15/01/2016
Hanno inizio i colloqui di pace a Naypyidaw

l primo round del dialogo politico, volto a porre fine a più di 60 anni di guerra civile, è iniziato a Nay Pyi Taw, anche se i colloqui sono stati boicottati dai principali gruppi etnici armati che non hanno firmato l’accordo con il governo nel mese di ottobre. Un gruppo di più di 100 organizzazioni della società civile aveva richiesto di rinviare i colloqui, a causa dei combattimenti in corso tra il Tatmadaw (le forze armate della Birmania) e i gruppi etnici nelle zone di confine.

La leader dell’ NLD Aung San Suu Kyi, ha partecipato alla prima giornata di colloqui il 12 gennaio dicendo che è “pronta ad assumersi le responsabilità del processo di pace, per ricambiare il popolo del suo voto”, dopo la schiacciante vittoria del suo partito alle elezioni di Novembre.

Alla prima giornata erano presenti circa 700 persone, tra cui gli alti ranghi militari e i rappresentanti dei gruppi etnici. Gruppi importanti come l’Esercito Unito dello Stato Wa e l’Organizzazione per l’Indipendenza Kachin hanno rifiutato di firmare l’accordo e non saranno presenti alla conferenza. Il problema principale dei non firmatari  è il fatto che il governo si rifiuta di includere i gruppi in combattimento  con il Tatmadaw nell’accordo di cessate il fuoco.

Aung San Suu Kyi si ha rilasciato delle dichiarazioni riguardo alla Conferenza di cinque giorni apertasi a Naypyidaw questa settimana, affermando che  l'evento si è tenuto solo per "legittimare" il cosiddetto accordo di cessate il fuoco a livello nazionale, firmato nell'ottobre tra gli otto dei più di 20 gruppi armati e il governo uscente del presidente Thein Sein.

 “Quello che ho capito è che questa conferenza di pace è stata indetta per  legittimare quello che hanno concordato per quanto riguarda il NCA [ Accordo Nazionale di cessate il fuoco]. Il nuovo governo dovrà promuovere una vera e propria conferenza di pace. Come si può concludere una conferenza di pace in cinque giorni? "  ha detto Aung San Suu Kyi, capo dell’ NLD. La Conferenza di pace dell'Unione è iniziata a Naypyidaw martedì, segnando l'inizio di un dialogo politico a lungo cercato tra il governo birmano e molti dei gruppi armati del paese. La maggior parte degli eserciti ribelli del paese si è astenuta dal partecipare, e nonostante fossero stati  invitati a partecipare in qualità di osservatori, tutti i non firmatari non erano presenti. Nelle sue osservazioni nel giorno di apertura della conferenza, Suu Kyi ha sottolineato l'importanza dell'unità nazionale, nonostante le carenze dell'accordo di pace in corso, sottolineando che l’importanza di "non avere divisioni tra coloro che hanno firmato e quelli che non lo ha fatto", e suggerendo di rendere “flessibile” il dialogo politico.



                                                                     



                                    
                                                                              
tradotto da GIUSEPPE DE GREGORIO


News