dodici milioni di turisti hanno visitato la Birmania dall'inizio dell'anno con un aumento dell'occupazione
A causa degli alti costi e di scarse infrastrutture, il turismo ecologico rimane quasi inaccessibile per i turisti birmani,

Secondo il Ministero del turismo birmano, a seguito dell’incremento del flusso turistico, quest’anno le entrate del settore supereranno il miliardo di $.

Secondo il Ministro birmano del turismo, dall’inizio dell’anno alla fine di maggio 2014, circa 12 milioni di turisti hanno visitato il paese. Dal lancio delle riforme economiche, l’industria del settore ha visto una crescita spettacolare, ed ha generato nel 2012 introiti per 534 milioni e, 926 milioni lo scorso anno. Nei primi cinque mesi di quest’anno ha generato utili  per 552 milioni di $, con la possibilità di superare il miliardo entro la fine dell’anno. Gli alberghi, le agenzie di viaggio, i servizi del trasporto, le guide turistiche, i ristoranti e i negozi di souvenir hanno tutti avuto una crescita molto rapida. Secondo il Ministro del turismo, il settore porta nel paese valuta estera e  l’85% di  tali risorse va a beneficio dei cittadini. Il settore è fondamentale inoltre perché crea molti posti di lavoro. Secondo alcune stime l’occupazione legata al turismo potrebbe passare da circa 300.000 posti di lavoro nel 2012  a 1.5 milioni nel 2020.

Purtroppo però, vista la carenza di infrastrutture, il settore del turismo ecologico è più costoso de normali tour.

Secondo un operatore turistico "i viaggi al Phoe Kyar Elephant Camp, Natmataung, e all’arcipelago di  Myeik sono molto più  costosi  di quelli diretti alla Ngwe Saung Beach e alla  Chaungtha Beach," "Questo perché non ci sono linee di autobus disponibili per quelle località e per arrivarci bisogna affittare delle auto e portare cibo preconfezionato. Quindi i tour operator devono organizzare viaggi su misura con costi più elevati”.  I tour normali per turisti locali offrono  un’ampia scelta di ristoranti e hotel e si può scegliere di andare comodamente in autobus a orari regolari. Quindi i costi sono inferiori di quelli legati all’eco-turismo.” Un  buon pasto birmano, anche in posti come Bagan,.costa solo tra i 3.500 ks e i 4.000 Ks a testa, ma in posti come Phoe Kyar Elephant Camp costa 8.000 Ks a persona. Le spese per un pasto sono alte e quindi non ci sono alternative” ha dichiarato un turista locale. Secondo alcune fonti del settore, c’è stata una crescita nel turismo locale oltre che a quello di altri paesi.

"I turisti birmani cominciano a viaggiare di più di prima. Usano sia l’eco turismo che quello normale. Ma la maggior parte dei turisti locali, visti i costi, non può permettersi di andare in posti come Natmataung, anche se sarebbero interessati” ha dichiarato Ma Nwe, operatrice del settore del turismo ecologico. Secondo lei i turisti locali  per viaggiare nelle strade dissestate tra Bagan e Natmataung, devono affittare piccoli veicoli come Pajeros o jeep che possono portare solo tre o quattro persone, facendo così lievitare i costi. Un viaggio all’arcipelago di Myeik costa 800$ a persona, quindi solo pochi turisti locali se lo possono permettere” sottolinea Ma Nwe. I campi degli elefanti  nell’arcipelago di Myeik, Natmataung, Indawgyi Lake, e Kayin State sono inseriti nella lista dei luoghi  di eco turismo popolari  che i turisti locali vorrebbero visitare. Ma visti i costi ci arrivano prevalentemente turisti stranieri.

 

 

News