04/04/2015
Il boicottaggio delle elezioni sono un'opzione, se la costituzione rimarrà invariata
Aung San Suu Kyi non nega la possibilità che l'NLD possa boicottare le elezioni

La leader dell’opposizione birmana Aung San Suu Kyi  ha dichiarato che il boicottaggio delle prossime elezioni rappresentano  un’”opzione” se la costituzione, scritta  dai militare che le vieta  di diventare presidente, rimarrà invariata.

In una intervista la Premio Nobel ha dichiarato alla Reuters, che il suo partito è “pronto a governare” ma che il Presidente Thein Sein non è  sincero per quanto riguarda le riforme e potrebbe cercare di posporre le elezioni. La leader birmana ha anche affermato che l’apprezzamento americano verso il governo semi civile birmano, che ha preso il potere nel 2011 dopo quasi 50 anni di brutale regime militare l’ha reso compiacente verso la riforma.  Mentre era caustica con quello che lei ha chiamato il governo dalla linea dura di Thein Sein, Suu Kyi ha enfatizzato la necessità di una riconciliazione con i militari che l’hanno tenuta prigioniere per 15 anni fino al suo rilascio dagli arresti domiciliari nel 2010.

“Non riteniamo che il boicottaggio delle elezioni sia la scelta migliore” ha dichiarato Suu Kyi, ma ci lasciamo aperta questa opzione. “  Sottolineando comunque l’importanza delle prossime elezioni generali ha affermato che sono “il vero test di quanto si sta andando verso la democrazia o meno”.

Il partito della leader birmana aveva boicottato le elezioni del 2010 ampliamente ritenute manipolate, che avevano portato all’elezione di Thein Sein, un ex generale e membro della giunta. Il suo governo aveva lanciato una serie di riforme economiche e politiche e molte persone ritengono ora che il processo di riforma si sia arenato e che i militari, che hanno un potere immenso privo di verifiche , gettino un’ombra sulle votazioni. Suu Kyi  ha affermato che durante la prima riunione nel 2011  Thein Sei è stato sincero sulle riforme ,ma ora non lo era più. “Perché se fosse sincero sulle riforme, allora saremmo molto più avanti di ora” ha detto parlando in una sala  riunioni nel complesso del parlamento a Naypyitaw.

E si è detta preoccupata del fatto che Thein Sein possa usare i negoziati di pace con i ribelli etnici come pretesto per rimandare le elezioni.

Il cambiamento della costituzione dipende dal governo che lei ha ripetutamente descritto come “un regime” dalla linea dura. “non sono interessati a negoziare o ad emendare la costituzione o a prendere seriamente il  volere del popolo è difficile dire che siano dei moderati.  Suu Kyi ha anche messo in dubbio il sostegno americano al governo birmano , nella speranza di incoraggiare nuove riforme. “vorrei chiedere se in realtà li sta incoraggiando a fare di più o se li si rende più compiacenti” ha dichiarato. “ Gli Stati Uniti e i governi occidentali in generale sono troppo ottimisti e un certo scetticismo aiuterebbe tutti molto.” A novembre un funzionario americano aveva dichiarato prima della seconda visita di Obama nel paese che Washington aveva deciso di non fare presssioni per il cambiamento della costituzione birmana con l’obiettivo di mantenere l’influenza sul governo. Ma SuuKyi ha affermato che non si sente abbandonata dagli Stati Uniti e che li vi sono “buoni amici”.

Una “necessità assoluta è la ricucitura delle relazioni con i militari. “non possiamo vere un paese diviso tra i militari e il resto del popolo”. Nel 2012 Suu Kyi aveva irritato molti sostenitori per aver detto che aveva “un debole” per l’esercito, che è stato fondato dal padre il generale Aung San, eroe dell’indipendenza. Ora rifiuta la critica di essere manovrata dai generali birmani. “ abbiamo sempre saputo che loro non cederanno i loro privilegi tanto facilmente, Vi è un tempo  in cui dobbiamo difendere  in nostri principi  e un tempo in cui uno dei principi dovrebbe essere la riconciliazione nazionale piuttosto che guardare al passato”. Suu Kyi ha anche rifiutato le accuse di non aver parlato a favore dei mussulmani Rohingya, un popolo senza stato che vive in condizioni pessime nella parte occidentale della Birmania,, dopo scontri con la maggioranza buddhista nel 2012. “ quando ho parlato di stato di diritto e del fatto che abbiamo condannato tutte le forme di violenza, nessuno era interessato, “ ha detto. “questo non faceva notizia”.

 

News