07/01/2008
Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza
una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

NATIONAL LEAGUE FOR DEMOCRACY (Liberated Area)

Una manifestazione di fronte agli uffici della NLD nel giorno del 60° anniversario della indipendenza il 4 gennaio scorso,  ha visto oltre 300 persone  chedere  democrazia, diritti e la liberazione di tutti i prigionieri politici. uno degli slogan sugli striscioni affermava: “la riconciliazione nazionale deve essere raggiunta definitivamente nel 2008”
oltre 300 persone, iscritte al partito, diplomatici e attivisti hanno partecipato  alla manifestazione ripresa da militari in borghese. in un comunicato la NLD ha chiesto la immediata liberazione dei prigionieri politici, dei monaci e di tutti coloro che sono sciesi pacificamente in piazza. 
due iscritti alla NLD sono stati arrestati il giorno prima, facendo salire il numero dei membri dell'NLD in carcere a 97.
il Generale  Than Swe nonostante non fossero state organizzate iniziative ufficiali ha dichiarato che sis ta costruendo "uno stato democratico e disciplinato" in un messaggio pubblicato sui tre giornali di stato e letto ad alta voce nella cerimonia annuale della bandiera che si tiene a Rangoon, Than Swe ha dichiarato che la futura costituzione viene scritta sulla base dei "principi fondamentali" della convenzione costituzionale. questi raccomandano che i militari mantengano un ruolo prominente nella politica.
 

28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.