 Aung San Suu Kyi minacciata di morte su Facebook

L'NLD denuncerà il responsabile delle minacce

08/04/2016 Il Ministro Gentiloni incontra il nuovo Presidente birmano e la Leader Aung San Suu Kyi

Forte sostegno dell'Italia al processo di democratizzazione

08/02/2016 Aung San Suu Kyi potrebbe diventare presidente se i militari accetteranno di modificare un articolo della costituzione

i negoziati in atto potrebbero bypassare il divieto costituzionale