19/01/2016
La Commissione Elettorale assegna 366 militari al nuovo Parlamento
Stando alle dichiarazioni rese pubbliche martedì, la Commissione Elettorale dell’Unione ha nominato 366 parlamentari tra i militari che dovranno ricoprire i tre livelli del nuovo parlamento (Camera dei Rappresentanti, Camera delle Nazionalità, Parlamenti regionali) perché ricoprano il 25% dei seggi in ogni livello del corpo legislativo.
Dei 366 deputati “non-eletti” e nominati direttamente dai militari, 110 sono stati assegnati alla Camera dei Rappresentanti, 56 alla Camera delle Nazionalità e 200 ai 14 parlamenti delle 7 regioni e dei 7 Stati del paese. Tra i 110  nominati alla Camera dei Rappresentanti, ci sono due generali maggiori, sei brigadieri e sette colonnelli; tra i 56 alla Casa delle Nazionalità, invece, compaiono un generale maggiore, cinque brigadieri e quattro colonnelli.  
Tra gli alti ranghi nel prossimo parlamento ci saranno il genero dell’ex uomo forte della dittatura birmana generale Than Swe.  Tre Generali Maggiori Tauk Tun e Than Htut Thein che siederanno nella Camera Bassa mentre il General Maggiore, Than Soe siederà nella Camera Alta. Thein Naing, marito della figlia del Generale  Than Shwe’s Khin Pyone Shwe, che siederà nel parlamento della Divisione di Rangoon. Secondo l’analista politico Yan Myo Thein Thein Naing è il militare più alto in grado nel parlamento della Regione di Rangoon e potrebbe essere il candidato a Primo Ministro della divisione di Yangon che è la più popolata. Yan Myo ha sostenuto in un post su facebook che la traiettoria politica di Thein Naing e la sua potenziale candidatura a Primo Ministro della Regione di Yangon, potrebbe far parte di un accordo raggiunto tra la Presidente dell’NLD Aung San Suu Kyi, Than Shwe e il comandante in capo dell’esercito Gen Min Aung Hlaing.
Il prossimo mandato della Camera dei Rappresentanti e della Camera delle Nazionalità del nuovo Parlamento, eletto alle elezioni del 8 Novembre scorso, inizierà il 1 Febbraio. Il mandato del parlamento attuale, iniziato con le elezioni del 2010 e in funzione dal 2011, terminerà il 30 gennaio. Sono in corso i lavori di preparazione per il passaggio del potere alle matricole. Nel frattempo il partito vincente alle elezioni, la Lega  Nazionale per la Democrazia, guidata da Aung San Suu Kyi, sta lavorando alla scelta dei candidati a presidente e alla vice presidenza (due vice-presidenti) del paese, che verranno annunciati a fine marzo, quando subentreranno i nuovi membri del parlamento e il nuovo governo salirà al potere. Il risultato ottenuto alle elezioni dell’8 novembre dall’ NLD, che ha vinto con la maggioranza assoluta dei seggi parlamentari, gli consente di poter formare un nuovo governo in modo indipendente, secondo la costituzione, e ha diritto di nominare il presidente e due vice presidenti; i risultati delle elezioni hanno visto la NLD aggiudicarsi 886 seggi, il 77%, su 1150 nei tre livelli parlamentari: 255 parlamentari pari al 79%  alla 
Camera; 135 parlamentari pari all’80%, al Senato; 496 parlamentari pari al il 75,7% ai parlamenti delle regioni o degli stati del paese. Il governo attuale, con al comando il Partito per la Solidarietà e lo Sviluppo dell’Unione (USDP), è riuscito ad ottenere solamente 30 seggi alla Camera, 12 al Senato e 76 nelle regioni e negli stati, per un totale di 118 seggi, corrispondenti al 10% del totale.
Dei 1150 parlamentari eletti, 323 andranno alla Camera, 168 al Senato e 659 tra le regioni/stati del paese.
La costituzione prevede inoltre che il 25% dei seggi ad ogni livello del parlamento vada ai militari, e che questi vengano decisi dal comandante dei servizi di difesa in carica.
News