Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali
Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

L’inviato speciale ONU per i diritti umani in Birmania ha espresso (sabato 23 maggio) la sua preoccupazione per il veto posto dai militari ai cambiamenti costituzionali che lui ritiene essenziali alla transizione democratica e in vista delle elezioni del prossimo anno. Il relatore speciale Tomas Ojea Quintana, che termina questo mese il suo mandato di sei anni, ha affermato in un comunicato che il potere militare di bloccare i cambiamenti costituzionali non promette bene in vista delle elezioni del 2015 ed ha dichiarato che ci dovrebbe essere un controllo civile sui militari. Il relatore speciale ha lanciato l’appello alle autorità birmane perché sostengano l’attuale processo di riforma costituzionale. “La costituzione di un paese dovrebbe riflettere le aspirazioni collettive del proprio popolo e dovrebbe includere i principi fondamentali della democrazia e dei diritti umani.  Il relatore speciale ha lanciato il suo appello nel momento in cui il comitato parlamentare sta discutendo le proposte di emendamento della costituzione  del 2008 con l’obiettivo di definire una legge sugli emendamenti che deve essere presentata al parlamento. La costituzione del 2008 è stata stilata sotto la precedente giunta militare e da ai militari il 25% dei seggi parlamentari, una percentuale che permette di porre il veto su qualsiasi cambiamento costituzionale e di impedire alla leader democratica Aung San Suu Kyi di correre alle elezioni. “ I cambiamenti costituzionali in Birmania rappresentano un passo fondamentale nella transizione verso un paese più democratico” ha dichiarato il relatore speciale. Oltre ai cambiamenti costituzionali che permettano alla leader birmana di candidarsi alla presidenza della Repubblica, molte altri articoli sono oggetto di verifica e di proposta di emendamento in particolare vi sono alcune proposte per il rafforzamento dell’autogoverno nelle regioni del paese dominate dalle minoranze etniche. “Una costituzione sana deve poter essere emendata per rafforzare le attitudini ed i valori democratici, per favorire la riconciliazione nazionale ed il processo di pace e per affrontare i bisogni della società birmana, come ricordato dal Presidente a gennaio di quest’anno”. Quintana ha sottolineato inoltre che la Birmania è  all’inizio del processo di transizione e che lo stato di diritto deve ancora radicarsi e ha sottolineato che l’attuale costituzione contiene un numero di articoli che minano lo stato di diritto ed i diritti umani fondamentali.  “Per far si che lo stato di diritto prevalga, le leggi nazionali devono essere in linea con gli standard internazionali sui diritti umani e devono potersi applicare in modo equo a tutte le persone. Ci deve essere la credibilità di tutte le istituzioni dello stato e ci deve essere un controllo civile sui militari.” Il relatore Speciale ha sottolineato inoltre che sono emerse preoccupazioni relativamente al fatto che il processo di riforma possa essere messo in crisi da manifestazioni pacifiche e incontri che chiedono alcuni cambiamenti costituzionali. Invece, sostiene Quintana, “questo tipo di iniziative legate al diritto alla libertà di espressione e alla partecipazione pubblica non è soltanto un segnale salutare del funzionamento dei diritti umani, ma rappresenta anche una necessità per la transizione verso un paese democratico.”

 

28/08/2009 30.000 sfollati e la Cina “rimprovera” la Birmania

Articolo di Francis Wade

11/05/2009 Anche i potenti cercano di dimenticarsene

Articolo di Cecilia Brighi

03/07/2007 Bambini soldato

28/01/2011 Birmania: Dalla tragedia alla farsa?

Articolo di Bertil Lintner

06/03/2011 Dal porto di Maday nessun vantaggio per i residenti

Articolo di Khin Oo Thar

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

07/01/2008 Manifestazione davanti agli uffici dell'NLD a Rangoon in occasione della giornata dell'indipendenza

una affollata manifestazione si è tenuta il 4 gennaio scorso a sostegno della democrazia di fronte alla sede dell'NLD

24/05/2014 importanti passi in avanti nei negoziati di pace.

terminato il secondo round negoziale, i prossimi incontri, si spera definitivi si teranno nel mese di giugno

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

21/04/2014 Il Segretario Generale ONU chiede al governo birmano di indagare sulle accuse di stupro e violenze sessuali

l'esercito birmano è accusato di ripetute violenze sessuali e stupri usati come pressione

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.