01/10/2008
l'Ufficio per gli affari legali ONU rifiuta la richiesta di ritiro delle credenziali alla giunta militare birmana
la richiesta non è conforme ai criteri formali legali definiti dalle norme

Il Consigliere legale  dell’ONU rifiuta la richiesta di valutare il ritiro delle credenziali della giunta militare birmana, sottoposta dal Parlamento birmano in esilio.

Il Sotto Segretario Generale per gli affari legali dell’ONU  Patricia O’Brien in una lettera alla On. Daw San San, Vice Presidente della Unione dei Parlamentari birmani, ha comunicato che il Segretario Generale ha deciso di non dare seguito alla richiesta di ritiro delle credenziali della giunta militare birmana,”poiché “la norma n. 27  della Procedura della Assemblea Generale prevede tra l’altro che “ le credenziali di rappresentanti e i nomi dei membri di una delegazione dovranno essere sottoposti al Segretario generale(..) Le credenziali verranno  rilasciate o dal Capo di uno stato o di governo o dal ministro degli affair esteri”. Secondo il consigliere legale dell’ONU: “ Il  ruolo del Segretario Generale si limita ad un ruolo tecnico, compresa la revisione del criterio formale per le credenziali definito dalle norme procedurali. Il Segretario Generale ha, comunque preso nota del contenuto della sua lettera, che con gli allegati rimarrà nelle mani dell’Ufficio degli Affari Legali a disposizione di ogni membro del Comitato credenziali su richiesta.”.

 Il Consiglio Nazionale dell’Unione Birmana, a fronte di tale decisione ha chiesto al governo americano, che aveva appoggiato tale richiesta, di domandare  al Consigliere legale i necessari chiarimenti, di far  inserire la questione della rappresentanza della Birmania  nella agenda del Comitato Credenziali e di far riferimento a tale richiesta nel dibattito sulla Birmania che si terrà alla Assemblea generale.

29/10/2016 Opium Survey

south ease Asia Opium Survey 2015

21/09/2016 Aung San Suu Kyi parla all'Assemblea Generale ONU

prima rapprentante di un governo civile birmano

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania