18/05/2009
Javier Solana: “Non è il momento di diminuire le sanzioni, ma di aumentarle”
BRUXELLES – Mentre è in corso il processo contro la leader democratica birmana e premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, da Bruxelles è arrivata la richiesta di nuove sanzioni contro la giunta militare birmana.

La richiesta è stata avanzata direttamente dal capo PESC Javier Solana in occasione della riunione dei ministri degli Esteri dei 27. Permangono tuttavia le solite incertezze dell'azione europea.

Nel frattempo, LaRepubblica.it riporta le parole di un diplomatico che si trova in Birmania. Il diplomatico avrebbe riferito all’Agence France Press (AFP) che agli Ambasciatori europei, in particolare quelli di Italia, Francia, Gran Bretagna e Germania è stato negato l’accesso alla Prigione di Insein, dove si sta tenendo il processo.

“Si sono recati al carcere di Insein, ma non sono stati lasciati passare e sono stati costretti a fare marcia indietro” ha detto la fonte ricordando che “in uno stato di diritto le udienze giudiziarie sono pubbliche”.



(Segue traduzione articolo Reuters)

BRUSSELS (Reuters) – I Ministri dell’Unione Europea stanno riflettendo  se indurire le sanzioni contro la Birmania in seguito al trattamento della leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi. Secondo alcuni però solo i Paesi dell’Asia sono in grado di influenzare la giunta militare.

Suu Kyi sta affrontando in questo momento il processo e rischia fino a cinque anni di prigione, dopo che la giunta ha presentato nuove accuse contro di lei, in seguito agli avvenimenti che hanno coinvolto il cittadino statunitense John William Yettaw, che si pensa abbia speso due giorni nella residenza della leader democratica.

Il Ministro degli Esteri ceco, Jan Kohout ha dichiarato che i membri dell’Unione Europea sono pronti a discutere l’inasprimento delle sanzioni già esistenti e rinnovate in Aprile.

“Noi vedremo quale sarà il livello della discussione e la volontà da parte degli Stati. Siamo pronti a procedere” Kohout ha detto ai giornalisti prima dell’incontro dei Ministri degli Esteri dell’UE.

Il Capo della Politica estera UE, Javier Solana, ha detto che sono in programma delle posizioni più dure. “Non è il momento di diminuire le sanzioni, è il momento senza dubbio di aumentarle” ha detto, ribadendo “non penso ci sarà nessuna diminuzione, al contrario”.

Tuttavia alcuni ministri e funzionari UE hanno riferito che solo i Paesi asiatici possono esercitare una pressione significativa sulla Birmania. “Il nostro problema con le sanzioni sulla Birmania è che abbiamo posto sotto sanzione praticamente tutto” ha detto il Ministro degli Esteri svedese Carl Bildt “Le nostre relazioni con la Birmania sono quasi non esistenti e questo rende tutto più complicato [1]”.


Discussioni ad Hanoi
Bildt ha anche detto che l’Unione Europea discuterà con i Ministri degli Esteri dell’Asia, compresa la Birmania, la prossima settimana ad Hanoi. “Loro sono coloro che hanno una reale possibilità di influenza… noi dipendiamo dalla pressione politica principalmente dei vicini” ha detto Bildt.  

Bildt ha riferito che gli sforzi di alcuni Stati per imporre sanzioni di carattere finanziario e bancario, considerate da molti attivisti il modo migliore per colpire la giunta, non si è dimostrato così facile.

Il Commissario per le Relazioni Esterne dell’UE Benita Ferrero-Waldner ha detto di non ritenere che ulteriori sanzioni possano funzionare, ma che l’Europa chiederà ancora il rilascio di Aung San Suu Kyi e rafforzerà il dialogo con i paesi vicini alla Birmania.

Il Segretario agli Esteri britannico David Miliband ha detto che Suu Kyi sta per affrontare un “processo farsa”. “Dobbiamo certamente lavorare da vicino con i nostri colleghi ASEAN” ha dichiarato “Dobbiamo anche essere sicuri che il regime birmano capisca pienamente i rischi che sta prendendo”.

La giunta militare ha ignorato lo sdegno della comunità internazionale per quello che gli osservatori hanno definito "accuse montate ad arte" contro Suu Kyi, incolpata di aver infranto le condizioni dei proprio arresti, che sarebbero dovuti terminare il 27 maggio, dopo ben 6 anni di detenzione.

L’Unione Europea aveva esteso il mese scorso di un ulteriore anno le sanzioni sui visti e il congelamento degli asset della giunta militare e di chi li sostiene, sulla base di preoccupazioni su stato dei diritti umani e democrazia in Birmania. Contestualmente Bruxelles ha anche richiesto il rilascio di Suu Kyi e degli altri prigionieri politici. 

(Reuters Jon Boyle)

(Puoi leggere l’articolo originale su  

http://www.reuters.com/article/Honda/idUSTRE54H1H520090518?pageNumber=1&virtualBrandChannel=1053)



[1] Birmaniademocratica crede invece che tra le azioni urgenti che l'Unione Europea deve adottare c'è proprio il rafforzamento delle sanzioni economiche, recentemente rinnovate, come richiesto da sempre dalle organizzazioni europee a sostegno della democrazia in Birmania. Le attuali sanzioni non includono infatti nè il settore del Gas (che nel solo 2008 ha garantito 3.5 miliardi di dollari alla giunta), nè quelli finanziari e assicurativi. E' ora di superare questi limiti. Si dovrebbe inoltre rivedere, almeno temporaneamente, la partecipazione della Birmania all'ASEM.

(Per saperne di più leggi:
http://www.birmaniademocratica.org/ViewDocument.aspx?catid=9667c97f990943e7a3d8fb3d673c7fc5&docid=64631f91340740d4a009b285e9dc5607
)

28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.