3/3/2020
la corte marziale birmana ha condannato tre ufficiali per esecuzioni di massa nel villaggio di Gutarpyin nel Rakhine.

 

Una corte marziale  del Tatmadaw (Esercito del Myanmar) ha condannato tre ufficiali  per crimini commessi durante l'apice della crisi di Rakhine, che ha portato a un esodo di massa di Rohingya dallo stato Rakhine nel 2017/2018. Le accuse si riferiscono a esecuzioni di massa nel villaggio di Gutarpyin, Buthidaung Township, dove nel 2018 furono segnalate cinque fosse comuni. I militari inizialmente affermarono che le tombe erano di "terroristi" che uccisi e sepolti secondo il protocollo. I militari hanno successivamente ammesso di aver commesso un illecito, ma hanno affermato che le uccisioni sono state un evento isolato e non autorizzato. La corte marziale, annunciata per la prima volta a settembre, era un tentativo di indagare e punire ciò che il Tatmadaw chiamava "debolezze nel seguire le istruzioni in alcuni incidenti".

La corte marziale potrebbe rivelarsi una pietra miliare nello sforzo del Myanmar di ricostruire la sua reputazione internazionale. Nonostante le accuse di genocidio mosse lo scorso anno nella più alta corte delle Nazioni Unite, sia il governo che i militari del Myanmar hanno negato un sistematico abuso dei diritti umani, sostenendo che i combattimenti sono stati condotti contro i terroristi nel tentativo di ristabilire la pace e l'ordine nello stato Rakhine. Associazioni per i diritti umani e stati come il Gambia (che ha portato le accuse di genocidio dinanzi alla Corte Internazionale di Giustizia) hanno dichiaratamente dissentito, citando numerosi resoconti di rifugiati (che si identificano come Rohingya) relativi ad incendi nei villaggi, esecuzioni di massa e altre atrocità. Tuttavia, i militari sostengono che tali rapporti sono o esagerazioni o casi costruiti ad arte. I tre arresti, secondo i militari, sono la prova che sta indagando e rimediando alle infrazioni nei suoi stessi ranghi. Tuttavia, a parte un verdetto di colpevolezza, l’esercito deve ancora rivelare i dettagli riguardanti le accuse e la condanna dei tre ufficiali.