Crescita record per gli investimenti esteri
L'aumento del costo del lavoro in altri paesi asiatici contribuiscono all'insediamento di investimenti esteri in Birmania

Secondo un alto funzionario della direzione per l’amministrazione, gli investimenti e le imprese,  nonostante che gli USA abbiano prorogato le sanzioni economiche per un altro anno, nei primi due mesi dell’anno fiscale iniziato il primo aprile, gli investimenti  diretti esteri complessivi  hanno continuato a crescere.

Continuando la crescita record dello scorso anno, che ha visto le imrpese straniere investire per 3.5 miliardi di $, i primi due mesi dell’anno fiscale 2014-15  hanno visto una crescita  di 1.1 miliardi di $ in IDE.

 Mentre Washington, come molti atri governi occidentali, si è mosso per permettere nuovi investimenti e nuovi rapporti commerciali con la Birmania, gli USA continuano a proibire ai loro cittadini di investire in imprese di proprietà dell’esercito e di avere legami con altre dozzine di imprese birmane e individui sospettati di legami con la precedente giunta militare e con il commercio di armi e droga  o per i legami con la Corea del Nord. Nonostante le restrizioni finanziamenti continuano a pervenire nel paese. Le imprese americane hanno annunciato una serie di investimenti da quando le sanzioni sono state annunciate. Secondo Aung Naing Oo,  segretario della Myanmar Investment Commission, il settore del tessile è un investimento molto attraente per le imprese straniere. 

 “Il flusso degli investimenti non è diminuita. Ha continuato a crescere in questi due mesi” ha sottolineato, aggiungendo che tra gli investitori c’era la azienda produttrice di dentifrici Colgate.

Myat Thin Aung,  presidente della zona industriale c Hlaing Tharyar, vicino a Rangoon, sostiene che il settore dell’abbigliamento costituisce una sempre crescente parte delle attività della zona industriale.  Le pressioni in altre parti della regione, a partire dall’aumento del costo del lavoro, sino alle proteste anti cinesi che lo scorso mese hanno caratterizzato il settore industriale del Vietnam, hanno portato le imprese a  spostare alcune basi produttive.

“qui il costo del lavoro è basso, le aziende dell’abbigliamento stanno sempre alla ricerca di lavoro a basso costo a livello regionale. In Tailandia e Cambogia il costo del lavoro  sta crescendo, per questo le imprese si spostano in Birmania” Ha detto. Secondo i dati, della zona industriale di Hlaing Tharyar, ci sono oltre 90 aziende  manifatturiere del settore abbigliamento tra le 500 imprese della zona. “in passato le imprese dell’abbigliamento erano meno di 60” ha dichiarato Myat Thin Aung, aggiungendo che alcuni forti deterrenti agli investimenti comprendono lo scarso sviluppo della rete elettrica.

 “Abbiamo bisogno che aziende dell’industria pesante  arrivino nel paese e che aprano aziende elettroniche, ma la scarsità di fornitura elettrica sono un problema enorme”. Quest’anno i settori manifatturieri, delle telecomunicazioni, alberghiero e del turismo dovrebbero guidare le imprese partecipate estere. A marzo Naing Oo ha dichiarato che il totale degli investimenti per l’anno fiscale 2014-15 dovrebbero passare da $4 a $5 miliardi.

News