03/07/2007
Denuncia da parte della Croce Rossa Internazionale di gravissime violazioni delle norme umanitarie internazionali

Il presidente della la croce rossa internazionale ha pesantemente denunciato le gravissime violazioni delle norme umanitarie internazionali da parte della giunta militare birmana nei confronti di civili e detenuti.

Con una rara decisione - considerata la tradizionale riservatezza diplomatica - il Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa (ICRC), Jakob Kellenberger ha condannato duramente le violazioni delle norme umanitarie internazionali, l’utilizzo di detenuti come lavoratori e portatori forzati per le forze armate, gli arresti arbitrari le uccisioni, le deportazioni e la distruzione in larga scala di scorte alimentari da parte dell'esercito birmano e altri abusi gravissimi commessi da parte del governo birmano contro i civili e i detenuti e ha chiesto che il governo assuma misure urgenti per porre fine a tali violazioni e prevenga la loro recrudescenza.

“L’utilizzo persistente di detenuti come portatori per le forze armate è una questione di grave preoccupazione umanitaria. Le azioni delle autorità hanno prodotto immense sofferenze per migliaia di persone nelle aree di conflitto” ha dichiarato. Kellenberger. “ la Croce Rossa ha ripetutamente attirato l’attenzione su questi abusi ma le autorità non le hanno fermate.”

I risultati sottolineati di seguito si basano su osservazioni fatte dai delegati della Croce Rossa e numerose prove di abusi raccolte dalla Croce rossa nel corso di interviste private con migliaia di civili e detenuti prevalentemente tra il 2000 e il 2005. abusi sistematici contro detenuti e civili sono la fonte primaria di grave preoccupazione.

Abusi contro detenuti
Con il vigente regime carcerario messo in piedi dal governo, ogni anno migliaia di detenuti sono stati obbligati a “sostenere” l’esercito come portatori.. questa pratica istituzionalizzata e diffusissima ha portato frequentemente ad abusi dei prigionieri e li ha esposti ai pericoli di un conflitto armato. Motli detenuti utilizzati come portatori forzati hanno sofferto di esaurimento delle forze fisiche e malnutrizione e sono stati vittime di trattamenti degradanti. Alcuni sono stati uccisi.

“La pratica nota come lavoro forzato persiste oggi nonostante le numerose denunce fatte dalla ICRC. E costituisce una delle maggiori violazioni delle norme previste dalla legislazione umanitaria internazionale” ha dichiarato Kellenberger.


Abusi contro i civili
L’esercito birmano ha commesso ripetuti abusi contro uomini, donne e bambini che vivono in comunità soggette al conflitto armato al confine tra Tailandia e Birmania. Questi abusi includono distruzioni in larga scala di scorte alimentari e di mezzi di produzione. Le forze armate hanno ristretto pesanteetne la bertà di movimento in queste aree rendendo impossibile ai contadini di lavorare nei campi. Questo ha prodotto un impatto enorme sulla economia locale aggravando la già precaria situazione umanitaria. Inoltre l’esercito ha commesso numerosi atti di violenza nei confronti delle popolazioni che vivono in queste aree, compreso omicidi e ha sottoposto la gente ad arresti e detenzione arbitrarie. Hanno anche forzato gli abitanti dei villaggi a sostenere le operazioni militari o a lasciare le loro case.

Il comportamento e le azioni delle forze armate hanno contribuito a creare un clima di costante paura tra la popolazione ed hanno forzato migliaia di persone ad andare ad ingrossare il numero dei rifugiati interni o a fuggire dal paese.
”gli abusi ripetuti commessi contro uomini, donne e bambini che vivono lungo il confine tra Birmania e Tailandia viola molte delle norme della legislazione umanitaria internazionale” ha dichiarato Kellenberger.


Rifiuto del governo ad iniziare un dialogo
Nonostante le richieste ripetute da parte del Comitato Internazionale della Croce Rossa, le autorità hanno rifiutato costantemente di aprire una discussione seria su tali abusi al fine di porre fine a tale situazione” ha dichiarato il >Presidente dell’ICRC. Inoltre le crescenti pesanti restrizioni imposte all’ICRC da parte del governo ha reso impossibile la libertà di movimento per i funzionari della organizzazione, nelle aree interessate e ha reso impossibile la consegna degli aiuti dati unicamente per scopi umanitari e apolitici. Dalla fine del 2005 le autorità hanno anche impedito alla ICRC di visitare i luoghi di detenzione, secondo le procedure usuali, che includono la effettuazione di interviste private con i detenuti.

“La continuazione di questo stallo con le autorità birmane ha costretto l’ICRC ad adottare misure eccezionali rendendo pubbliche queste preoccupazioni” ha dichiarato il Presidente Kellenberger “ l’organizzazione utilizza un dialogo confidenziale e bilaterale come mezzo preferenziale per raggiungere i risultati. Comunque questo presuppone che le parti di un conflitto vogliano intraprendere una discussione seria e tenere in considerazione le raccomandazioni dell’ICRC. Questo non è stato il caso con le autorità della Birmania e per questo l’ICRC ha deciso di parlare pubblicamente. “

“Chiedo con urgenza al governo birmano di interrompere tutte le violazioni della legislazione umanitaria internazionale e di assicurare che tali violazioni non avvengano più. Vorrei anche ricordare a tutti gli stati che hanno ratificato le Convenzioni , che sono tenuti a rispettarle” il ICRC è pronto a fare qualsiasi cosa in suo potere per portare avanti le sue attività umanitarie per il popolo birmano che necessita di assistenza , secondo il mandato riconosciuto internazionalmente secondo le Convenzioni di Ginevra, gli statuti della Croce Rossa Internazionale e il Red Crescent Moviment e le procedure operative di prassi.

28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO | "Il ruolo della Chiesa Cattolica in Birmania nella costruzione della pace interreligiosa

Ospite d'onore il primo cardinale cardinale birmano S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.