26/01/2015
Le dighe idroelettriche.Ottimismo e preoccupazioni nel primo seminario pubblico
oltre 1500 tra attivisti, Banche di sviluppo, imprese al primo seminario sul futuro delle grandi dighe

23. 1. 2015 L’atmosfera di ottimismo per lo sviluppo sostenibile delle dighe idroelettriche in Birmania è stato arginato dalle forti preoccupazioni emerse nel corso del primo seminario pubblico sulle dighe, organizzato la scorsa settimana a Naypyidaw. Di fronte alle prospettive presentate dalle banche internazionali di sviluppo, da funzionari governativi e dai consulenti di impresa per l' espansione sostenibile ed equa  del settore idroelettrico, gli attivisti delle minoranze etniche e le ONG hanno espresso forti preoccupazioni per i potenziali pesanti impatti delle dighe sulle comunità locali, l’ambiente e i conflitti etnici in atto.

I due giorni di seminario organizzato dalla IFC (International Finance Corporation), hanno visto la partecipazione di circa 1.500 rappresentanti provenienti dalla Birmania e dalla regione e hanno fornito una piattaforma per una vivace discussione sul futuro delle dighe in Birmania, nel quadro della attuazione delle riforme economiche e democratiche. Le dighe sono state per lungo tempo una questione controversa e durante la dittatura sono state associate  alla violazione dei diritti umani l’acutizzazione del conflitto e lo sviluppo di accordi industriali segreti. Il ministro per l’energia elettrica Khin Maung Soe ha dichiarato ai partecipanti che l’aumento delle forniture di energia elettrica è “una delle maggiori priorità “ dello sviluppo socio economico del paese e che le dighe sono la fonte  principale di espansine della fornitura di elettricità. “Nell’attuazione di progetti idroelettrici ci stiamo misurando con il problema degli impatti sociali ed ambientali, della conservazione dei fiumi e della garanzia di uno sviluppo sostenibile. Il gruppo di lavoro rappresenta una buona opportunità per scambiare punti di vista su come superare queste sfide. “ ha dichiarato il ministro prima di lasciare il seminario con la maggior parte degli alti funzionari. Solo un terzo della popolazione birmana di circa 3 milioni di nuclei familiari ha accesso all’elettricità e le previsioni per i prossimi decenni mostrano una rapida crescita del fabbisogno di energia elettrica sia per la popolazione che per l’industria. Le dighe proposte puntano a risolvere questi bisogni anche se la maggior parte dell’energia verrebbe esportata in Cina e Tailandia in modo da aumentare le entrate governative. La Banca mondiale, l’Asian  Development Bank, IFC e la Japan International Cooperation Agency stanno fornendo assistenza alla Birmania nello sviluppo di politiche, piani e una cornice legale per raggiungere gli obiettivi ambiziosi di crescita energetica, anche attraverso il finanziamento di progetti infrastrutturali, come l’espansione della rete energetica nazionale che è sottosviluppata. Le organizzazioni occidentali e quelle finanziate dal Giappone hanno rallacciato i rapporti dal 2012, dopo che il governo semi civile di Thei Sein ha iniziato le riforme economiche e democratiche. Tra i rappresentanti delle banche al gruppo di lavoro si è registrato una notevole sensazione di ottimismo in relazione alla direzione intrapresa dal governo. Sono stati appoggiati i piani di copertura delle ampie potenzialità idroelettriche del paese, anche se si è sottolineata l’urgenza di rispettare gli standard internazionali per verificare e mitigare gli impatti ambientali e sociali delle dighe. “in Birmania siamo fortemente convinti che il settore idroelettrico deve far parte della strategia energetica. Quindi.. deve essere iniziato in u modo più responsabile perché è un progetto a lungo termine”

Ha dichiarato in una  intervista Raghuveer Sharma,  funzionario capo del settore investimenti  del settore sviluppo industriale e risorse naturali  dell’IFC’s Infrastructure and Natural Resources department,.

Min Khaing, direttore dei dipartimento  dello sviluppo idroelettrico del Ministero dell’energia elettrica ha dichiarato che la Birmania ha in funzione 24 dighe e ne sta costruendo altre 7, mentre sono stati sottoscritti accordi preliminari per 35 progetti. Altri 4 progetti sono stati proposti da società di sviluppo. Secondo uno studio presentato dall’alto funzionario, se tutti i progetti fossero realizzati, in Birmania,  la fornitura di energia idroelettrica salirebbe 43,709 megawatt, dalle attuali 3,011 Mw. Alcuni esperti birmani che hanno preso parte al seminario hanno espresso soddisfazione per la discussione sulle dighe ma hanno sottolineato come vi sia ancora un forte limite derivante dalla assenza di leggi e dalla scarsa capacità del governo di limitare gli impatti negativi sull’ambiente e sulle comunità.

 “Oggi  mancano ancora una procedura di Valutazione di Impatto Ambientale, che determini  come eseguire le valutazioni e ancora più importante una procedura di consultazione e di publicizzazione dei risultati” ha dichiarato Vicki Bowman del Myanmar Center for Responsible Business.

“Il Ministero dell’ambiente non ha la capacità tecnica sul piano ambientale e ancora meno sul piano sociale per determinare se le imprese e i consulenti terzi stiano effettuando tali valutazioni e attuando  correttamente i piani di mitigazione”. Bowman  ha dichiarato che non è chiaro se i progetti già in costruzione, come la diga di Myitsone sul fiume Irrawaddy dovranno rispettare gli standard internazionali. “la presenza dell’IFC e della Banca Mondiale al seminario rappresentano una opportunità perfetta per assicurare la attuazione di una due diligence sociale e ambientale per tutte le dighe” ha dichiarato.

Maw Htun Aung,  un attivista Kachin  che lavora per  il Natural Resource Governance Institute,  ha dichiarato al workshop che  “ la scelta strategica qui in Birmania è se dobbiamo andare veloci sbagliando o se stiamo scegliendo di andare piano facendo la cosa giusta? Questa è una decisine che tutti gli stakeholder devono prendere”.

Le dighe alimentano il conflitto?

La mancanza di informazioni ufficiali circonda l’attuale situazione dei progetti pianificati, la maggior parte dei quali si sviluppano in aree remote delle minoranze etniche  vittime di un lungo conflitto nella Birmania orientale e dell’est tra il governo centrale e numerosi gruppi etnici armati  che chiedono maggiore autonomia.

Durante il governo militare sono tati firmati accordi iniziali con imprese cinesi per la costruzione di almeno otto dighe sul fiume Irrawaddy e sui suoi affluenti nello stato Kachin, mentre altre aziende cinesi e tailandesi hanno firmato accordi preliminari per costruire almeno sei dighe sul fiume Salweeen, che scorre attraverso gli stati Shan, Karen e Mon nella Birmania orientale. Tra questi progetti vi sono grandi dighe nelle zone di guerra dello Stato Kachin come le dighe di Chibwe e Laiza e nelle zone contestate dello stato Shan come le dighe di Kunlong, Hat Gyi e Tasang. Ancora oggi non è chiaro lo status di tali progetti anche se il vice ministro per l’energia elettrica Maw Thar Htwe  ha riferiti al parlamento lo scorso anno che il governo intende proseguire con la costruzione di queste cinque dighe controverse. Il governo ha sospeso nel 2011 la costruzione della diga di Myitsone e altre sei dighe, progettate dalla Chinese Power Investment (CPI) di proprietà dello stato cinese, nelle zone di conflitto dello stato Kachin.

Durante il seminario le ONG e gli attivisti etnici hanno avvisato il governo, le banche multilaterali e i consulenti di impresa presenti che  il sostegno alle dighe idroelettriche in Birmania comporta rischi seri visto che alcuni progetti potrebbero riaccendere i conflitti etnici e avere un forte impetto negativo sulle comunità etniche e sull’ambiente.

 “Per quanto ne so si costruiranno sette grandi dighe sul fiume Salween e queste saranno collocate vicino a dove si trovano i gruppi etnici armati. Da un punto di vista del potere politico possiamo ritenere che il governo vuole usare le dighe come arma per controllare e allagare queste zone in modo da aumentare il conflitto” ha dichiarato April Kyu Kyu della organizzazione Land In Our Hands. “quindi vi prego di riflettere e di non cercare di spingere per la costruzione di tali dighe, perché ciò comporterà un aumento del conflitto in Birmania”.

L’associazione  Burma Rivers Network  ha emesso un comunicato stampa in occasione del seminario e ha chiesto “l’interruzione immediata dei progetti di costruzione delle dighe sul fiume Salween, che stanno alimentando la guerra e violando i diritti delle popolazioni locali” questa dichiarazione è stata accompagnata da una petizione firmata da circa 61.000 persone e da 131 organizzazioni e partiti politici.

Sotto la precedente giunta militare sono stati pubblicati rapporti sulla militarizzazione e sulle ampie violazioni dei diritti nel tentativo da parte delle forze governative di mettere in sicurezza le aree interessate dai progetti di costruzione delle dighe e per ripulirle dai ribelli e dai villaggi etnici. Un rapporto del Karen River Watch pubblicato a novembre ha denunciato l’aumento di pesanti combattimenti tra la Democratic Karen Benevolent Army e le forze congiunte dell’esercito e delle forze di confine negli stati Karen e Mon  come risultato dei tentativi del governo di mettere in sicurezza le aree del progetto per la costruzione della diga di Hat Gyi.

I rappresentanti della banca multilaterali hanno evitato di discutere della costruzione delle dighe nelle zone di conflitto, ma hanno riconosciuto la delicatezza dei progetti. “molti conflitti riguardano le opportunità economiche… abbiamo bisogno di capire la natura dei conflitti ma sono sicuro che troveremo il modo per risolverli e se è un problema etnico potrebbe la soluzione potrebbe essere più difficile” ha dichiarato Sharma dell’IFC.

I funzionari governativi non erano presenti nelle sessioni del seminario che ha discusso le preoccupazioni sul legame tra lo sviluppo delle dighe e il conflitto etnico.

Ashley South,che da tempo studia il conflitto etnico in Birmania ed è consulente della Myanmar Peace Support Initiative, finanziata dalla Norvegia, ha dichiarato durante i lavoro: “bisogna riconoscere che le precedenti esperienze in Birmania nella costruzione di dighe idroelettriche sono state molto negative da molti punti div ista, in particolare per le comunità direttamente colpite”. “Quindi è chiaro che molti locali hanno posizioni molto negative sui progetti di sviluppo economici gestiti dallo stato in generale e in particolare sui progetti idroelettrici.” E ha aggiunto che comunque questa percezione potrebbe cambiare se fossero applicate le norme internazionali nella attuazione dei progetti di costruzione delle dighe. “abbiamo anche sentito l’importanza straordinaria che l’idroelettrico potrebbe offrire alla Birmania e certamente condivido che questo è molto eccitante”.

John Bright,  coordinatore del problema acqua del Karen Environmental and Social Action Network,  ha dichiarato che ci vorranno molti anni per ottenere lo sviluppo di progetti idroelettrici veramente  ambientalmente sostenibili  e che hanno il consenso delle popolazioni etniche e delle loro organizzazioni politiche. “dobbiamo assicurarci che vengano attuati processi democratici che assicurino una soluzione pacifica in un ambiente pacifico” ha detto in una intervista. “c’è bisogno di definire una agenda potenziale per lo sviluppo economico perché abbiamo bisogno di sviluppo e perché stiamo lottando per  questo e per i nostri diritti all’autodeterminazione”.” Ci vorrà tempo. Dopo sei decenni di conflitto non si può costruire la fiducia in uno o tre anni. Ci potrebbero volere anche 20 anni” ha dichiarato.

 

News