13/12/2009
Prigione per i giornalisti: Birmania tra i 5 Paesi peggiori al mondo – Articolo di Salai Pi Pi
La giunta militare birmana è il quinto peggior paese la mondo in quanto a numero di giornalisti incarcerati, mentre il suo più vicino alleato, la Cina, è la prima, secondo un nuovo rapporto di Press Freedom Watchdog.                  

L’organizzazione di base a New York, Committee to Protect Journalists (CPJ), nel suo studio del 2009 intitolato “Freelance Journalists under Fire” rilasciato questo giovedì, ha affermato  che con nove giornalisti free-lance detenuti , la Birmania è la il quinto peggior paese al mondo nell’arresto e la detenzione di giornalisti, dopo Cina, Iran, Cuba e Eritrea.
Tra i giornalisti freelance birmani in carcere, c’è anche un giornalista di Democratic Voice of Burma – di base a Oslo – che ha contribuito nella realizzazione del film-documentario pluripremiato “Orphans of the Burmese Cyclone”.                 

“Il giornalismo è così pericolo in Birmania, uno dei Paesi più duri al mondo in termine di censura, che i reporter sottocopertura sono diventati cruciali per comunicare con il mondo” aggiunge il rapporto.               

Maung Maung Myint, Presidente della Burma Media Association (BMA) in esilio, un gruppo che monitora la libertà di stampa in Birmania, ha detto che la graduatoria stilata da CPJ descrive  chiaramente il livello di restrizioni imposte dalla giunta militare sulla stampa e i giornalisti.                 

“In molti Paesi, sebbene non ci sia libertà di stampa, le autorità spesso non osano imprigionare e perseguitare giornalisti. Ma nel caso della Birmania, i giornalisti sono soggetti a detenzione e persecuzione” ha aggiunto Maung Maung Myint.                 

Inoltre le autorità, secondo le parole di Maung Maung Myint, anche dopo aver rilasciato i giornalisti dalla prigione, si assicurano che non vengano riassunti dai precedenti editori, per impedirgli di lavoro.                    

Il Presidente del BMA ha detto che le autorità hanno ulteriormente stretto la morsa sulla libertà di stampa in Birmania, perché sempre più giornalisti stanno dimostrando coraggio nel loro lavoro.       

“La censura delle notizie e degli articoli nei giornali e nei settimanali sta aumentando. Se c’è un piccolo errore da parte degli autori, c’è subito il licenziamento o la corte” ha aggiunto.         

Il rapporto del CPJ afferma che con il giornalismo on-line che sta prendendo piede, i giornalisti hanno cominciato a lavorare in modo indipendente. Ma data la vulnerabilità della loro posizione, gli arresti dei giornalisti stanno aumentando  ugualmente.                 

Il CPJ ha detto che la ricerca ha rivelato che almeno 60 giornalisti free-lance sono in prigione nel mondo, circa il doppio di quanti erano solo tre anni fa.           
“I giornalisti freelance sono vulnerabili in modo particolare perché spesso non hanno il sostegno legale e finanziario che un editore o un giornale offrono ai dipendenti” ha aggiunto il rapporto.       

Dei nove giornalisti in prigione in Birmania, cinque sono freelance.           

Maung Maung Myint ha detto che con le elezioni pianificate dalla giunta nel 2010 “ci saranno più restrizioni contro la stampa”.          

Secondo il CPJ, ci sono 136 reporter, editori e fotogiornalisti detenuti nel mondo in questo momento. 11 in più dell’anno scorso.



(Puoi leggere l'articolo in originale su Mizzima)


(13 Dicembre 2009)
28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.