04/02/2009
LA VISITA DI GAMBARI IN BIRMANIA. NON HA OTTENUTO ALCUN CONCRETO RISULTATO

LA VISITA DI GAMBARI  IN BIRMANIA. NON HA OTTENUTO ALCUN CONCRETO RISULTATO

LA GIUNTA CONTINUA A RIFIUTARE IL DIALOGO PER LA DEMOCRAZIA E LA LIBERAZIONE DEI PRIGIONIERI POLITICI - MA  INSISTE A CHIEDERE IL RITIRO DELLE  SANZIONI ECONOMICHE  E DEL VETO SUI VISTI.

L’inviato speciale dell’ONU Ibrahim Gambari ha lasciato Rangoon martedì alla fine di tre giorni di visita in cui ha avuto un incontro con Aung San Suu Kyi ma non è riuscito ad incontrare il leader  militare Generale Than Shwe.Gambari nella sua settima visita in Birmania alla ricerca di  ottenere un processo di riconciliazione ha incontrato funzionari governativi e  personalità politiche a favore della giunta.Nell’incontro con Aung San Suu Kyi, lunedì la leader birmana ha sottolineato la sua frustrazione nei confronti dell’ONU per il fallimento dell’obiettivo di raggiungere un cambiamento politico in Birmania e ha accusato che il paese manca di certezza del diritto.

Nyan Win, il portavoce dell’NLD ha dichiarato che Suu Kyi ha attirato l’attenzione di Gambari sulla lunghezza delle condanne comminate  recentemente ai prigionieri politici e sull’arresto di alcuni avvocati della difesa. Gambari è rimasto sorpreso di apprendere che la leader birmana era ben informata circa la situazione politica del paese.   “ lei si rende ben conto della situazione” ha dichiarato Gambari aggiungendo che la Premio Nobel è in buone condizioni di salute e ascolta le notizie internazionali da stazioni radio straniere. Il regime ha comminato pesanti pene carcerarie ad attivisti politici e ad alcuni operatori umanitari che hanno lavorato nella zona del Ciclone per la ricostruzione. Le organizzazioni per i diritti umani affermano che vi sono oltre 2100 prigionieri politici nelle prigioni birmane. Il regime ha proibito inoltre agli imputati di essere assistiti da avocati della difesa, che sono stati minacciati, arrestati e condannati a pesanti pene carcerarie.L’Inviato Speciale Gambari ha incontrato il Primo Ministro Gen. Thein Sein il 3 febbraio, prima di ripartire dalla Birmania e non ha rilasciato alcun commento e non ha ottenuto alcun risultato dall’incontro.Gambari ha chiesto a  Thein Sein  il rilascio di un numero maggiore di prigionieri politici, di prendere in considerazione il dialogo con la leader Aung San Suu Kyi  e di rendere inclusivo per tutti  il processo politico guidato dai militari.

"Se l’ONU vuole uno sviluppo economico e la stabilità politica dovrebbe innanzitutto cercare di rimuovere le sanzioni economiche e la proibizione dei visti” è stata la prima risposta di Thein Sein  che ha dichiarato che le sanzioni economiche hanno effetti sulle violazioni  e impattano sulle condizioni economiche, sociale e sanitarie.

 

29/10/2016 Opium Survey

south ease Asia Opium Survey 2015

21/09/2016 Aung San Suu Kyi parla all'Assemblea Generale ONU

prima rapprentante di un governo civile birmano

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

01/10/2008 l'Ufficio per gli affari legali ONU rifiuta la richiesta di ritiro delle credenziali alla giunta militare birmana

la richiesta non è conforme ai criteri formali legali definiti dalle norme