02/12/2005
Un Rapporto pubblicato il 2 dicembre rivela Torture di prigionieri politici in Birmania, identifica I torturatori e per la prima volta la catena di comando.

Il Senatore John McCain afferma che il Rapporto mostra come la tortura in Birmania sia una politica di stato della giunta militare.
Una organizzazione per I diritti umani ha rilasciato ieri un Rapporto autorevole che dettaglia la tortura brutale e sistematica di prigionieri politici per la prima volta specifica i nomi dei responsabili diretti nel regime militare birmano e rivela inoltre l'ampiezza e la severità della pratica.

Le 124 pagine del Rapporto di Assistance Association for Political Prisoners (AAPPB), "The Darkness We See: Torture in Burma's Interrogation Centers and Prisons", sono stete pubblicate sulla spinta dell'appello lanciato dall'ex presidente Ceco Vaclav Have e da Premio Nobel per la Pace Desmund Tutu, affinché la questione birmana venga discussa al Consiglio di Sicurezza ONU.

Tale impegno ha ottenuto il sostegno dopo che la giunta si è rifiutata di attuare tutte e 27 le risoluzioni dell'Assemblea generale ONU e della Commissione ONU sui diritti umani.

Il Rapporto dimostra che la tortura di prigionieri politici è una politica di stato della giunta. Ha dichiarato il Senatore Mc Cain. I dati si basano su interviste con cinquantacinque ex prigionieri politici effettuata da AAPP. Il rapporto è suddiviso in sezioni che trattano delle varie forme di abusi fisici, psicologici e sessuali utilizzati dalla giunta. Il Rapporto illustra anche come le condizioni delle prigioni tenute volutamente trascurate e come anche l'assenza di cure mediche sia una scelta deliberata e sono incoraggiate e perpetrate dalla giunta per causare un aumento delle sofferenze dei prigionieri in aggiunta alla tortura.

Il Rapporto conclude che le prigioni birmane sono diventate istituzioni nelle quali la funzione prioritaria è deliberatamente quella di umiliare l'identità degli attivisti politici che minacciano la giunta.

Le tattiche utilizzate sui prigionieri politici includono:

- pestaggi duri che comportano spesso la perdita di conoscenza e a volte la morte.

- Scosse elettriche su tutto il corpo compresi i genitali.

- Pressione su tutto il corpo con elettrodi fino a quando la carne non viene tolta, una tattica conosciuta come la 'strada di ferro'.

- Bruciatura con sigarette e accendini

- Restrizione prolungata dei movimenti fino a molti mesi utilizzando corde intorno al collo e alle anche.

- Picchiare ripetutamente la stessa parte del corpo ogni secondo per molte ore, una tattica nota in Birmania come 'tortura Tic toc'.

Questo Rapporto, ha dichiarato Ko Tate segretario dell'AAPP 'è il primo a mostrare su ampia scala la tortura utilizzata Centri per gli interrogatori e nelle prigioni. E dovrebbe eliminare tutti i dubbi sulla severità della violazione dei diritti umani in Birmana contro coloro che sono sospettati di dissentire'. La maggior parte dei prigionieri politici in Birmania vengono arrestati per aver espresso pubblicamente o per aver indicato la loro opposizione al regime militare. La più nota prigioniera politica è Aung San Suu Kyi, nei confronti della quale la giunta ha rinnovato per altri 12 mesi gli arresti domiciliari. Centinaia di membri del suo partito sono tenuti in carcere e torturati.

Il Rapporto rivela per la prima volta la catena di comando e gli individui responsabili. Il ministro degli interni, il ministro della difesa e il ministro degli Esteri siedono in un comitato di tre persone responsabili della supervisione dei prigionieri politici secondo la legge per la tutela dello stato sezione 10/Ae B, che definisce la base 'legale' secondo la quale molti prigionieri rimangono tali. In questa capacità questi individui sono direttamente responsabili della tortura in Birmania, accanto ai loro collaboratori. La tortura portata avanti durante gli interrogatori iniziali è eseguita principalmente dal Servizio di intelligence militare che è sotto il Directorate of Defense Services Intelligence, organizzato nel Ministero della Difesa. Gli interrogatori sono condotti anche dal Bureau of Special Investigations e dallo Special Investigations Department noto anche come Special Branch, che fa parte delle forze di polizia birmane, che riportano al ministro degli interni.
Il Rapporto raccomanda che il Consiglio di Sicurezza dovrebbe prendere immediatamente in considerazione la questione della Birmania e chiede il coinvolgimento personale del Segretario Generale dell'ONU Kofi Annan, 'chiediamo alle Nazioni Unite di mettere in atto una azione significativa', ha dichiarato Ko Tate 'se non ora quando'?
28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO | "Il ruolo della Chiesa Cattolica in Birmania nella costruzione della pace interreligiosa

Ospite d'onore il primo cardinale cardinale birmano S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.