La crisi dei Rohingya bloccati in mare cresce
Un problema umanitario che deve essere risolto

Circa 7000 Rohingya rifugiati birmani e migranti economici dal Bangladesh rimangono bloccati in mare.
Dal 10 maggio totale di 1396 persone sono sbarcate in Indonesia, 1107 in Malesia e 106 nel sud della Tailandia.
Secondo l’UNHCR  nei primi quattro mesi del 2015, circa 25.000 persone sono fuggite su imbarcazioni dalla Baia del Bengala,. (il doppio del tasso di partenza rispetto al 2014).

Dalla metà del 2012, circa 100.000 Rohingya sono fuggiti in barca e si stima che 1000 persone siano morte in mare quest'anno per lo più di fame, disidratazione e percosse da parte degli  equipaggi delle barche.

Cosa ha scatenato la crisi  delle barche?
Il 1 ° maggio, le autorità tailandesi hanno trovato più di 30 cadaveri sepolti abbandonati nei campi gestiti dai trafficanti nella giungl, vaicino al confine con la Malesia.

Era stato lanciato un giro di vite che ha portato i trafficanti ad abbandonare le loro barche e lasciando i rifugiati in mare senza carburante, cibo e acqua.
In passato, l'Indonesia e la Malesia hanno tranquillamente accettato i rifugiati Rohingya. Tuttavia, recentemente hanno iniziato a mandare indietro le barche.

chi sono i Rohingya?

I Rohingya musulmani sono una minoranza etnica di circa 1,3 milioni di persone che non hanno stato o cittadinanza  ne diritti legali in Myanmar.
Sono senza stato come risultato della legge sulla  Cittadinanza  del 1982 che limita i movimenti e diritti ai servizi. La Birmania afferma che i Rohingya sono in realtà dei rifugiati del Bangladesh. Perché i Rohingya sono in fuga?
Dal 2012, i musulmani Rohingya hanno affrontato  la violenza da  parte di buddisti estremisti e dell'esercito nello stato di Rakhine. Con il risultato che 140.000 Rohingya sono sfollate in Birmania il cui governo ha imposto alle famiglie Rohingya musulmane la politica dei due figli.
I Rohingya hanno accesso limitato all'istruzione e all'assistenza sanitaria. Non hanno libertà di movimento.
Che dire del Bangladesh?
Sono per lo più migranti economici che cercano di trovare lavoro e sfuggire alla povertà estrema.

LA SITUAZIONE ATTUALE

Malesia, Tailandia e Indonesia hanno deciso di interrompere il gioco pericoloso di "ping-pong umano"  e mercoledì hanno scelto di non rimandare indietro le barche.
Al contrario, l'Indonesia e la Malesia forniranno rifugio temporaneo ai rifugiati fino a quando la comunità internazionale offrirà il reinsediamento. Gli Stati Uniti hanno accettato di prendere in considerazione le richieste di nuova sistemazione, ma l'Australia ha stabilito che non se ne occuperà. 15 paesi parteciperanno alla riunione regionale di crisi a Bangkok il 29 maggio. L’ Australia manderà il suo ambasciatore per le questioni connesse al traffico di esseri umani. Il Myanmar ha minacciato di boicottare la riunione se verrà usato il termine Rohingya.
L'Australia ha annunciato la scorsa settimana  di aver già impegnato $ 6 milioni per  generi alimentari d'emergenza e  per dare riparo alle comunità Rohingya in Myanmar oltre a 10,7 milioni dollari in aiuti di emergenza.

News