09/02/2012
Peccato Birmania! rimangono improbabili i prestiti delle grandi banche.
Il paese  è classificato 180° su 183 nazioni, secondo l’ ultima indagine di Transparency International sulla  percezione della corruzione in tutto il mondo. I  finanziatori multilaterali non sono ancora in possesso  di dati significativi sullo stato di salute dell'economia e delle istituzioni finanziarie birmane, dati di cui necessitano, prima di poter  impegnare grosse somme nel paese.


Ora che gli Stati Uniti ha accettato di cancellare alcune delle restrizioni che impediscono alla Banca Mondiale e alle altre istituzioni multilaterali di lavorare in Birmania, dovrebbe essere solo una questione di tempo prima che si inizi a trasferire nel paese, giusto?

Non esattamente.

Il mondo delle cosiddette istituzioni finanziarie internazionali  (IFI)  istituite decenni fa, in parte per aiutare le nazioni più povere come la Birmania, sono state bloccate per anni dall’intervenire  nel paese del sud-est asiatico in gran parte a causa della opposizione dei paesi occidentali, compresi gli  Stati Uniti, che esercitano una notevole influenza presso tali istituzioni.  Lunedi  6 febbraio, però, il Segretario di Stato americano Hillary Clinton ha firmato una revoca parziale delle restrizioni che consente ufficialmente agli Stati Uniti di sostenere le "missioni di valutazione ed una  limitata assistenza tecnica" da parte della Banca Mondiale e di altre organizzazioni simili, compresa la Banca Asiatica di Sviluppo e il Fondo Monetario Internazionale.

l’offerta  di forti prestiti per lo sviluppo, del genere di quelli  che la Banca mondiale e altri gruppi offrono ai paesi in via di sviluppo per finanziare le infrastrutture, la riduzione della povertà e gli altri progetti tanto necessari,  sono un'altra cosa, e richiederebbero un ulteriore semaforo verde dagli Stati Uniti. Sebbene i leader in Stati Uniti e l'Europa hanno adottato delle prime misure per riprendere  le relazioni con la Birmania, da parte sua il governo birmano  ha avviato nel corso dell'anno passato, importanti riforme economiche e politiche, deve ancora oggi dimostrare i risultati delle prossime elezioni suppletive previste per il 1 aprile prima  che USA e UE decidano di abolire ulteriori sanzioni.

Poi c'è la questione dei circa 11 miliardi dollari che la  Birmania deve alla Banca mondiale,  alla ADB, e a  vari governi stranieri, e che devono essere rimborsati o ristrutturati prima di  poter cominciare ad ottenere un prestito più ampio. La maggior parte dei debiti sono contratti decenni fa, prima che le banche si tirassero fuori, con debiti pari a circa $ 8,4 miliardi, accumulati durante il regime militare socialista guidato da forte Gen. Ne Win tra il 1962 e il 1988.

La  Birmania deve 489 milioni dollari alla ADB e diverse centinaia di milioni di dollari alla Banca Mondiale.  Il paese deve, inoltre, almeno 6,4 miliardi dollari al Giappone, $ 2,1 miliardi alla Cina e 580 milioni dollari alla Germania, secondo il governo birmano.

Anche se Birmania ha dichiarato di essersi impegnata  in colloqui con alcuni dei suoi creditori per cancellare tali debiti, pagare il tutto non sarà facile. La  Birmania ha vaste riserve di risorse naturali e un'economia in crescita, ma ha anche solo circa $ 7 miliardi di dollari in riserve valutarie.

Anche se i debiti fossero pagati e i governi occidentali spianassero la strada per una piena ripresa dei prestiti,  ci vorrà probabilmente molto tempo prima che il denaro potrebbe fluire nel paese. Gli azionisti delle istituzioni vogliono essere sicuri che il loro fondi saranno spesi con saggezza, e che i ministeri birmani abbiano un controllo sufficiente per garantire che  una parte del denaro non scompaia -  Questa è una grande preoccupazione per un paese classificato 180° su 183 nazioni secondo l’ ultima indagine di Transparency International sulla  percezione della corruzione in tutto il mondo. I  finanziatori multilaterali non sono ancora in possesso  ancora i dati robusti sullo stato di salute dell'economia e delle istituzioni finanziarie birmane, dati di cui necessitano, prima di poter  impegnare grosse somme nel paese.

E ' possibile  che le banche debbano affrontare le pressioni  delle aziende  che vorrebbero  rientrare nel paese dopo essere stati assenti per anni a causa delle sanzioni, pressioni che puntano a far si che le banche offrano  entro la fine dell'anno, del denaro, come un gesto di buona volontà verso la Birmania e le sue riforme. Ora i leader delle principali istituzioni multilaterali stanno pianificando incontri  per discutere le loro opzioni future, soprattutto alla luce della più recente mossa della Signora Clinton. Ma coloro che hanno familiarità con la strategia delle banche affermano che il risultato più probabile, anche se le loro mani fossero libere per quanto riguarda i prestiti, potrebbe essere quello di continuare a inviare delegazioni di alto livello per studiare le condizioni sul terreno, prendendo  tempo prima di dover mettere i soldi sul tavolo.

Qualunque cosa accada, gli economisti dello sviluppo concordano in generale sul fatto che il ritorno  di ADB, Banca Mondiale e di altri gruppi simili in Birmania potrebbe contribuire a elevare il tenore di vita e aiutare il paese a modernizzare il suo antiquato sistema economico, che ha lasciato i suoi abitanti con alcuni tra i più bassi standard di vita in Asia . Gli analisti stimano che la Birmania ha bisogno di miliardi di dollari di fondi stranieri per contribuire a pagare per nuove strade, ponti, centrali elettriche, ferrovie e altri beni - tutti i tipi di cose che le istituzioni multilaterali possono aiutare a finanziare, anche se paesi, come il Giappone e la Cina potrebbero anche fornire una parte di tali risorse.
Il FMI, da parte sua, recentemente ha tenuto riunioni con i funzionari birmani con l’obiettivo di  semplificare il complesso sistema di cambi di valuta, con tassi di cambio multipli, sistema a lungo citato dalle imprese straniere, come deterrente importante per gli investimenti.
L'ADB ha detto in una dichiarazione al Wall Street Journal che non è stato chiesto dai suoi governi degli Stati membri di espandere le sue attività di valutazione in Birmania ancora, anche se è opinione diffusa che una tale richiesta arriverà presto a seguito della recente mossa signora Clinton.
"Qualsiasi lavoro di analisi della ADB sulla Birmania sarà oggetto di consultazioni con i membri dell’ ADB, e di uno stretto coordinamento con le altre istituzioni multilaterali e  i partner per lo sviluppo", ha dichiarato la banca, che ha rilevato che qualsiasi ripresa dei prestiti richiederebbe ulteriori progressi nel coinvolgimento del paese con il mondo esterno -  e una soluzione al problema degli arretrati".
Gli sforzi si raggiungere funzionari della Banca Mondiale hanno avuto successo. In una dichiarazione pubblicata nel mese di dicembre sul suo sito web, la Banca Mondiale ha dichiarato che "molto deve essere fatto per aprire e migliorare l'economia e le condizioni di vita del popolo birmano" e che "la Banca Mondiale  è in grado di fornire esempi di altri paesi che hanno realizzato con successo questa transizione. "Ma, ha aggiunto, che dovrebbero essere individuate le modalità per ripianare i debiti nei confronti della banca prima che si possano prevedere  ulteriori prestiti.



Birmania. la politica delle riforme economiche

documento di analisi dell'International Crisis Group

22/10/2013 A che punto sono i progetti minerari?

L’estrazione di nikel nella zona di Mandalay e di oro nello Stato Kachine e nello Stato Shan

03/07/2007 Diga Salween

18/03/2014 Gli abitanti dei villaggi nell'area di Dawei denunciano le aziende minerarie presenti nella zona per danni da inquinamento

anni di denunce inascoltate per i danni subiti dalla grande miniera di stagno e tungsteno nella zona di Dawei

Gli Usa hanno lanciato una collaborazione per la conservazione del patrimonio culturale birmano.

Siglato l’accordo di collaborazione tra USA e Birmania per laa conservazione del patrimonio culturale di Mandalay. L'ha annunciato l’Ambasciatore USA Derek Mitchell

20/03/2014 Il settore delle telecomunicazioni attrarrà la gran parte degli investimenti diretti esteri.

nell'anno fiscale 2014/15 gli investimenti raggiungeranno i 4 miliardi di $

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato

20/03/2014 la carenza di manodopera nella Zona Economica Speciale di Tilawa è una delle maggiori preoccupazioni degli investitori giapponesi

al completamento della costruzione della nuova Zona Economica specialeverrebbero promossi oltre 1.000 posti di lavoro

la nuova legge sui media ha aspetti positivi ma alcuni elementi sono preoccupanti

la Federazione Internazionale dei Giornalisti apprezza le nuove leggi ma critica alcuni controlli non necessari e penalizzanti

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

17/06/2014 Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati

Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

13/10/2015 LEGGE SULLA CONCORRENZA (PYIDAUNGSU HLUTTAW 9/2015)

legge approvata nel 2015

20/09/2016 Pubblicato il terzo rapporto sulla trasparenza delle imprese birmane

la corruzione rimane tra i problemi prioritari

17/09/2016 OBAMA CANCELLERA' LE SANZIONI ECONOMICHE VERSO LA BIRMANIA

l'annuncio in un incontro tra Obama e Aung San Suu Kyi alla Casa Bianca