l'Onu sotto un fuoco di critiche per aver sostenuto il censimento iniziato domenica 31 marzo, che non prevede la registrazione dei dati sulla popolazione Rohingya
soggette a critiche anche Gran Bretagna, Germania e Australia che hanno sostenuto economicamente l'operazione

Le organizzazioni per i diritti temono che il controverso conteggio possa alimentare tensioni di lungo periodo nel paese dominato dai buddhisti.

L’ONU è sottoposta ad una una serie di critiche per il suo sostegno ad un censimento che discrimina i mussulmani Rohingya impedendo ai componenti della minoranza perseguitata di scrivere la loro etnicità. Le associazioni per i diritti hanno attaccato l’United Nations Population Fund (UNFPA per aver finanziato e dato il supporto logistico per la controversa conta che molti temono possa alimentare ulteriori tensioni etniche. Paesi inclusa la Gran Bretagna, Germania e Australia hanno contribuito a coprire i 70 milioni di costi del primo censimento in oltre 30 anni. Il Vice Ministro per l’informazione Ye Htut ha annunciato sabato che sarebbe stato proibito ai Rohingya di inserire il loro nome etnico nel formulario del censimento. Sia i funzionari del governo che l’UNPF hanno dichiarato che al gruppo sarà permesso di classificarsi sotto la voce “altre categorie”. Il governo birmano nega  ai Rohingya la cittadinanza e dichiara che sono immigrati illegali dal Bangladesh e fa riferimento a loro formalmente come Bengalesi. Dall’inizio della raccolta di dati vi sono rapporti che denunciano come i funzionari del censimento lasciano alcune aree senza raccogliere alcuna informazione dopo che i Rohingya che vivono li si sono rifiutati di registrarsi come Bengalesi. La cooperazione internazionale, compresa quella britannica sta finanziando la discriminazione contro i Rohingya, “ ha scritto in un twitter domenica il direttore della Burma Campaign UK Mark Farmaner. La sua organizzazione ha chiesto recentemente il posticipo del censimento denunciando che potrebbe causare spargimento di sangue.

Kenneth Roth,  direttore esecutivo di Human Rights Watch, ha dichiarato che è stato un enorme errore continuare con l’attuale forma di censimento perché provocherà tensioni etniche e impedirà  il riconoscimento dei Rohingya.” Amy Smith,  ricercatrice sui temi dei diritti umani, che si occupa di Birmania ha aggiunto “l'UNFPA ha sollevato molte  sul censimento in Birmania, ma che misure sta adottando?” I nazionalisti buddhisti hanno minacciato di boicottare il censimento per il timore che venga concesso ai Rohingya di indicare nel formulario la loro etnia,  cosa che rappresenterebbe il primo passo per garantire loro la cittadinanza. La scorsa settimana questi timori sono sfociati in violenze quando una banda di buddisti ha imperversato per una città dello stato occidentale Rakhine, attaccando le abitazioni e gli uffici dei funzionari delle organizzazioni umanitarie prima di saccheggiare i magazzini di una ONG pieni di scorte alimentari. Una ragazzina di undici anni è stata uccisa accidentalmente da un coppo di avvertimento sparato dalla polizia per disperdere la folla vicino ad un magazzino dell‘Agenzia per la sicurezza alimentare dell’ONU. Apparentemente le rivolte sono iniziate da una disputa con un lavoratore della Malteser International, una organizzazione per l’assistenza medica, sull’uso della bandiera buddhista. I nazionalisti  che protestavano contro il censimento stavano agitando le bandiere buddhiste fuori dalle loro abitazioni come segno di boicottaggio del censimento. Johannes Kaltenbach, il portavoce della Malteser International, ha dichiarato al sito della stampa locale Democratic Voice of Burma che riteneva che tale violenze erano orchestrate. "forse questi gruppi stavano aspettando qualche cosa su cui attaccarsi per poter cominciare” ha dichiarato.

In un comunicato pubblicato nel weekend, l’UN Population Fund  ha dichiarato che il governo birmano si “è impegnato a che tutti coloro che vivono nel paese saranno conteggiati nel censimento e tutti coloro che risponderanno avranno la possibilità di identificare la propria etnicità”. “Questo impegno non può essere onorato in modo selettivo di fronte alle intimidazioni o alle minacce di violenze”. L’organizzazione ha aggiunto di essere preoccupata dai rapporti che collegano le tensioni al censimento. Un porta parola del fondo, contattato dalla agenzia Anadolu, ha rifiutato di commentare la cosa.

 

News