20/06/2014
Il legno di palissandro a rischio di estinzione, a causa delle esportazioni illegali verso la Cina
Nel giro di poco tempo la Birmania è diventata la maggiore fornitrice della CIna di questo legname
……………………………

 RANGOON -  L’Environmental Investigation Agency (EIA) ha lanciato l’allarme rispetto alcune specie arboree birmane  come il  tamalan e padauk  che stanno scomparendo ad un ritmo estremamente rapido, da quando i  commercianti cinesi hanno cominciato a puntare su legno di  alto valore. La specie potrebbe rischiare l’ estinzione in Birmania fra non più di tre anni.

L’insaziabile domanda cinese per le cosiddette specie di legno di rosa, tra cui il palissandro, usato per fare "Hongmu" mobili di lusso, negli ultimi cinque anni ha causato un’impennata dei prezzi del palissandro, dando vita ad un commercio illegale e aggressivo nei paesi della regione del Mekong.

In Laos, Thailandia, Vietnam e Cambogia, secondo un'indagine sulla situazione in Birmania condotta dal gruppo con sede nel Regno Unito, ,gli alberi  per la produzione di legno di palissandro sono scomparsi e il commercio ha alimentato corruzione e violenza.

"Sappiamo che il padauk e il  tamalan saranno i prossimi. Se il governo del Myanmar non si muoverà, queste specie faranno la stessa fine che hanno fatto in Tailandia, Laos, Vietnam e Cambogia-Laos, dove non è rimasto nulla”, ha dichiarato  in un'intervista Faith Dorethy, team leader della campagna foreste di EIA, all’The Irrawaddy". La Birmania è la prossima frontiera per il palissandro." La ricerca EIA sui dati commerciali cinesi ha scoperto che negli ultimi anni l'importazione di tamalan (noto in Birmania anche come legno di tulipano) e padauk è cresciuto enormemente. Nel periodo 2000-2013, la Cina ha importato 624 mila metri cubi di palissandro birmano per un valore di US $ 737.000.000, ma un terzo di questo legname è stato importato nel solo 2013. "Segnali di enorme crescita sono già evidenti per il 2014", ha dichiarato l’ EIA, che ha aggiunto che nel primo trimestre di quest'anno il valore delle importazioni di palissandro sono salite a circa 240 milioni dollari, più del doppio dell'intero commercio del 2012. Il rapido aumento delle importazioni di palissandro birmano significa che, "praticamente nel giro di una notte la Birmania è diventata la  più grande fornitrice al mondo di questo legname alla Cina, superando i fornitori più tradizionali come Vietnam e Laos", ha detto l'agenzia in un briefing a The Irrawaddy. L’aumento negli ultimi mesi dei sequestri di tamalan esportati illegalmente e degli arresti di tagliaboschi illegali da parte delle autorità birmane offre ulteriori indicazioni del rapido aumento del commercio illegale di palissandro. Si segnala che i media indicano che la registrazione è "drammaticamente aumentato nella Regione di Sagaing."

Secondo la EIA,  i dati del Ministero dell'Ambiente, mostrano che la Birmania ha scorte pari a 1,6 milioni di metri cubi di tamalan e 1,4 milioni di metri cubi di padauk. E ha avvertito che se le importazioni cinesi continuano a 2013-2014 i tassi, "Un arco di tempo realistico per l'estinzione commerciale è più o meno tra 3-13 anni. Chiaramente, c'è poco spazio per la compiacenza, se queste specie devono essere salvate. "  L’EIA ha inviato i risultati della sua indagine al governo birmano e l’ha esortato a registrare  nell'Appendice III della Convenzione sul commercio  internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES) i legnami di tamalan e padauk, in modo che il governo possa richiedere assistenza tecnica da CITES per regolamentare  il commercio interno. Successivamente, si dovrebbe cercare l’inserimento nella lista CITES III, che vieterebbe il commercio internazionale di tamalan e padauk.

 "Il primo passo che il governo birmano può compiere è quello di mostrare la volontà politica  di impegnarsi nel processo CITES", ha detto Dorethy, aggiungendo che la Birmania dovrebbe anche fare  pressioni sulla Cina perché vieti tutte le importazioni di legname birmano.

Ba Ba Chor, a capo del Myanmar Timber Merchants Association, ha dichiarato a The Irrawaddy che boom del commercio di palissandro "è il segreto di Pulcinella", e ha aggiunto che il ministro dell'ambiente ha annunciato che nei mesi scorsi le autorità hanno confiscato circa 15.000 tonnellate di tamalan e padauk.

"Quindi se siamo in grado di intercettare 15.000 tonnellate, chissà quanto palissandro ci è sfuggito", ha detto Ba Ba Chor, che ha specificato di occuparsi solo di teak e legni duri. Ba Ba Chor ha aggiunto di aver appoggiato la raccomandazione di EIA di inserire i legnami di tamalan e padauk nella lista CITS e di aver fatto pressione sulla cina per la regolamentazione del commercio transfrontaliero di legname   sottolineando che “ oltre ad essere inserite nelle liste delle specie a rischio, il problema è che è facile fare le leggi ma la cosa difficile è attuarle”.

I funzionari  del ministero dell’ambiente avevano giù denunciato l'illegalità della crescita del commercio illegale di legname prodotta dal conflitto con le etnie ribelli Kachin nella Birmania settentrionale,  e che con la recente formazione del Dipartimento di Polizia  Forestale si sono raggiunti primi successi  nella repressione del disboscamento illegale in molte parti della Birmania.

Il governo birmano ha indicato la volontà di ridurre la deforestazione e di promuovere una regolamentazione dell'industria del legno. A partire dal 1 aprile, ha vietato l'esportazione di tronchi grezzi e  di aver autorizzato unicamente l’esportazione di legname lavorato.

News