alle detenute politiche vietata l'acqua potabile nel carcere di Insein
Le autorità della famigerata prigione di Insein in Myanmar hanno interrotto l'approvvigionamento di acqua potabile alle celle delle prigioniere politiche che hanno protestato contro le cattive condizioni di vita nella struttura dopo che un compagno di prigionia a cui sono state negate le cure mediche ha subito un aborto spontaneo, hanno detto fonti venerdì.
Fonti che hanno visitato la prigione alla periferia della capitale commerciale del Myanmar Yangon hanno riferito a RFA Burmese che dozzine di prigionieri sono stati costretti a bere dal bagno dopo che i rubinetti sono stati chiusi più di due settimane fa, lasciandoli senza altra fonte d'acqua.
"Le autorità hanno interrotto l'acqua potabile dopo la protesta", ha detto un recente visitatore, che ha parlato con RFA in condizione di anonimato.
“Hanno messo 60-70 donne detenute in una sala della prigione. Mi è stato detto che ora sono tutti costretti a bere l'acqua del gabinetto".
La fonte ha detto che alcuni dei prigionieri hanno contratto il colera e altre malattie dopo aver bevuto l'acqua sporca.
Il mese scorso, una prigioniera politica di 24 anni a Insein di nome Cherry Bo Kyi Naing, che sta scontando una pena detentiva di tre anni per "associazione illegale", ha subito un aborto spontaneo precoce dopo che le autorità hanno ritardato il suo invio in ospedale per cure .
Il 23 maggio, le prigioniere politiche hanno protestato, sostenendo che l'aborto spontaneo di Cherry Bo Kyi Naing era evitabile e il risultato della negligenza delle guardie. Due giorni dopo, le autorità carcerarie hanno interrotto la protesta e trasferito tutte le detenute politiche nell'unica sala della prigione, prima di chiudere l'approvvigionamento idrico.
Quando è stato chiesto da RFA di commentare la situazione a Insein, il portavoce del dipartimento carcerario Khin Shwe ha negato le notizie secondo cui alle donne era stato interrotto l'accesso all'acqua potabile.
"Nella prigione di Insein, forniamo adeguate riserve d'acqua sia per bere che per l'igiene", ha detto.
“Non diamo tali punizioni per gli incidenti che si verificano in prigione. Non abbiamo una cosa del genere".
L'Associazione di assistenza ai prigionieri politici (AAPP) con sede a Bangkok ha detto a RFA che sta ancora indagando sulla protesta a Insein e sulla risposta delle autorità e non ha potuto commentare.
Kaythi Aye, un ex prigioniero politico in Myanmar che ora vive in Norvegia, ha detto a RFA che le detenute richiedono condizioni igieniche migliori rispetto ai loro colleghi maschi e che l'accesso all'acqua pulita è fondamentale
"I prigionieri sono in guai seri quando non hanno accesso all'acqua pulita, specialmente durante la stagione dei monsoni, quando le zanzare proliferano e le persone soffrono di malattie della pelle", ha detto.
“Le condizioni umide causano un'ulteriore diffusione della malattia. È disumano tagliare l'acqua potabile alle prigioniere".
Secondo l'AAPP, le forze di sicurezza hanno arrestato più di 11.000 civili in Myanmar da quando i militari hanno preso il potere con un colpo di stato del 1° febbraio 2021. Ci sono quasi 1.200 detenute in tutto il paese, circa 200 delle quali sono detenute nella prigione
 
0
Persone raggiunte
1
Interazione
Punteggio di distribuzione
Metti in evidenza il post
 
1