22/11/2015
Gravissimo incidente in una miniera di giada nello Stato Kachin
91 minatori morti e un altro centinaio dispersi.

Almeno 91persone sono morte in seguito a una frana verificatasi il 21 novembre nel pomeriggio nei pressi di una miniera di giada nel nord della Birmania nello stato di Kachin. Lo riferisce un leader della comunità locale. La maggior parte delle vittime sarebbero persone che rovistavano tra una montagna di scarti e rifiuti, spiega Lamai Gum Ja. Nilar Myint, un funzionario dell'autorità locale di Hpakant, nella zona a nord dello Stato di Kachin, ha riferito che ieri sono stati recuperati 79 corpi e oggi altri 11.

Le operazioni di ricerca, ha aggiunto, continuano. Mancano ancora all’appello 100 persone. Ha dichiarato un membro della protezione civile locale. La frana è cominciata nelle prime ore del mattino nell’area che produce la miglior giada al mondo. Ma le miniere e le zone circostanti sono piene di rischi. I lavoratori, molti dei quali migranti dalle altre parti della Birmania hanno orari di lavoro lunghissimi, guadagnando pochissimo. La miniera vicino alla quale è avvenuto il gravissimo incidente è controllata dall’a società Triple One Jade Mining.

 Molte delle miniere sono legate ai funzionari governativi, ai membri dei gruppi etnici armati, e agli amici della vecchia giunta. La maggior parte dei minatori stavano dormendo nelle baracche quando è iniziata la frana. Già  in aprile un incidente in una miniera controllata dal Segretario Generale dell’USDP Maung Maung Thein, vi era stato un incidente che aveva causato la morte di decine di lavoratori. Torrenti di fango liquido erano caduti sul bordo del cratere nel quale stavano lavorando i minatori.  Nel 2010 è nella stessa zona si era verificato un simile incidente. Una frana aveva ucciso  oltre 50 lavoratori. Le miniere di giada hanno portato con se anche l’uso di droghe da parte dei minatori e un aumento della prostituzione e del gioco d’azzardo.

E’ noto che il settore dell’estrazione della giada< è estremamente opaco e molta della giada che viene estratta nell’area di Hpakant viene esportata clandestinamente in Cina, dove viene venduta a prezzi elevatissimi. Il valore della produzione della giada birmana nel 2014 ha raggiunto i 31 miliardi di dollari.

Come sottolineato dall’ong Global Witness, la zona di Hpakant, assomiglia al vecchio Wild West, “ un posto dove coloro che hanno soldi e fucili godono di una impunità totale  e non hanno alcun rispetto per l’ambiente e la cultura locale.. Una zona che quaranta anni fa era ricca di foreste in cui vivevano le tigri, oggi appare come un paesaggio lunare. Le montagne vengono fatte saltare per trovare la giada lasciando dietro di se crateri pieni d’acqua  che causa allagamenti e inquinamento.



                                                                     



                                    
                                                                              
tradotto da GIUSEPPE DE GREGORIO


 

15/09/2014 La mancanza di lavoro e sicurezza oltre alla istabilità sono all'origine dell’esodo, ha dichiarato Aung San Suu Kyi.

la disoccupazione, i bassi salari e l'insicurezza politica alla base della emigrazione e fuga in altri paesi

08/03/2016 The Minimum Wage Law 2013

approved on 22nd March 2013

29/10/2016 Made in Myanmar

indagine sulla condizione dei lavoratori del settore abbigliamento

29/10/2016 Opium Survey

south ease Asia Opium Survey 2015

29/10/2016 Myanmar transport sector policy note 2016

Rural roads and access

29/10/2016 Nuova legge sugli investimenti

una ulteriore semplificazione dopo l'eliminazione delle sanzioni americane

20/09/2016 Pubblicato il terzo rapporto sulla trasparenza delle imprese birmane

la corruzione rimane tra i problemi prioritari

27/12/2015 le miniere di giada causano ancora decine di morti. Un'altra frana seppellisce decine di persone

il settore minerario ancora in mano ai militari è una fabbrica di gravissimi incidenti

01/11/2015 la produzione e trasformazione del pesce

il quadro delle prospettive e dei problemi da superare nel settore

23/07/2015 Arrestata sindacalista dei contadini Su Su Nway

era impegnata a sostegno dei contadini per la restituzione delle terre confiscate

La Confederation of Trade Unions of Myanmar ottiene la registrazione dal governo.

Sindacato birmano i successi di una strategia che viene da lontano e che ha puntato al dialogo

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

22/06/2015 Gravissimo incidente sul lavoro nella costruzione di un Hotel a Mandalay

due lavoratori morti e 18 feriti gravi.

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

25/04/2015 Saremo a EXPO 2015 per un incontro con i contadini birmani

EXPO 2015, 29 Maggio ore 14.30

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

30/12/2014 Storico Congresso di fondazione della Confederazione dei Sindacati Birmani CTUM

dopo anni di duro lavoro finalmente una grande novità per la promozione del lavoro dignitoso in Birmania

Legge sulla risoluzione dei conflitti sul lavoro

importante passo per la definizione degli strumenti operativi per la risoluzione delle dispute di lavoro

07/02/2014 Legge sull'occupazione e lo sviluppo delle professionalità

Approvata alla fine di agosto una importante legge sulla promozione della occupazione e delle professionalità

15/12/2009 Due contadini condannati a 7 anni di carcere

Articolo di Naw Noreen

01/10/2008 l'Ufficio per gli affari legali ONU rifiuta la richiesta di ritiro delle credenziali alla giunta militare birmana

la richiesta non è conforme ai criteri formali legali definiti dalle norme

20/02/2008 Nove Premi Nobel per la pace guidati dall’arcivescovo Desmond Tutu e dal Dalai Lama

Hanno chiesto con urgenza al Consiglio di Sicurezza ONU l'embargo delle armi verso la Birmania

26/03/2011 ILO Decisione sul quinto punto all'ordine del giorno

sviluppi riguardanti la questione del rispetto da parte del governo della Birmania della Convenzione sul lavoro forzato, 1930 (n. 29)

19/05/2007 Campagna Birmania

19/05/2007 Campagna Birmania