Gli investimenti esteri in crescita in Birmania
ulteriori previsioni di crescita soprattutto se si firmerà l'accordo bilaterale UE -Birmania

Domenica 19 aprile, 2015

La Birmania  ha fissato il modesto obiettivo di attrarre 6 miliardi di dollari in investimenti diretti esteri (IDE) nel corrente anno fiscale, con  il forte ottimismo che l'obiettivo sarà superato, come l'anno precedente.
"Questo è il nostro obiettivo iniziale," ha detto Aung Naing Oo, direttore generale della Direzione Investment and Company Amministrazione e segretario generale della Commissione per gli investimenti Myanmar (MIC),.

"L'anno scorso, inizialmente, avevamo fissato il target a $ 4 miliardi. In seguito ci siamo riposizionati su 5 miliardi di  dollari e abbiamo finito con 8,01 miliardi dollari", ha detto in un'intervista telefonica.
Negli ultimi tre esercizi, gli IDE in Birmania hanno superato gli obiettivi. Nell'anno fiscale 2012-13, la Birmania si aspettava di ricevere $ 1 miliardo di investimenti diretti esteri, ma in realtà ha attirato 3,42 miliardi dollari. Nell'anno fiscale 2013-14, la quantità prevista era 3 miliardi, ma l'importo effettivo ricevuto è stato 4,11 miliardi dollari. In confronto, nell'anno fiscale 2009-10 IDE ammontava a soli $ 329.600.000.
Gli investitori stranieri hanno individuato enormi opportunità non sfruttate in Birmania, che ha adottato la democrazia nel 2011, dopo essere stata governata dai militari per molti decenni.
Gli investimenti esteri in Myanmar sono aumentati costantemente nel corso degli ultimi quattro anni, in quanto gli investitori stranieri hanno il permesso di affittare le aree di proprietà dello Stato, oltre alla proprietà privata, di trasferire la proprietà delle imprese agli stranieri sotto la guida del MIC e di trasferire denaro con meno restrizioni. Il MIC nel primo trimestre di quest'anno, ha consentito investimenti a 77 imprese locali e straniere in vari settori, tra cui petrolio e gas, produzione di beni commodity e ospitalità.
Aung Naing Oo, ha detto che l'obiettivo degli IDE è stato fissato in linea con il piano ventennale del governo  per la promozione degli IDE.
"E 'difficile aumentare il target velocemente perché dobbiamo essere in linea con il piano generale. Ma da quando si è avuta l'apertura dell'economia, è stato molto facile raggiungere gli obiettivi e, a volte riceviamo più del doppio di quanto previsto. Siamo molto ottimisti circa quest'anno. Credo che sarà più facile ricevere  di più ", ha detto.
Secondo il capo  del DICA, il settore manifatturiero potrebbe guidare la lista degli afflussi di IDE di quest'anno in Birmania seguito dai settori del petrolio e del gas e dei servizi. Si aspetta un forte aumento degli investimenti giapponesi, grazie allo sviluppo della Zona Economica Speciale Thilawa, mentre Singapore, Hong Kong e Cina sono suscettibili di mantenere i loro primi osti nella lista dei principali investitori.


Prospettiva luminosa

Aung Naing Oo, ha dichiarato che gli investimenti provenienti da paesi europei potrebbero probabilmente crescere l'anno prossimo se si firmerà entro la fine dell'anno l'accordo UE-Myanmar protezione degli investimenti.

"Sono in corso fruttuose discussioni sull'accordo. Se riusciamo a firmare quest'anno, riceveremo un sacco di investimenti dell'Unione europea nel 2016. L'eventuale afflusso di investimenti dell'UE negli ultimi tre mesi dell'anno fiscale [gennaio-marzo] avrà un enorme impatto sui nostri dati relativi agli IDE, "ha detto.

Sul lato Asean, ci si aspettava di ricevere maggiori investimenti dalla Malesia e dalla Tailandia. la recente apertura economica permetterà una crescita degli investitori thailandesi, che come strategia di investimento in uscita si concentra principalmente sulla Birmania e sulle Filippine.

Nell'anno fiscale 2014-15, che si è chiuso il 31 marzo, la Birmania ha permesso a  211 imprese straniere di investire 8,01 miliardi dollari nel paese. Tra questi, 141 imprese investiranno nel settore manifatturiero, seguito da 26 nuovi operatori nel settore del petrolio e del gas, 8 nel settore dei trasporti e delle comunicazioni, 6 nel settore immobiliare, 5 ciascuno nel bestiame e rispettivamente la pesca, alberghi e turismo, 4 in agricoltura affari e uno ciascuno, nel settore minerario ed energia. Altri servizi hanno visto l’arrivo di 14 investitori.
In termini di importi approvati, il settore del petrolio e del gas è il più grande, con 3,22 miliardi dollari, seguito da trasporti e comunicazioni (1,68 miliardi dollari) e manifatturiero (1,5 miliardi dollari). Il settore immobiliare ha ottenuto 780.750 mila dollari di nuovi investimenti e negli alberghi e settore del turismo ha ricevuto 357.950 milioni di dollari, leggermente più di quelli in altri servizi ($ 357.320.000). La Birmania ha inoltre approvato $ 40,11 milioni di investimenti per il solo nuovo arrivato nel settore energetico, 39.670 milioni di dollari in agricoltura, 26.860 milioni dollari nei settori dell’allevamento e la pesca, e 6,26 milioni dollari nel settore minerario.
Lo scorso anno, ventisette paesi hanno avuto il via libera per fare affari nel paese. Singapore è in cima lista degli investitori stranieri con 43 nuovi operatori che hanno apportato capitale  per 4,3 miliardi dollari, seguita dal Regno Unito (13 aziende che investono $ 850.760.000), Hong Kong (28 imprese, 625.560 milioni di dollari), la Cina (34 aziende, $ 516.900.000) e i Paesi Bassi (4 aziende, 302.410 milioni dollari).

Tra i restanti paesi in elenco, i primi 10 investitori sono la Corea del Sud (24 attività, 299,59 dollari), India (6 imprese, $ 208.890.000), Vietnam (1 investimento, $ 175.400.000), Tailandia (11 imprese, 165.680 mila dollari), e il Canada ( 2 aziende, 153.920 mila dollari). Giappone è stato l’11 ° maggior investitore con 16 imprese investendo $ 85,740.

A venticinque aziende di sette paesi europei - Regno Unito, Paesi Bassi, Svezia, Svizzera, Francia, Norvegia e Germania - è stato permesso l'ingresso in Birmania. Ma il loro totale approvato è stato solo 1,28 miliardi dollari.
La legge sugli Investimenti Esteri è stata promulgata nel 1988, quando il paese ha iniziato ad adottare una politica economica orientata al mercato. La legge ha ottenuto una risposta positiva da parte degli investitori stranieri nei primi anni. Eppure, l'afflusso di IDE si è drasticamente ridotto durante 1997-2004. Nel 2005, un record storico è stato raggiunto con un investimento approvato di 6,03 miliardi dollari, grazie soprattutto agli investimenti della Tailandia nel settore energetico.
Dal momento che gli investimenti esteri sono tornati nel paese, il settore energetico, che comprende petrolio e gas e di energia idroelettrica è stato il principale contributore alla crescita degli IDE e dovrebbe esserlo anche in futuro. A seguito dell'entrata in vigore della nuova legge sugli investimenti esteri nel 2012, l’afflusso degli IDE ripreso e il settore energetico è rimasto il magnete più importante.
Dall'anno fiscale 1988-1989, le statistiche hanno dimostrato che il Myanmar ha approvato 895 aziende provenienti da 38 paesi per investimenti pari a 54,24 miliardi dollari.
Di 12 settori nel loro radar, la generazione di energia elettrica, che copre il settore energia ha attratto l'investimento approvato di 19,32 miliardi dollari o 35.63 per cento degli investimenti diretti esteri aggregato al 31 marzo 2015. Questa è stata seguita dal settore petrolifero e del gas, che ha vinto l'investimento approvato 17,59 miliardi dollari o 32,44 per cento; produzione, 5,49 miliardi dollari o 10,12 per cento; trasporti e comunicazioni, 3,18 miliardi dollari o 5,87 per cento; e minerario 2,87 miliardi dollari o 5,29 %.


Facilità di regolamenti

Secondo  il rapporto di valutazione Myanmar Investment Climate, pubblicato il mese scorso della Banca Mondiale, il tempo necessario per ottenere una licenza d'esercizio e i requisiti patrimoniali minimi molto elevati sono i maggiori vincoli per gli investitori stranieri.
Il capitale versato richiesto è stato di $ 50.000 per le società di servizi, mentre per le società di infrastrutture e di produzione è stato di $ 150.000. Ciò è in netto contrasto con le economie a livello globale. Secondo i dati di Doing Business, 90 non hanno il  requisito di capitale minimo versato,.
Il rapporto ha anche sottolineato che circa il 69 % delle imprese ha dichiarato di aver chiesto la licenza di esercizio, un numero che è simile ad altri paesi. Tuttavia, le imprese medie devono aspettare 27 giorni per una licenza di esercizio in Birmania, mentre in Indonesia l'attesa è di 21 giorni, e soli 11 giorni nelle Filippine. Con 27 giorni di tempo per ottenere una licenza di esercizio in attesa, le imprese in Birmania devono affrontare l'attesa più lunga tra i paesi dell'ASEAN.
Aung Naing Oo, tuttavia, ha insistito che la Birmania sta compiendo sforzi per creare un contesto imprenditoriale più di favore, allentando le restrizioni. Ha detto che il MIC sta riesaminando tutte le norme e i regolamenti e pubblicherà prossimamente un bando più attraente per gli investitori stranieri.
Sulla licenza di esercizio, ha detto, "Non ci sarà più un lungo periodo di attesa. Ora diamo il rilascio delle licenze per tutti gli esercizi commerciali stranieri entro tre giorni."

Ritmo di riforma

Le questioni nazionali, vanno dal cessate il fuoco a livello nazionale, alle prime elezioni democratiche entro la fine dell'anno, così come le critiche sulle violazioni dei diritti umani. Gli investitori stranieri sono stati colpiti dagli sforzi che la Birmania ha compiuto per liberalizzare la sua economia. Tutti gli investitori stranieri, in particolare quelli provenienti da altri paesi dell'ASEAN che controllano quasi la metà dell'aggregato dei FDI, si aspettano che questo slancio per continuare.
In un'intervista con il Straits Times a margine dell'ultimo Asean-Myanmar Forum, Sarasin Viraphol, executive vice-president di Charoen Pokphand Group, ha detto che la liberalizzazione economica della Birmania è così forte e attraente da poter essere fermata, nonostante l’ irto contesto politico. Il conglomerato del settore agro-business è presente in Birmania da quasi 20 anni ed è in fase di grande espansione.
"Non importa quello che succede sul fronte politico o il fronte internazionale, possiamo solo vedere un ulteriore sviluppo per la società, le persone. Crediamo che sia  il momento di accelerare", ha detto Sarasin.
Riflettendo ciò la Birmania sta tentando di emanare una nuova legge sugli investimenti, potenzialmente il prossimo anno. Mentre prevede che il tasso di crescita economica dovrebbe  superare l'8 per cento annuo nei prossimi anni, la Banca Asiatica di Sviluppo ha elogiato le riforme economiche in corso. Il programma di riforme strutturali del paese ha prodotto una forte crescita negli ultimi anni, che continuerà quest'anno, ha detto.
Peter Brimble, specialista di ADB ha condiviso l'ottimismo degli investitori stranieri.“Ci auguriamo che l'impulso alle rif
News