26/09/2017
Aung San Suu Khy . Discorso al mondo sulla crisi nel Rakhine

Discorso de Sua Eccellenza Daw Aung San Suu Kyi, Consigliere di Stato della Repubblica dell’Unione di Myanmar sugli impegni del governo per la Riconciliazione Nazionale e la Pace.

Nay Pyi Taw 19 settembre 2017

Eccellenze,

Illustri Ospiti,


Un anno fa, quando ho preso la parola  all'Assemblea generale delle Nazioni Unite in qualità di rappresentante del nuovo governo birmano, ho ribadito il nostro impegno e la fiducia negli obiettivi e nei principi della Carta delle Nazioni Unite. E' in questa immutabile fiducia nella capacità delle nazioni di unirsi per costruire un mondo più pacifico e prospero, un mondo più gentile e più comprensivo per tutta l'umanità che vogliamo condividere con i membri della comunità internazionale le sfide che il nostro paese sta affrontando e le azioni che stiamo assumendo per risolverle.
Quest'anno, poiché non posso essere a New York per l'Assemblea Generale dell’ONU, ho organizzato questo briefing diplomatico.
Quando nelle elezioni del 2015 il nostro popolo ha votato a favore della Lega Nazionale per la Democrazia, ci ha, di fatto, affidato il compito di affrontare tre impegni: la  transizione democratica, la pace, la stabilità e lo sviluppo. Nessuna di queste sfide è facile o semplice. Per noi la transizione significa andare verso la democrazia dopo mezzo secolo o più di regime autoritario e ora stiamo in una fase in cui stiamo alimentando la nostra nascente, seppur imperfetta  democrazia.
La pace e la stabilità sono state qualcosa che dovevamo raggiungere dopo circa 70 anni di conflitto interno, iniziato all’atto della nostra indipendenza nel 1948. E lo sviluppo deve essere realizzato nel quadro dei due primi impegni: alimentare i valori democratici, instaurare la pace e la stabilità e promuovere quello sviluppo sostenibile che il nostro popolo considera equo.
Come tutti voi sapete, la Birmania è una nazione complessa. E le sue complessità sono accresciute dal fatto che il popolo si aspetta che noi risolviamo tutte queste sfide nel più breve tempo possibile.

Penso sia  opportuno ricordarvi che il nostro governo è al potere da meno di 18 mesi. Saranno 18 mesi alla fine di quest' anno. Diciotto mesi sono un tempo molto breve per aspettarsi che noi siamo in grado di affrontare e superare tutte le sfide che ci si aspettano da noi.
Ciò non significa che non siamo pronti a continuare con il nostro impegno a superare tutte queste sfide e poiché credo nella comunità delle Nazioni, sono pronta a condividere ciò che abbiamo fatto, con tutti gli amici che ci vogliono bene, che comprendono i nostri problemi e che ci sostengono, con l’obiettivo di raggiungere la transizione democratica, la pace, la stabilità e lo sviluppo.
So che l'attenzione del mondo si concentra sulla situazione nello Stato Rakhine e, come ho dichiarato all'Assemblea Generale dello scorso anno, come membro responsabile della Comunità delle Nazioni, il Myanmar non teme lo scrutinio internazionale e siamo impegnati a trovare una soluzione sostenibile che possa portare alla pace, alla stabilità e allo sviluppo di tutte le comunità di quello Stato.
Lo scorso anno ho poi illustrato brevemente i nostri programmi per la realizzazione di questi obiettivi. Sfortunatamente, il nove ottobre, 18 giorni dopo aver parlato all'Assemblea Generale, tre avamposti di polizia sono stati attaccati da gruppi di musulmani armati.

L'11 ottobre e il 12 novembre si sono verificati ulteriori attacchi che hanno provocato la perdita di vite umane, feriti, incendi nei villaggi e la fuga di persone dalle zone colpite. Molti mussulmani sono fuggiti in Bangladesh. Da allora il governo sta compiendo ogni sforzo per ristabilire la pace, la stabilità e promuovere l'armonia tra le comunità musulmana e Rakhine.
Anche prima che questi scontri si verificassero, avevamo istituito un Comitato a livello centrale per lo Stato di diritto e lo sviluppo nello Stato Rakhine e abbiamo invitato il dottor Kofi Annan a presiedere una Commissione che ci dovrebbe aiutare a risolvere i problemi di lungo periodo di quello Stato.
Tuttavia, nonostante tutti questi impegni, non siamo stati in grado evitare che i conflitti scoppiassero. Nel corso dell'ultimo anno abbiamo continuato con il nostro programma di sviluppo e per il raggiungimento della pace e dell'armonia.
Dopo diversi mesi di apparente tranquillità e pace, il venticinque agosto, 30 avamposti di polizia, il quartier generale del reggimento nel villaggio di Taungala sono stati attaccati da gruppi armati. In seguito a questi attacchi, il governo ha dichiarato l’“Arakan Rohingya Salvation Army” e i suoi sostenitori, responsabili di atti di terrorismo, come gruppo terrorista,  secondo  la legge sull’antiterrorismo Sezione 6, Sottosezione 5.
Nel mondo c'è stata molta preoccupazione per la situazione nello Stato Rakhine. Non è intenzione del governo birmano attribuire colpe o negare responsabilità. Condanniamo tutte le violazioni dei diritti umani e l’illegale violenza. Siamo impegnati al ripristino della pace, della stabilità e dello Stato di diritto in tutto lo Stato.

Le forze di sicurezza sono state istruite a rispettare rigorosamente il Codice di condotta nello svolgimento delle operazioni di sicurezza, a esercitare tutte le debite cautele e ad adottare tutte le misure necessarie per evitare danni collaterali e danni a civili innocenti. Le violazioni dei diritti umani e tutti gli altri atti che compromettono la stabilità e l'armonia e minano lo stato di diritto saranno affrontati nel rispetto delle rigide norme di giustizia.
Siamo profondamente colpiti dalla sofferenza di tutte le persone che sono state intrappolate nel conflitto. Coloro che sono dovute fuggire dalle loro case sono molti. Non solo musulmani e Rakhine, ma anche piccoli minoranze, come i Dyna, i Mro, i Thet,i  Magyi e gli  Indù, la  cui presenza è in gran parte sconosciuta all’opinione mondiale.
A partire dal 27 agosto,  l'assistenza umanitaria è stata fornita alle comunità sfollate da un team presieduto dal Ministro della Previdenza sociale , degli aiuti e del reinsediamento. I dettagli dei programmi di assistenza umanitaria saranno messi a disposizione di tutti i nostri ospiti a tempo debito.
Il rapporto finale della Commissione Consultiva sullo Stato Rakhine, presieduta dal Dr. Kofi Annan, è stata resa pubblica il 24 agosto, in realtà il giorno stesso in cui ha avuto luogo l'ultima serie di attentati. Siamo determinati ad attuare le Raccomandazioni della Commissione, dando priorità a quelle raccomandazioni che produrranno rapidamente dei miglioramenti alla situazione. Altre raccomandazioni dovremo attuarle più avanti. Ma ogni singola raccomandazione che andrà a beneficio della pace, dell'armonia e dello sviluppo nello Stato Rakhine sarà attuata nel più breve tempo possibile.
Il governo sta lavorando per riportare la situazione alla normalità. Dal 5 settembre non ci sono stati scontri armati e non ci sono state operazioni di sgombero. Ciononostante, siamo preoccupati per il fatto che numerosi musulmani stanno fuggendo in Bangladesh. Vogliamo capire perché questo esodo sta avvenendo. Vorremmo parlare con coloro che sono fuggiti, così come con coloro che sono rimasti. Penso che si sappia poco che la grande maggioranza dei musulmani dello Stato Rakhine non ha preso parte all'esodo. Più del 50 per cento dei villaggi musulmani sono intatti. Sono come prima degli attacchi. E vorremmo sapere perché.

Questo è ciò per cui dobbiamo lavorare. Non solo per valutare i problemi ma anche per analizzare quelle zone  in cui non vi sono problemi. Come siamo riusciti a evitare questi problemi in alcune zone? E per questo motivo, vorremmo invitare i membri della comunità diplomatica a unirsi a noi nel nostro impegno per imparare di più da quei musulmani che si sono integrati con successo nello Stato Rakhine.
Se siete interessati ad unirvi a noi nel nostro impegno, fatecelo sapere. Possiamo farvi visitare queste zone in modo che possiate chiedere voi direttamente perché non sono fuggiti, perché hanno scelto di rimanere nei loro villaggi, anche in un momento in cui tutto ciò che li circonda sembra essere in uno stato di caos.
Oltre a quanto stiamo facendo per tranquillizzare il nostro popolo, vorrei dire che abbiamo continuato a portare avanti i nostri programmi di sviluppo socio economico nel Rakhine. Permettetemi di illustrarne alcuni aspetti. Il Piano di Sviluppo Socio economico dello Stato Rakhine 2017-2021 è stato elaborato per promuovere lo sviluppo regionale in vari settori.

Centinaia di nuovi posti di lavoro e nuove opportunità sono state create per la popolazione locale attraverso partenariati pubblico-privato. Stiamo verificando la fattibilità di una nuova zona economica speciale per realizzare nuovi posti di lavoro e nuove imprese. Per quanto riguarda lo sviluppo infrastrutturale, è stata aumentata l'elettrificazione e sono state costruite nuove strade e ponti, tra cui una nuova autostrada che collega aree remote precedentemente accessibili solo via acqua. Tutti coloro che vivono nello Stato Rakhine hanno accesso all'istruzione e all’assistenza sanitaria senza discriminazioni. I servizi sanitari sono disponibili in tutto lo Stato, con nuove cliniche mobili, anche nelle aree difficili da raggiungere. Nel Rakhine il governo ha potenziato 300 scuole e sono stati avviati programmi di formazione professionale e tecnica. Anche gli studenti musulmani hanno accesso all'istruzione superiore senza alcuna discriminazione. Prima dei recenti attacchi del 25 agosto, gli aiuti umanitari hanno raggiunto tutte le comunità nel 95% delle aree colpite. Stiamo avviando un'altra tornata di aiuti umanitari che ci auguriamo toccheranno tutte le i rifugiati interni, sono stati chiusi tre campi e sono stati forniti gli aiuti necessari, compresa la costruzione di nuove case. C'è ancora molto da fare su questi problemi. Siamo consapevoli delle sfide che ci troviamo ad affrontare.
Per quanto riguarda la cittadinanza
, è stata elaborata una strategia con scadenze specifiche per mandare  avanti il processo di verifica nazionale. Ma questo è un processo che richiede la collaborazione di tutte le comunità. In alcune comunità musulmane, i loro leader hanno deciso che non parteciperanno al processo di verifica. Saremmo lieti se tutti gli amici potessero convincerli a partecipare al processo perché non hanno nulla da perdere.
Stiamo anche cercando di promuovere l'armonia religiosa tra le comunità coinvolgendo gruppi interreligiosi. Nelle scuole sarà introdotto un nuovo programma focalizzato in particolare sui temi morali,  educazione civica, pace e stabilità.

È stato creato un nuovo canale radio per informate tutte le comunità, tra le altre cose, su assistenza sanitaria, processo di verifica nazionale e istruzione. Trasmette nelle lingue Rakhine, Bengalese e birmana.
La formazione e lo sviluppo delle capacità delle forze di polizia e di sicurezza vengono fornite in collaborazione con l'Unione Europea e le Agenzie delle Nazioni Unite. Dal dicembre 2016 nel Rakhine, media locali e stranieri hanno avuto accesso a zone precedentemente off limits. Anche dopo gli scontri del 25 agosto, abbiamo fatto in modo che diversi media visitassero le zone colpite.
Il governo sta lavorando instancabilmente per migliorare le attuali relazioni con il Bangladesh. Il Ministro degli Affari Esteri e il Consigliere per la Sicurezza Nazionale si sono recati in Bangladesh nei mesi di gennaio e luglio di quest'anno.

Speravamo anche di ricevere una visita dal Ministro degli Interni del Bangladesh, ma è stato necessario posticiparla per motivi legati agli altri impegni assunti dal Ministro. Tuttavia, lo accoglieremo con favore in qualsiasi momento in cui egli possa venire e speriamo di portare avanti l'accordo sulla sicurezza delle frontiere che stiamo cercando di attuare insieme.
E' stato lanciato un appello per il rimpatrio dei rifugiati fuggiti dal Myanmar in Bangladesh. Siamo pronti ad avviare il processo di verifica in qualsiasi momento. Già nel 1993 è stato avviato un processo di verifica e sulla base dei principi che entrambi i paesi hanno concordato in questo momento possiamo continuare con la verifica dei rifugiati che desiderano ritornare in Myanmar.
Ci atterremo ai criteri concordati all'epoca e, come il nostro Consulente per la Sicurezza Nazionale ha assicurato al Bangladesh, e posso confermarlo ora, siamo pronti ad avviare il processo di verifica in qualsiasi momento e coloro che sono stati verificati come rifugiati da questo paese saranno accettati senza alcun problema e con la piena garanzia della loro sicurezza e del loro accesso agli aiuti umanitari.
So che molti dei nostri amici in tutto il mondo sono preoccupati per le notizie di villaggi bruciati e di orde di rifugiati in fuga. Come ho già detto, dal 5 settembre non vi sono stati conflitti e nessuna operazione di  bonifica. Anche noi siamo preoccupati, vogliamo comprendere i reali problemi. Ci sono state accuse e contro accuse, dobbiamo ascoltarle tutte,  e dobbiamo assicurarci che queste accuse si basino su prove solide prima di agire. Saranno intraprese azioni contro tutti coloro, a prescindere dalla loro religione, razza o posizione politica, che non rispettano le leggi del Paese e violano i diritti umani riconosciuti dalla nostra comunità internazionale.
Non siamo mai stati deboli sui diritti umani in questo paese. Il nostro governo è stato eletto come un organismo impegnato nella difesa dei diritti umani, non dei diritti di una comunità specifica, ma dei diritti di tutti gli esseri umani entro i confini del nostro Paese.
Mentre ci concentriamo sui problemi nello Stato Rakhine, vorrei anche cogliere l'occasione per ricordarvi che  per noi ci sono problemi altrettanto gravi per quanto sta accadendo nella parte occidentale del nostro Paese. Abbiamo cercato di costruire la pace uscendo dai conflitti interni, una pace che deve essere duratura e accompagnata da uno sviluppo sostenibile ed equo.

Vi invitiamo a partecipare a questo processo di pace, ad unirvi a noi nella ricerca di soluzioni durature ai problemi che da anni affliggono il nostro Paese. Il processo di pace avviato lo scorso anno in agosto continua, e ci troviamo di fronte a molte difficoltà. Ciò non mi sorprende, perché è normale che processi di pace in qualsiasi parte del mondo incontrino difficoltà e talvolta si trovino in una situazione di stallo, a volte rimangano ad un punto morto, a volte sembra che tutto stia crollando; eppure, alla fine, ci uniamo tutti insieme e andiamo avanti.

 Noi tutti vogliamo la pace e non la guerra, vogliamo l'armonia e non il conflitto, e questa è l'aspirazione condivisa da tutta la nostra gente.
Pace, stabilità, armonia e progresso - non è un'agenda ampia, ma è difficile, e mentre proseguiamo nei nostri sforzi per rimediare ai mali di questa nazione, vorrei chiedere ai nostri amici che capiscono e simpatizzano con le nostre aspirazioni e i nostri problemi di unirsi a noi. Vorremmo che si unissero a noi in modo positivo e costruttivo per trovare nuove strade verso la pace e la stabilità, verso l'armonia.

Vorremmo che pensaste al nostro Paese nel suo complesso, e non solo alle aree tormentate; è solo nel suo complesso che possiamo compiere progressi.Vorrei che si usasse per analogia un essere umano in salute. Un essere umano sano deve essere sano nel suo complesso. Non si può trascurare la sua salute generale solo per concentrarsi su un organo malato. Uso questa analogia perché la sanità è quella che ha compiuto i maggiori progressi da quando abbiamo cominciato a governare lo scorso anno. Concentrandoci sulla sanità pubblica, abbiamo scoperto che anche altri problemi sanitari possono essere affrontati meglio. Ad esempio, nell' arco di un anno, i decessi per HIV si sono dimezzati, non perché ci stiamo concentrando solo sull' HIV-AIDS, ma perché ci stiamo concentrando sulla salute pubblica nel suo complesso, sulla salute di tutti i nostri cittadini e di tutte le nostre comunità.
E' così che vorrei che voi guardaste al nostro Paese. Siamo una democrazia giovane e fragile, che deve affrontare molti problemi. Ma dobbiamo affrontarli tutti allo stesso tempo nello stesso modo in cui dobbiamo affrontare tutti i nostri problemi sanitari. Non possiamo concentrarci solo su alcuni. Vorrei che tutti si unissero a noi nel trovare nuove strade, nuove risposte, più costruttive, più positive, più innovative e forse più audaci.

Se non riusciamo a risolvere rapidamente i nostri problemi, ciò non significa che non saremo mai in grado di risolverli, significa solo che le sofferenze della nostra gente continueranno e vorremmo porre fine quanto prima alle sofferenze della nostra gente. Vorremmo fare del nostro Paese una nazione al cui interno tutti possano vivere in sicurezza e prosperità. Si tratta di una grande visione ed  una grande ambizione. Ma non è impossibile realizzarle.
Dobbiamo unirci insieme. Riconosco che la vera responsabilità ricade sul popolo di questo Paese. Tutto il popolo del Myanmar, dal governo a ogni singolo individuo all'interno di questo paese ha la responsabilità dello sviluppo e del progresso di questo paese.

 Ma vorremmo che i nostri amici si unissero a noi nel nostro grande impegno. Si tratta certamente di una grande responsabilità, di uno impegno ambizioso, di una determinazione a costruire, a partire da un paese afflitto da molti problemi, uno Stato sano, forte, in grado di guardare avanti con fiducia a un futuro sicuro.
E' triste che, nell'incontrare la nostra comunità diplomatica, io sia costretta a concentrarmi su pochissimi dei nostri problemi, quando ce ne sono molti altri, che credo potremmo risolvere insieme. Per questo motivo, apro la porta a tutti coloro che tra di voi desiderate unirvi a noi nei nostri sforzi. Vi invitiamo ad unirvi a noi, a parlarci, a discutere con noi, a venire con noi nelle zone problematiche - dove possiamo garantirvi la sicurezza, perché non vogliamo che si verifichino ulteriori problemi se dovesse accadervi qualcosa.

Vorremmo che voi vi uniste a noi, che vediate con i vostri occhi cosa sta accadendo e che possiate valutare voi stessi, cosa possiamo fare per eliminare questi problemi. Vorrei anche che rivolgeste la vostra attenzione nell’esaminare in modo particolare le zone pacifiche - come sono riuscite a preservare l'armonia? Perché non si combattono l’un l’altro in queste particolari zone? Questa è la risposta di cui abbiamo bisogno. Non si tratta solo di eliminare i mali, ma anche di promuovere ciò che è positivo. Dobbiamo eliminare il negativo e aumentare il positivo, e vorremmo farlo insieme a tutti voi.
Come probabilmente saprete, il nostro Ministro del Affari sociali, reinsediamento e ricostruzione sta coordinando il nostro programma di assistenza umanitaria. Siamo molto lieti che il Comitato Internazionale della Croce Rossa si unisca a noi e accoglieremo favorevolmente coloro, che vorranno unirsi a noi nel nostro impegno. Molti si sono già impegnati ad aiutarci con generose donazioni sia in denaro che in mezzi, e garantiremo che ogni loro contributo per la promozione della pace e dell'armonia nello Stato Rakhine verrà usato nel miglior modo possibile a beneficio di tutte le comunità.
Non vogliamo che Myanmar sia una nazione divisa da convinzioni religiose, da diversità etniche o dall’ ideologia politica. Tutti noi abbiamo il diritto alle nostre diverse identità, e tutti noi abbiamo il diritto di cercare di vivere la nostra vita nel modo in cui crediamo giusto. Ma dobbiamo anche lavorare insieme perché apparteniamo alla stessa nazione e, poiché apparteniamo alla stessa nazione, noi apparteniamo anche a questo mondo.

Per questo motivo abbiamo attribuito grande importanza al ruolo delle Nazioni Unite, in quanto Assemblea di nazioni creata per promuovere la pace e l'armonia, affinché il nostro mondo non ricada mai più nella sofferenza che tutti abbiamo vissuto durante la seconda guerra mondiale.
E' con l'intenzione di porre fine alle guerre, cioè porre fine ai conflitti, che le Nazioni Unite sono state istituite e vorrei che pensaste che ciò che stiamo facendo oggi qui potrebbe essere l’inizio di un movimento veramente forte ed efficace per porre fine a tutti i conflitti all'interno del Myanmar, ai conflitti tra le nostre comunità, ai conflitti tra le etnie, e allo scontro d’idee sul come procedere.

 Lo scontro d’idee può essere risolto, può essere superato attraverso la discussione e il dialogo e attraverso l’apertura mentale, la generosità ed il coraggio, che ci permette di considerare il punto di vista degli altri. Vorrei anche dire quella generosità e coraggio che permetterebbe agli altri di considerare anche il nostro punto di vista. E' solo attraverso la collaborazione che il nostro mondo può andare avanti. Attaccandoci l'un l'altro, con parole o con armi o addirittura attraverso le emozioni, non ci aiuteremo.
L'odio e la paura sono la rovina principale  del nostro mondo. Tutti i conflitti nascono dall'odio o dalla paura. Solo eliminando le fonti dell'odio e della paura saremo in grado di eliminare i conflitti dal nostro paese e dal mondo.
Come sapete, vi sono molte accuse e contro accuse. Non ho preso in considerazione nessuna di esse perché non voglio promuovere e incoraggiare i conflitti, siano essi di idee o di armi, ma vorrei cercare di promuovere l'armonia e la comprensione. Spero che ci capirete e vi unirete a noi nei nostri sforzi.
Come ho detto in precedenza, questo è un briefing diplomatico che ha l'obiettivo di spiegare ai membri della nostra comunità diplomatica, ai rappresentanti dei nostri amici di tutto il mondo, ciò che stiamo cercando di fare. Per certi versi, però, è più di un briefing diplomatico. E' un appello  fraterno a tutti coloro che vogliono bene al Myanmar, un appello ad aiutarci a raggiungere gli obiettivi che, penso sarete d'accordo, non sono solo auspicabili i per questo particolare Paese, ma anche per i Paesi di tutto il mondo.


Grazie.

 

 

28/08/2017 Kofi Annan Rapporto conclusivo della Commissione sullo Stato Rakhine

impegni importanti per costruire la pace in Birmania

28/08/2017 VITA AGLI ARRESTI DI AUNG SAN SUU KYI

un film di Marco Martinelli

25/05/2017 Missione dell'Ambasciatore Aliberti nello Stato Shan

Importante sostegno italiano al processo di pace e di democratizzazione del Paese.

04/05/2017 Prima Conferenza interreligiosa promossa dal Cardinale Charles Maung Bo

Intervento del Cardinale Bo. Proposta una robusta strategia comune di lavoro a sostegno dellla pacificazione del Paese

27/09/2016 aung San Suu Kyi interrompe gli incontri negl USA a causa di indisposizione

problemi di salute che si risolveranno con il riposo

20/09/2016 Pubblicato il terzo rapporto sulla trasparenza delle imprese birmane

la corruzione rimane tra i problemi prioritari

31/03/2016 Ecco i membri del nuovo governo e le nomine dei ministri degli stati e delle regioni

molti rappresentanti dell'NLD e indipendenti

29/03/2016 l'Ambasciatore Aliberti e l'impegno italiano per la Birmania

sostegno alla transizione,cultura, pacificazione del paese, investimenti. Verso un rinnovato impegno

14/03/2016 Bambini soldato. 46 nuovi rilasci dall'esercito nazionale

salgono a 744 i bambini rilasciati in quattro anni

08/02/2016 Aung San Suu Kyi minacciata di morte su Facebook

L'NLD denuncerà il responsabile delle minacce e ha rafforzato le misure di sicurezza

08/02/2016 Aung San Suu Kyi potrebbe diventare presidente se i militari accetteranno di modificare un articolo della costituzione

i negoziati in atto potrebbero bypassare il divieto costituzionale

Al via il nuovo Parlamento

i rappresentanti dei partiti si sono riuniti per effettuare il giuramento d'ufficio

11/12/2015 Il governo uscente e l'NLD formano due comitati per gestire al meglio il passaggio di potere

entrambi i comitati dovranno facilitare il passaggio delle responsabilità

22/11/2015 Importante passo in avanti per la pace. Nasce il comitato Congiunto per il dialogo politico

16 i rappresentanti tra cui l'NLD, l'USDP e i rappresentanti etnici

22/10/2015 XV settimana della lingua italiana nel mondo

Molte iniziative a Yangon promosse dall'Ambasciata Italiana."L’italiano della musica, la musica dell’italiano"

18/10/2015 ACCORDO DI CESSATE IL FUOCO: ESTRATTO DEI PUNTI PRINCIPALI

I principi di fondo, il dialogo politico e la sua gestione. Primi passi per la pace

Italian Products Expo 2015, aperta oggia Yangon

100 imprese italiane con il sostengno dell'Ambasciata Italiana a Yangon

13/10/2015 Le elezioni potrebbero essere rinviate, ma l'NLD è contraria alla proposta

La proposta è stata avanzata dal Presidente della Commissione elettorale

Circa 100 miliardi di dollari esportati illegalmente tra il 1960 e il 2013

una perdita per il paese. Una priorità per il governo birmano

01/09/2015 Il presidente birmano firma la legge (anti-musulmana) che proibisce la poligamia

la legge inserita nel pacchetto dei provvedimenti a difesa “della razza e della religione”

la Commissione elettorale respinge la candidatura di esponenti musulmani

Bocciata la richiesta di 17 aspiranti deputati (su 18), per problemi sulla cittadinanza la maggioranzai Rakhine,

ASIAN BAROMETER presenta una ricerca sui potenziali risultati elettorali

maggioranza a favore della democrazia della maggiore autonomia delle minoranze

L'NLD e Generazione 88 coopereranno in vista delle elezioni

Su 6.189 candidati registrati, 5.866 sono iscritti a 93 partiti politici

07/08/2015 Riparte il progetto per la costruzione del megaporto e della Zona Economica Speciale di Dawei

Incontro tra Tailandia e Birmania per l'inizio dei lavori

Inviata ONU per i diritti umani è di nuovo in Birmania

obiettivo verificare il rispetto dei diritti umani e controllare il processo elettorale

I negoziati sul cessate il fuoco si chiudono senza una soluzione. Riprenderanno in agosto.

scarsi risultati dell'ultima tornata di negoziati. agli inizi di agosto si riprende

23/07/2015 Arrestata sindacalista dei contadini Su Su Nway

era impegnata a sostegno dei contadini per la restituzione delle terre confiscate

13/07/2015 Conclusioni del Consiglio UE sulle prossime elezioni politiche in Birmania

la UE auspica elezioni democratiche, inclusive, credibili, trasparenti ed eque

03/07/2015 Bambini soldato: continua il reclutamento da parte dell'esercito ufficiale e del KIA

Child Soldiers International, pubblica i dati in una ricerca nello Stato Kachin

07/07/2015 La Confederzione Sindacale birmana CTUM accetta la proposta di salario minimo e chiede agli imprenditori di lavorare per un aumento della produttività

30 imprese dell'abbigliamento a Rangoon pronte a chiudere e a lasciare a casa 70.000 lavoratori

07/07/2015 Risoluzione sulla violazione dei diritti umani dei Rohingya adottata dal Consiglio ONU per i Diritti Umani

la Risoluzione proposta dall'OIC e approvata senza voto è stata respinta dal governo birmano

04/07/2015 le imprese dell'abbigliamento minacciano la chiusura se il governo approverà il salariominimo di 3,25 $ al giorno

le imprese propongono un salario di fame pari a 2,5 $ al giorno.

opposizione dei militari al cambiamento della costituzione nel dibattito parlamentare

il partito di maggioranza USDP e i partiti etnici hanno espresso parere positivo alla riduzione del peso dei militari in parlamento

Dialogo bilaterale UE Birmania sui diritti umani. conclusioni positive

riaffermato impegno prioritario sulla tutela dei diritti umani, sui diritti alla terra, sui migranti e sui diritti del lavoro

Pubblicato per consultazione il nuovo disegno di legge sulle imprese

La norma dovrebbe sostituire la legge del 1914 e facilitare la presenza di imprese straniere in Birmania

Ribelli nel Kokang annunciano un cessate il fuoco unilaterale.

dopo quattro mesi di conflitto armato ha lasciato sul campo morti e feriti

Aung Sn Suu Kyi incontra il Presidente cinese Xi Liping

Non si sa se il caso di Liu Xiaobo, Premio Nobel per la Pace cinese condannato a 11 anni di carcere sia stato affrontato.

07/06/2015 Ritorno in Birmania Speciale Birmania in onda su RAI 1 video

interviste e immagini della Birmania che cambia e delle preoccupazioni in vista delle elezioni politiche

01/06/2015 La posizione dell’NLD sui boat people.

affrontare con urgenza i problemi della cittadinanza e dei conflitti nello Stato Rakhine, lottare insieme contro il traffico di esseri umani

Gli investimenti esteri in crescita in Birmania

ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

La crisi dei Rohingya bloccati in mare cresce

Un problema umanitario che deve essere risolto

05/03/2015 Negoziati UE Birmania per un accordo bilaterale sugli investimenti

lettera aperta sui mancati impegni per il rispetto dei diritti umani e sulle regole

Nuovo rapporto sulla violazione dei diritti alla terra nello Stato Mon

Irrisolta la confisca delle terre anche dal nuovo governo semi civile

06/02/2015 SEMINARIO: IL RUOLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN BIRMANIA NELLA COSTRUZIONE DELLA PACE INTERRELIGIOSA

OSPITE D'ONORE IL PRIMO CARDINALE BIRMANO S.E. CHARLES MAUNG BO

03/02/2015 Il Parlamento birmano discuterà a breve il ddl con le proposte di modifica della costituzione

Il testo prevede emendamenti delle sezioni 598(f) e 436.che difficilmente verranno approvati.

Dichiarazione della UE e delle ambasciate degli Stati Membri in Birmania

Preoccupazione per i disegni di legge che limitano la libertà religiosa e inficiano il rispetto delle norme internazionali

Cittadini cinesi e birmani intrappolati nello Stato Kachin a causa di scontri tra esercito e insorgenti.

sequestrati funzionari di polizia, persone senza documenti bloccate. i negoziati per la pace sospesi a settembre.

17/01/2015 Gravissimi insulti del monaco nazionalista U Wirathu nei confronti della rappresentante ONU per i diritti umani

alcune centinaia di monaci estremisti a Rangoon contro il riconoscimento dei diritti dei Rohingya e contro la posizione ONU

09/01/2015 Il governo nega di non aver attuato il rapporto di Suu Kyi sulla miniera di Letpadaung

continuano le tensioni sull'ampliamento della miniera

Nomina per la prima volta di un Cardinale birmano: Mons. Charles Maung Bo

Papa Francesco nomina il primo Cardinale birmano in segno di riconoscimento delle lunghe e profonde discriminazioni della Chiesa cattolica nel paese

le organizzazioni delle donne chiedono, inascoltate, cambiamenti alla Costituzione

tutt'oggi forti sono le discriminazioni e le violenze contro le donne in Birmania

24/11/2014 500° giubileo della Chiesa Cattolica in Birmania. A Rangoon decine di migliaia di persone

Domenica si concludono le celebrazioni, con preghiere, danze e eventi musicali

16/11/2014 La Camera bassa non adotta il sistema elettorale proporzionale

il sistama proporzionale non è conforme alla costituzione afferma lo Speaker Thura Swe Mann

10/10/2014 Pubblicato il primo rapporto sulla trasparenza delle aziende petrolifere in Birmania

In vista della riunione del board dell'EITI che si terrà in Birmania. Un passo importante a livello globale

06/10/2014 Firmato un controverso emendamento alla legge elettorale

Con la sua approvazione i residenti temporanei non potranno costituire partiti

22/09/2014 Manifestazioni nel paese in occasione della Giornata internazionale per la Pace

riconciliazione nazionale e affermazione dei diritti delle minoranze etniche e dello Stato federale

16/09/2014 opposizione degli abitanti di un villaggio sulla costa contro il taglio delle foreste di mangrovie

il recupero delle terre per la costruzione di complessi alberghieri potrebbe causare forti effetti negativi in caso di disastri naturali

I partiti discutono le linee di fondo del dialogo politico

54 partiti hanno discusso le linee del dialogo politico in assenza del partito di governo UNDP e di quello dell'opposizione NLD

15/09/2014 La mancanza di lavoro e sicurezza oltre alla istabilità sono all'origine dell’esodo, ha dichiarato Aung San Suu Kyi.

la disoccupazione, i bassi salari e l'insicurezza politica alla base della emigrazione e fuga in altri paesi

02/09/2014 Censimento 2014. Presentati i risultati parziali

valutazioni discordanti sulla rappresentazione delle minoranze etniche e religiose

14/09/2014 Decifrare il Processo di pace nel Myanmar. Una guida di riferimento 2014

Il quadro puntuale dello stato dei negoziati. Tabelle, immagini sui protagonisti, luoghi, conflitti, oppio, tensioni religiose, gruppi etnici armati. esercito

Rohingya, i figli di un dio minore

'Pulizia etnica' dei musulmani in Myanmar. Intervista a Phil Robertson (HRW) e pareri ONUrighi

dodici milioni di turisti hanno visitato la Birmania dall'inizio dell'anno con un aumento dell'occupazione

A causa degli alti costi e di scarse infrastrutture, il turismo ecologico rimane quasi inaccessibile per i turisti birmani,

L'inflazione rimarrà al 9% e la crescita al 7%-

il FMI sostiene la necessità di controllare attentamente la attribuzione delle licenze

Crescita record per gli investimenti esteri

L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

25/06/2014 Fondamentale la partecipazione delle donne alle prossime elezioni politiche

Un primo passo attraverso un percorso formativo sul ruolo della dimensione di genere e sulla partecipazione delle donne e un dialogo con i rappresentanti della Commissione Elettorale

20/06/2014 Il legno di palissandro a rischio di estinzione, a causa delle esportazioni illegali verso la Cina

Nel giro di poco tempo la Birmania è diventata la maggiore fornitrice della CIna di questo legname

17/06/2014 Il miglioramento della produttività e la qualità del riso birmano faciliterebbe le esportazioni in mercati qualificati

Nuovo rapporto della Banca Mondiale indica i problemi e le soluzioni possibili per il settore del riso

L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

il 49% delle quote della zona industriale di Thilawa possedute da imprese giapponesi

La decisione del comitato parlamentare da un duro colpo alle speranze presidenziali di Aung San Suu Kyi

Il Portavoce della Camera Bassa Shwe Mann si era dichiarato favorevole alle modifiche per poter arrivare a elezioni libere e eque

Appello del relatore speciale ONU per i diritti umani per le riforme costituzionali

Le autorità birmane dovrebbero sostenere il cambiamento della costituzione e per un controllo civile sui militari

Aumenta la richiesta di benzina, gas e carburanti, con l'apertura economica.

Si prevede l'aumento delle importazioni, la ristrutturazione delle raffinerie esistenti e l'adeguamento dei porti petroliferi

19/05/2014 Enorme manifestazione a Rangoon a sostegno di Aung San Suu Kyi e i leader delle organizzazioni democratiche

La leader birmana si allea con le organizzazioni democratiche per la modifica della Costituzione

15/05/2014 La proibizione dell'esportazione di legname genera il traffico illegale

confiscate inoltre merci importate clandestinamente via mare, per oltre 1 milione di dollari

15/05/2014 L'NLD si oppone alle misure della commissione elettorale che esautorano il ruolo del Parlamento

La commissione elettorale autorizza solo i singoli candidati ad indire manifestazioni elettorali

Obama rinnova le sanzioni mirate sulla Birmania e vieta alle imprese di fare affari con i militari e soggetti ad essi collegati

le norme riconoscono passi in avanti ma anche lo strapotere dei militari sulla vita economica e politica.

L’ONU sotto un fuoco di critiche per il sostegno al censimento in Birmania

anche paesi come Gran Bretagna, Germania e Australia sono stati criticati per aver contribuito al finanziamento del censimento

Birmania, l’UE lavora per valorizzare i legami economico commerciali

Continuano i negoziati per la firma di accordi commerciali e il sostegno agli scambi e allo sviluppo

l'Onu sotto un fuoco di critiche per aver sostenuto il censimento iniziato domenica 31 marzo, che non prevede la registrazione dei dati sulla popolazione Rohingya

soggette a critiche anche Gran Bretagna, Germania e Australia che hanno sostenuto economicamente l'operazione

l’UE sta lavorando per valorizzare i legami economico commerciali con la Birmania

dalla fine delle sanzioni internazionali i rapporti commerciali e gli investimenti sono cresciuti

20/03/2014 L’Unione Europea e la Birmania negozieranno un accordo per la tutela degli investimenti

Comunicato stampa della UE su ragioni e obiettivi del negoziato

28/03/2014 Attaccate le sedi e le residenze degli operatori umanitari presenti nello stato Rakhine

Folle di buddisti hanno attaccato con sassi contro sedi e abitazioni di operatori internazionali che sono stati fatti evacuare

31/03/2014 Tra critiche e tensioni il governo birmano ha dato il via al censimento

Era dal 1983 che non si effettuava il censimento

01/04/2014 In vendita le quote di partecipazione alla Zona Economica Speciale di Thilawa

Un progetto pari a 21 miliardi di Kyats.

04/04/2014 L’ottimismo USA sulle riforme birmane diminuisce

Cammino pieno di ostacoli di fronte al rallentamento delle riforme politiche

28/04/2014 E' necessario introdurre emendamenti alla costituzione del 2008 e non riscrivere la costituzione

lo ha affermato il Portavoce del Parlamento U Shwe Mann 25.4.2014

Ulteriore allarme per la situazione dei diritti umaninello Stato Rakhine

Preoccupazioni per la sopravvivenza dei rifugiati

10/03/2014 Le speranze erano elevate, ma la luna di miele è finita?

Dubbi crescenti tra gli osservatori internazionali sulle recenti prese di posizione del governo birmano.

30/04/2014 Il censimento nazionale in Birmania ha riguardato circa 11 milioni di nuclei familiari

Dal censimento sono state escluse le popolazioni Rohingya. 23.4.2014

02/05/2014 1° Maggio in Birmania. celebrazioni nella zona industriale di Rangoon

Ospite d'onore il Ministro della Presidenza della Repubblica U Aung Min

ANNULLAMENTO SEMINARIO. Myanmar Strategie e sfide per la democrazia

A causa di concomitanti appuntamenti parlamentari e della apertura della campagna elettorale per le europee, il seminario è rimandato a data da destinarsi.

Win Tin, eroe della dissidenza birmana muore a Rangoon.

Giornalista e grande oppositore della giunta militare, in carcere per 19 anni, torturato ripetutamente, fondatore insieme ad Aung San Suu Kyi della NLD

14/05/2014 Concluso a Napyidaw il Vertice ASEAN, Il People Forum cancella l'incontro con i governi Asean a causa dell'interferenza di alcuni di loro sulle delegazioni ONG.

Dopo 17 anni dall'ingresso della Birmania nell'ASEN. Preoccupazioni per la situazione nel Mare della Cina

l'NLD critica le misure sulle campagne politiche, adottate dalla commissione elettorale

Duro attacco alla commissione elettorale: le misure ledono il ruolo del Parlamento

30/01/2014 I livelli di vita dei contadini in Birmania sono molto inferiori di quanto non fossero durante il periodo coloniale.

Lo ha dichiarato la Lega Nazionale per la Democrazia e il parlamentare Myint Thein

Papa Francesco invitato al 500° anniversario dell'arrivo della Chiesa cattolica in Birmania

storico invito in Birmania. le celebrazioni si terranno dal 21 al 23 novembre 2014

31/01/2014 Il Comitato Parlamentare per gli emendamenti alla Costituzione, lascia le cose sostanzialmente inalterate

gli emendamenti presentati, non modificano i punti principali della Costituizione contestati dall'opposizione e dalle istituzioni internazionali

Stato Kachin, continuano gli attacchi dell'esercito contro i villaggi

Free Burma Rangers denuncia nel suo rapporto gli attacchi,

21/11/2013 Proteste contro i rischi dell'inquinamento frenano il nuovo terminal petrolifero birmano

proteste di cittadini e ambientalisti pongono in dubbio la costruzione di una nuova raffineria petrolifera

Le gerarchie militari sono interessate alle riforme economiche e non a quelle politiche

crescita incontrollata dei progetti nel settore turistico e potenziali impatti sul lavoro minorile

la prossima conferenza sul turismo di Singapore mette al centro la Birmania come nuova meta turistica

crescita incontrollata dei progetti nel settore turistico e potenziali impatti sul lavoro minorile

08/10/2015 L’ITALIA SOSTIENE IL PROCESSO DI SVILUPPO DEL MYANMAR E SI PROPONE DI INTENSIFICARE I RAPPORTI COMMERCIALI BILATERALI

importanti sviluppi dei rapporti bilaterali soprattutto nel settore delle infrastrutture

08/10/2015 L’ITALIA AUSPICA ELEZIONI LIBERE E DEMOCRATICHE IN MYANMAR

importante incontro e presa di posizione italiana per elezioni libere e responsabili

19/09/2015 L’ITALIA CONCEDE UN PRESTITO AGEVOLATO DI 20 MILIONI DI EURO

impegno italiano a sostegno di relazioni commerciali e dello sviluppo rurale

Mortalità materno neonatale:uno dei peggiori tassi di tutto il sudest asiatico

ospedali e ostetriche insufficenti per coprire gli oltre 60.000 villaggi

29/07/2015 Pam, 400 mila persone raggiunte dagli aiuti alimentari in seguito alle inondazioni

Oltre 1.7 milioni di persone colpite dalle devastanti inondazioni

Perché bisogna preoccuparsi dei Monaci Estremisti del gruppo Ma Ba Tha

il gruppo buddhista estremista sta prendendo piede in tutto il paese

03/08/2015 pesantissime alluvioni provocano 46 vittime e 217.000 senza tetto.

pesantissimi danni all'agricoltura e ai villaggi

La Confederation of Trade Unions of Myanmar ottiene la registrazione dal governo.

Sindacato birmano i successi di una strategia che viene da lontano e che ha puntato al dialogo

20/07/2015 Ripresi i negoziati di pace. Una corsa per evitare il rischio di azioni da parte dell'esercito nazionale.

l'accordo dovrebbe essere raggiunto prima delle elezioni di novembre.

Il Parlamento birmano vota contro i cambiamenti alla costituzione

ASSK: è chiaro che i militari sono contro il cambiamento

22/06/2015 Gravissimo incidente sul lavoro nella costruzione di un Hotel a Mandalay

due lavoratori morti e 18 feriti gravi.

Infiniti auguri alla leader birmana Aung San Suu Kyi nel giorno del suo 70° compleanno

ITALIA-BIRMANIA.INSIEME augura alla leader birmana successo nella realizzazine della democrazia,

04/04/2015 Il boicottaggio delle elezioni sono un'opzione, se la costituzione rimarrà invariata

Aung San Suu Kyi non nega la possibilità che l'NLD possa boicottare le elezioni

01/03/2015 Il Cardinale Charles Bo chiede al governo e ai gruppi armati un rinnovato impegno per la pace

alla sua prima uscita pubblica dopo la nomina a Cardinale: Un appello per la pace

18/02/2015 Convoglio della Croce Rossa nella regione del Kokang colpito negli scontri

il Presidente Thein Sein dichiara lo stato di emergenza e la legge marziale nella regione

05/02/2015 16 FEBBRAIO ORE 11, SENATO SALA ZUCCARI, OSPITE CARDINALE BIRMANO CHARLES MAUNG BO

Il ruolo della Chiesa Cattolica in Birmania nella costruzione della pace interreligiosa

31/01/2015 Il monaco nazionalista Wirathu pittbul del regime birmano.

condannato a 25 anni di carcere nel 2003 e liberato nel 2010 serve al governo birmano per la sua campagna contro i mussulmani Rohingya.

29/01/2015 Il governo Chin ha ordinato la rimozione di una grande croce cristiana installata su una collica

i residenti protestano contro questa pratica. Molte sono le croci rimosse e sostituite con pagode buddhiste.

26/01/2015 Il governo prevede un forte incremento del turismo da 3.08 a 5 milioni entro l'anno

i dati includono visite della durata di meno di 24 ore dai paesi di confine

26/01/2015 Le dighe idroelettriche.Ottimismo e preoccupazioni nel primo seminario pubblico

oltre 1500 tra attivisti, Banche di sviluppo, imprese al primo seminario sul futuro delle grandi dighe

30/12/2014 Storico Congresso di fondazione della Confederazione dei Sindacati Birmani CTUM

dopo anni di duro lavoro finalmente una grande novità per la promozione del lavoro dignitoso in Birmania

20/11/2014 L'NLD ammette di non poter vincere la battaglia per il cambiamento della costituzione

Aung San Suu Kyi non potrà candidarsi alla presidenza della repubblica

14/11/2014 Visita di Obama in Birmania intervistato da the Irrawaddy

La transizione, le elezioni, i passi indietro e l'impegno degli USA

07/10/2014 Il partito di governo USDP a favore del cambiamento di un controverso articolo della costituzione birmania

Decisione che pone le basi per la modifica della parte più controversa della costituzione

01/10/2014 Il Parlamento boccia la richiesta di emendamento della legge sui sergreti nazionali

La legge coloniale, usata a luglio per condannare a 10 anni di carcere duro 5 giornalisti, dopo la pubblicazione di un rapporto sulla fabbricazione di armi chimiche

01/10/2014 Costituzione di un sistema federale e modifica della costituzione sono obiettivi chiave afferma l’NLD

l'NLD rischia di trovarsi in un vicolo cieco per l'indisponibilità di esercito e maggioranza a modificare la costituzione per renderla democratica.

07/09/2014 Che la sfida cominci

la telefonia mobile ad una svolta in Birmania.

30/06/2014 Oltre tre milioni di firme a sostegno della petizione per il cambiamento della costituzione birmana

continua la campagna di Aung San Suu Kyi contro il potere di veto dei militari in parlamento

29/06/2014 Gli USA continuano l'impegno per il cambiamento e a sostegno dei rapporti commerciali

permangono però le preoccupazioni per le tensioni etniche religiose in vista delle elezioni

24/06/2014 il Presidente Thein Sein in visita in Cina. Rafforzamento de legami con questo paese

La Cina vuole utilizzare la Birmania come cuscinetto per i raporti con l'India

20/06/2014 69° Compleanno della Leader birmana Aung San Suu Kyi

15 organizzazioni di donne si sono coalizzazzatea sostegno della campagna di Aung San Suu Kyi in vista delle elezioni del 2015

18/06/2014 DIALOGHI SULLE MINORANZE. di Fabrizio Noli con Federico De Renzi Lunedì 23 ore 18 Libreria Claudiana Roma. Piazza Cavour 32

Viaggio attraverso le minoranze nel mondo, a partire dalle minoranze birmane

16/06/2014 L’ agenzia per la cooperazione giapponese JICA smentisce le accuse di negligenza

Circa 4.500 persone verranno sfollate dall'area di Thilawa. Il governo giapponese fortemente impegnato a sostegno di iniziative imprenditoriali e di cooperazione in Birmania

10/06/2014 La lotta per la conquista della Birmania

Sfide ed opportunità per gli investitori, la Responsabilità sociale come grande opportunità

28/05/2014 Il Presidente Obama rinnova per un altro anno le sanzioni economiche mirate

La decisione proibisce ad imprese e soggetti americani di fare affari con i militari. Causa le violazioni dei diritti umani e il conflitto in corso in alcuni Stati del paese

30/05/2014 Resa nota la proposta di legge contro i matrimoni interreligiosi e le conversioni

secondo i critici sono discriminatorie e contro i mussulmani

proposte di legge contro i matrimoni interreligiosi e le conversioni

secondo i critici le proposte di legge sono discriminatorie e in violazioe dei diritti fondamentali

23/05/2014 Positiva conclusione del secondo round dei colloqui di pace tra i rappresentanti del Myanmar Peace Center e i rappresentanti dei gruppi etnici armati

Prossimo incontro a giugno con la speranza che si possa sottoscrivere una intesa definitiva.

08/05/2018 Importante incontro tra l'Ambasciatore Aliberti e il Comandante in capo delle Forze Armate Gen. Min Aung Hlaing

L'italia ribadisce la forte preoccupazione per lo stallo del processo di pace e chiede che si indaghi sulle atrocità nel Rakhine

04/08/2017 Ritorno in Myamar

Numero di RISE tutto sulla Birmania

21/06/2017 il Chief Minister di Yangon ospite oggi a Romadi Italia-Birmania.Insieme

Importante seminario su Smart cities e riforma dei musei all'ICCROM

18/05/2017 5 X 1000 a sostegno del processo democratico.

dai il 5 X 1000 a ITALIA-BIRMANIA.INSIEME

Iscriviti a Italia-Birmania.Insieme

Sostieni il processo di cambiamento democratico

02/03/2017 LE SFIDE DI AUNG SAN SUU KYI PER LA NUOVA BIRMANIA

Un libro che fa capire gli enormi problemi ancora irrisolti nel paese delle pagode