Aumenta la richiesta di benzina, gas e carburanti, con l'apertura economica.
Si prevede l'aumento delle importazioni, la ristrutturazione delle raffinerie esistenti e l'adeguamento dei porti petroliferi

(Reuters) - L'apertura dell'economia birmana dopo decenni di isolamento ha portato ad un aumento della domanda di petrolio, attirando investitori locali e stranieri per la costruzione di serbatoi di stoccaggio e di un terminale per soddisfare il crescente consumo.

Ecco alcuni dettagli sul settore petrolifero del paese.

Secondo i dati del ministero dell'energia, nel corso dell'anno fiscale chiusosi a marzo, la domanda di carburante è aumentata di oltre il 5% superando i 40.700 barili al giorno (bpd). Ma  i responsabili commerciali del settore affermano che il  flusso di carburante privo di documenti, soprattutto di contrabbando verso la  Tailandia, può  far ritenere che l'aumento sia stato maggiore del 20-25 %.

La Birmania è tuttora legata alle importazioni di petrolio  ed il settore privato ha  importato nel corso dell'ultimo anno fiscale più di 24.990 barili al giorno.  Secondo quanto affermato dai traders, la Denko e la Myawaddy Trading sono tra i più grandi importatori locali, ed hanno acquistato lo scorso anno circa 7.450 barili al giorno.

Secondo i dati governativi, nel corso dell'ultimo anno fiscale, la Birmania ha importato circa 15.825 barili al giorno di carburante. Il gasolio rappresenta la metà del totale, mentre  la benzina  rappresenta poco più di un terzo e il  carburante per aviazione il resto.

Le stime di settore sono più elevate e indicano che le importazioni di diesel via mare  hanno toccato punte che vanno da 37.250 a 62.083 bpd nel 2013 e fino a 20.000 barili al giorno di benzina importata nella seconda metà del 2013. 

RAFFINERIE 

La Myanmar Petrochemical Enterprise, di proprietà pubblica gestisce tre piccole raffinerie e sta cercando nuovi investitori per poter ristrutturare e potenziare le raffinerie. Di queste due funzionano a malapena mentre una terza – limpianto di  Thanlyin da 1.500 barili al giorno - funziona per solo poco più della metà della sua capacità. la più grande raffineria tailandese: Thai Oil Pcl, nel quadro di un accordo per il rinnovamento delle due raffinerie esistenti, propone la costruzione nel paese di una raffineria da 150.000 barili al giorno.

LOGISTICA

Solo petroliere di piccole dimensioni, che trasportano circa 6.000-10.000 tonnellate di petrolio, possono entrare nell'estuario del fiume Yangon per raggiungere i porti di Yangon e Thilawa.

La benzina viene spedita in lotti di 6.000 tonnellate al porto Thilawa e viene poi trasferita sui camion per la distribuzione. Navi per il trasporto di diesel, a medio carico parziale effettuano il trasferimento del diesel su chiatte, che impiegano fino a 10 giorni per raggiungere Mandalay ,prima di trasferire il carico sui camion per la distribuzione. Di solito ci vuole un giorno per scaricare un carico a causa della necessità di aspettare l'alta marea per evitare il rischio di colpire banchi di sabbia.

NUOVI TERMINALI E STOCCAGGIO DI OIL

Puma Energy, una controllata della società commerciale globale Trafigura TRAFG.UL e la società petrolifera statale angolana Sonangol, stanno costruendo un terminal petrolifero e serbatoi di stoccaggio in collegamento con l'Asia Sun.

Il terminale, una volta completato a metà del 2015, sarà in grado di gestire imbarcazioni di medie dimensioni, che possono trasportare circa 30.000 tonnellate di petrolio, e si prevede la possibilità di stoccaggio  di bitume, benzina, gasolio e carburante  per aviazione fino a 88.000 metri cubi.

 Myint Zaw, uno dei direttore presso il ministero dell'energia, ha dichiarato che finora tre o quattro imprese locali avevano ricevuto l'approvazione per progetti di stoccaggio di olio combustibile di dimensioni variabili da 400.000 a 500.000 galloni (14,000-17,000 tonnellate).

Secondo fonti del settore, e aziende che intendono affittare i terreni per lo stoccaggio di olio sono Denko e Myawaddy Trading, Newday, MaxMyanmar, MMTM e Greenluck,.

 

News