22/06/2015
Gravissimo incidente sul lavoro nella costruzione di un Hotel a Mandalay
due lavoratori morti e 18 feriti gravi.

La polizia della seconda città della Birmania ha denunciato il cantiere dove sabato sono crollate le impalcature e due lavoratori sono morti mentre altri 18 sono stati ricoverati in ospedale.

Secondo la polizia il Nyan Family Construction Group,  che sovraintende a parte della costruzione  di un nuovo hotel Pullman nella zona di sviluppo di Mingalar a Mandalay, deve affrontare l’accusa di negligenza che potrebbe portare in carcere l’appaltatore per 17 anni.

 “Nwae Oo Maung, il contrattista della Nyan Family Construction,  è stato accusato in riferimento a tre norme: gli articoli 337, 338  e 304 (a) del codice penale” ha dichiarato all’Irrawaddy il vice sovrintendente della polizia della Township di Chan Mya Thazi.

“Queste accuse fanno riferimento al fatto di aver causato danni gravi mettendo a rischio la vita o la sicurezza di altri e causando la morte per negligenza di due persone e il ferimento di altre 18 persone i”.

Le impalcature di acciaio sul lato posteriore dell’hotel sono crollate sabato pomeriggio, mentre i lavoratori stavano versando cemento, intrappolando più di 20 lavoratori in un intrigo di tubi e cemento che si stava essiccando rapidamente. Inizialmente sono state rimosse 18 persone dalle impalcature salvandole e traspotandole all’ospedale generale di Mandalay per le cure. Altre due sono morte nel cantiere. Un’altra persona di 20 anni San Myint Aung è stata raggiunta dai soccorritori, ancora vivo dopo più di 30 ore dall’incidente.

Un portavoce dell’ospedale ha dichiarato che 10 lavoratori hanno subito ferite minori e sono stati già rilasiati, mentre il resto rimane sotto trattamento. San Myint Aung  ha avuto danni seri ai vasi sanguigni e ha dovuto subire l’amputazione parziale delle gambe. Anche la  sua mano destra potrebbe essere stata colpita.  “attualmente è nel dipartimento di cure intensive e siamo preoccupati che la funzionalità del suo braccio destro non riprenda” ha dichiarato il portavoce aggiungendo che è ancora sotto osservazione per ulteriori danni interni”.

Il fratello del paziente anch’esso impiegato nel cantiere ha dichiarato che i soccorritori sono stati veloci nel rispondere ma che è stato difficile rimuovere i detriti che hanno provocato ritardi.” Non ero in cantiere perché stavo bevendo quando ho sentito dei boati” ha ricordato Aung San Myint. “ mio fratello e i miei amici sono rimasti sepolti sotto il cemento e intrappolati tra le tubature di acciaio. Abbiamo cercato di tirarli fuori ma non potevo farlo da solo” ha continuato. Un gruppo di soccorritori composto da polizia, vigili del fuoco, Croce Rossa e altri volontari sono arrivati sul cantiere in pochi minuti ma non avevano l’attrezzatura adeguata a rimuovere in sicurezza i detriti. I soccorritori hanno dovuto tagliare il cemento che si stava indurendo e un groviglio di tubi per poter raggiungere le vittime.

Un funzionario della Croce Rossa ha dichiarato che un lavoratore Aye Myat Ko, di 19 anni è morto appena prima i soccorritori lo raggiungessero. Un altro, la cui identità non è stata ancora resa pubblica, si pensa sia morto e sepolto sotto le macerie che i soccorritori stanno cercando di togliere per rimuovere il suo corpo.

Il capo dei vigili del fuoco della Divisione di Mandalay, Than Zaw Oo,  ha lamentato la perdita di due vite e i ritardi nelle operazioni di soccorso  dichiarando che: “ abbiamo la mano d’opera ma non abbiamo i macchinari per raggiungere le vittime delle emergenze in circostanze simili come questa”. L’assenza di tecnologie e attrezzature rallenta la risposta. Se il nostro lavoro fosse stato rallentato ulteriormente non so cosa sarebbe potuto succedere a San Myint Aung. Siamo felici che sia sopravvissuto  ma ci spiace per aver perso due uomini”.

La causa esatta del crollo non è ancora chiaro, ed è in fase di verifica, anche se l’ingegnere di Mandalay Tint Lwin ritiene che possa essere stata causata da calcoli errati sulla quantità di peso che poteva essere sostenuto dalle tubazioni di acciaio utilizzate per costruire la struttura.

“ci potrebbero essere stati errori nelle impalcature perché le tubazioni sono troppo piccole per sostenere il peso e la base era troppo alta rispetto alla base, “Tint Lwin ha dichiarato che anche altri fattori come la pavimentazione, non sufficientemente robusta per sostenere la struttura potrebbero aver complicato la situazione.  Il progetto del Pullman Hotel è portato avanti da tre aziende importanti: New Star Light, CAD e Nyan Family Construction,  che gestisce la parte di cantiere dove è avvenuto l’incidente. Il principale investitore del progetto è la Regal Hospitality Co., Ltd.

 Funzionari della Nyan Family  hanno dichiarato che l’azienda si assumerà la piena responsabilità per i feriti e i morti. L’incidente viene investigato  dalla Singaporean iBuild Project Management , con il sostegno del Dipartimento municipale dell’edilizia di Mandalay.

News