24/07/2010
Il fallimento di Obama in Birmania - Articolo di Paulo Sergio Pinheiro

Pubblichiamo un articolo apparso sul Washington Post a firma di Paulo Sergio Pinheiro, Rappresentante Speciale per i Diritti Umani in Birmania dal 2000 al 2008 e ora Professore di Studi Internazionali alla Brown Univesity.

L'articolo esprime una serie di lucide critiche alla strategia dell'amministrazione Obama nei confronti della giunta militare birmana e suggerisce la necessità di cambiare con immediatezza l'approccio complessivo nei confronti della giunta, che sino ad oggi non ha prodotto alcun risultato. Pinheiro chiede agli USA di mettere tra le priorità della strategia internazionale la vicenda birmana facendo sì che una rafforzata pressione multilaterale possa costringere la giunta a sedersi al tavolo negoziale. Propone inoltre la nomina di un inviato speciale USA e un lavoro nei confronti degli alleati a partire dal Forum regionale dell'ASEAN per "assicurare che la maggior parte dei paesi rigettino i risultati delle prossime elezioni" che non saranno nè libere nè eque. Chiede il pieno sostegno della richiesta avanzata dal suo successore, Tomás Ojea Quintana, per la costituzione di una Commissione di Inchiesta ONU sui crimini contro l'umanità e sui crimini di guerra commessi dalla giunta, per un embargo globale sulle armi e un rafforzato controllo per la piena attuazione delle sanzioni USA, mirando sopratutto alle banche di Dubai e Singapore che fanno affari con il regime, ed infine chiede che gli USA approfittino del ruolo che ricopriranno  il prossimo anno nell'analisi delle violazioni dei diritti umani - nel quadro del processo di revisione periodica al Consiglio per i Diritti Umani - sulla Birmania.


Puoi leggere l'articolo del Washington Post più in basso o seguendo questo link:


Obama's Failure in Burma
By Paulo Sérgio Pinheiro - Friday, July 23, 2010                      

With Secretary of State Hillary Clinton attending the ASEAN Regional Forum this week, it is an opportune moment to examine U.S. efforts to engage with Burma (also known as Myanmar). When President Obama was inaugurated, many in the international community were particularly enthusiastic about a return to U.S. multilateralism to address global problems. Nowhere was this more necessary than in the case of Burma, where a brutal military dictatorship has for decades both oppressed its people and failed to yield power, despite losing democratic elections in a landslide in 1990.

Many observers of the nascent administration, myself included, applauded Clinton's announcement in early 2009 of a full review of U.S. policy towards Burma. I understood that some creative thinking would be valuable, having spent eight years as the U.N. special rapporteur on human rights in Myanmar, trying to address the problems created by the junta. Yet since those early days, the Obama administration has made a series of inexplicable missteps.    

First, the administration took some eight months to develop its new policy. As the junta increased its repression in the run-up to elections it scheduled for this year, the United States was absent in the global debate on how to respond. Not only did Washington fail to communicate its intentions, but this silence left many diplomats confused. This disengagement resulted in reduced pressure on the Burmese junta as other countries awaited the results of the U.S. review. When a new policy was announced last fall, it was remarkably uninspiring and uninspired: keep sanctions and increase engagement. Why it took eight months to develop such an obvious result is unclear.

Second, the administration has left unfilled the congressionally mandated position of special coordinator on Burma policy. While Assistant Secretary of State Kurt Campbell has all the qualities necessary to lead the State Department's engagement with the junta, he is also responsible for all U.S. policy relating to Asia, so he has limited time to focus on Burma, and the lack of sustained focus has been lamentable.

Finally, when the United States got around to engaging directly with the junta, it took a surprisingly unilateral approach. I do not understand why the administration would think it would have any leverage with this regime without bringing partners to the dialogue. The Burmese junta knows it has support from China and Russia in the U.N. Security Council. It is making billions of dollars annually from its natural resources. And the United States will get no leverage from existing sanctions against Burma until it exercises its leadership to bring into the process others whose views do matter to the regime.

If the United States wants to influence the junta, it must immediately change its entire approach. Beyond appointing an envoy, it must make Burma policy a high-level priority. The junta has the upper hand. Without the kind of pressure the United States can bring to bear multilaterally, the junta will have no incentive to come to the table, let alone change its behavior.                

Specifically, the United States should reach out to its allies, beginning at the ASEAN Regional Forum, to ensure that most nations will reject the results from Burma's upcoming "elections," which by every indication will be neither free nor fair. It should publicly embrace the call of my successor, Tomás Ojea Quintana, to create a commission of inquiry through the United Nations to investigate crimes against humanity and war crimes committed by the junta, and then work multilaterally to make this inquiry happen. It should fully enforce existing U.S. sanctions and target Singaporean and Dubai banks that do business with the regime. It should work to impose a global arms embargo on Burma. And it should take full advantage of being one of three countries to lead the cross-examination of Burma's human rights record in the Universal Periodic Review process taking place in the U.N. Human Rights Council early next year.

Some will say it is unrealistic to expect the United States to put in this kind of concerted diplomatic effort, particularly given its other foreign policy priorities. I have dealt with the Burmese junta and understand better than most how hard it is to influence the generals. I am certain that if the United States actually wants to affect this regime, its efforts must be strategic, focused and unrelenting.

Given the forthcoming "elections" in Burma, President Obama and Secretary Clinton have limited time to turn around their policy. As a start, they need to take Burma and this situation seriously. Then they need to show the world that the United States means what it says.


(24 Luglio 2010)


28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.